Alos

The Chaos Awakening

2018 (Dio Drone) | gothic, avantgarde

Per Stefania “Alos” Pedretti la discesa al centro unificatore dell’esistenza era partita, con una prefazione, “Ricamatrici” (2009), da “Era” (2012) e “Matrice” (2015). Grazie a “The Chaos Awakening” il suo percorso ridiscende ulteriormente a una forma minimalista di puri segni. La sua arte, prossima a una semplice registrazione d’ambiente in un’assenza spartana di musicalità, porta ora i tratti somatici del paradosso. La Monte Young forse ne arrossirebbe.

All’inizio convivono solo la sordida, grave pulsazione dell’elettronica e “assoli” svolazzanti, snervanti di percussioni povere, a metà via tra stasi monotona e suspense horror. Una sorta di cornamusa decrepita che potrebbe provenire dal “Not Available” dei Residents intona un canto monocorde, praticamente una sola stanca nota tenuta fatta modulare a caso. Gli si sostituiscono mugolii da trance sovrannaturale aborigena. La pulsazione cessa, interviene un cordofono a scandire un mantra afono, senza forma. Solo negli ultimi cinque minuti il tutto prende la piega satanica qual marchio di fabbrica dell’autrice (e qui non è un valore aggiunto), ma i live electronics deformano la voce fino a renderla ululato, vento, o solo distorsione.

Umilissimo, stecchito mini dove Pedretti riconferma e rinsalda anzitutto il significato più basico del suo moniker (Alos: Sola), a differenza dei predecessori in cui concertava, bene, qualche ospitata. E quindi, e di conseguenza, l’amore per il do-it-yourself, l’essenzialità artigianale: un solo brano (venti minuti), registrato in presa diretta in una sola take, in cui suona tutto, dal sintetizzatore, al flauto, a non meglio precisati “other vietnamese instruments”, a uno strumento inventato, il chaos scepter, costruitole per l’occasione da un genietto già al lavoro per altri creativi dell’undergound italico, Gabriele “Nude Guitars” Fabbri. Non manca lo sfondo macchiettistico, quel gotico da fattucchiera che ormai fa parte della sua immagine, in quest’atto unico in cui si diradano gli stereotipi Galas-iani e si sprigiona un grande amore per l’etnografia, il contatto col suono della terra, della Pangea. Solo in vinile a singola facciata (nell’altra, una serigrafia a cura di Algas). Co-prodotto con Dischi Bervisti.

(29/09/2018)

  • Tracklist
  1. The Chaos Awakening
Alos su OndaRock
Recensioni

ALOS

Matrice

(2015 - Cheap Satanism)
Nuovi record di efferatezza nell'ultimo capitolo della creatura di Stefania Pedretti

ALOS

Era

(2012 - Tarzan)
La regressione primordiale nella sinfonia pagana di Stefania Pedretti

ALOS

Ricamatrici

(2009 - Bar La Muerte)
Nuova scorsa descrittiva per Stefania Pedretti, stavolta alle prese con il lavoro delle sartine

Alos on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.