Alien Sex Fiend

Possessed

2018 (Cherry Red) | industrial-rock, death-rock

La storia degli Alien Sex Fiend attraversa quarant’anni di musica goth, a partire dagli esordi al mitico locale Batcave di Londra, diventato esso stesso sinonimo di death-rock "made in Uk", di cui loro sono il simbolo.
Già, perché il loro mix di teatralità horror glam, post-punk psichedelico (e, da fine anni Ottanta, elettronica) ha reso gli ASF una band di culto: brani come "In God We Trust (In Cars You Rust?)", "Dead And Re-Buried" o "E.S.T. (Trip To The Moon)" sono diventati dei capisaldi nelle scalette dei dj-set gotici di tutto il globo.
Negli ultimi anni le loro uscite discografiche, così come le apparizioni dal vivo, sono diventate piuttosto rare: non stupisce, quindi, una certa attesa da parte degli appassionati per questo "Possessed" che segue, a 8 anni di distanza, il precedente "Death Trip".
 
Da tempo ristrettisi a un duo, Nik e Christine Wade (alias Mr. and Mrs. Fiend) danno alle stampe questo tredicesimo lavoro della loro discografia, impreziosito come sempre da un artwork realizzato dallo stesso Nik Fiend.
L'avvio non è dei migliori: l'intro rumorista precede una poco allettante (fin dal titolo) "Shit's Coming Down": rock industrialoide che non rende giustizia al talento dei londinesi. Meglio la successiva "It's In My Blood", undici minuti psichedelici: musica per raver gotici, senza ombra di dubbio, con un crescendo finale davvero niente male.
La carica gothabilly-sintetica di "Ghost In The Machine" si perde purtroppo nei suoi beat rarefatti: un trip a cui è difficile stare dietro, con gli ASF che sembrano voler decostruire la loro formula, con risultati altalenanti. È un po’ il discorso che vale per tutto l'album, un disco per certi aspetti "sperimentale", addirittura ostico in certe sue dissonanze, con un sound a tratti minimale, scarno ("Gotta Get Back", "Invisible").
 
L'impressione è che "Possessed" suoni esattamente come gli Alien Sex Fiend vogliano suonare nel 2018: meglio così, comunque, piuttosto che ricalcare pedissequamente le hit del passato.
A riprova di un gruppo che fa della personalità il proprio trademark, le bonus track sono state riservate, anziché alla versione cd, come solitamente accade, a quella in vinile (due remix di "Carcass" e "Invisible"). La tracklist delle due edizioni, sempre in tema di mix dei brani, è inoltre leggermente diversa.

(28/12/2018)



  • Tracklist
  1. Possessed (Intro)
  2. Shit's Coming Down
  3. It's In My Blood
  4. Carcass
  5. Ghost In The Machine
  6. Amnesia
  7. Spine-Tingler
  8. Gotta Get Back
  9. Invisible (The Beyond Mix)
  10. Neutron
  11. Bloody Reprisal
  12. Shit's Coming Down (Monster Mix)
Alien Sex Fiend on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.