Alva Noto

UNIEQAV

2018 (NOTON) | ambient-techno, glitch

Dieci anni per arrivare a vedere la stanghetta verticale che sancisce la conclusione della trilogia "uni" di Alva Noto. Nel mezzo ci sono stati, principalmente, due capitoli della serie ambient “Xerrox” e vari progetti con il sodale di lunga data Ryuichi Sakamoto: la conclusione del ciclo VIRUS (“Summvs”), una colonna sonora (“The Revenant”) e una live session improvvisata di recente pubblicazione (“Glass”). Ma il 2018 è anche l’anno che sancisce il nuovo corso della ex-raster-noton, la cui divisione strettamente discografica è ora totalmente affidata allo stesso Nicolai, che ha inaugurato la reincarnazione NOTON con tre release in soli tre mesi – a partire dal recupero d’archivio del concerto con Ryoji Ikeda e Mika Vainio, tenutosi quindici anni prima.

Dopo l’ermetico e febbrile codice di “Unitxt” (con file di dati riversati in formato audio) e il widescreen audiovisivo di “univrs” – tra i più sbalorditivi affreschi della glitch music – il segmento finale “UNIEQAV” sembra avere meno l’aspetto di un’installazione sonora e più quello di un album in senso classico e quasi “retrò”, con scelte stilistiche che in più casi rimandano agli ormai lontani anni 90.
Forzando un po’ la mano, potremmo addirittura chiamarlo il suo “Selected Ambient Works”: un composto saggio di sound design che al freddo rigore del caos controllato predilige atmosfere atte a un ascolto non necessariamente attentivo, accogliendo persino lievi tratti melodici che nei primi due terzi del progetto non avremmo trovato – quasi stessimo trattando di un Wolfgang Voigt convertito alle frequenze alte.
La coesistenza di texture profonde e punteggiature digitali in superficie, suddivise con cura tra i canali stereo, crea l’illusione uno spazio prospettico tridimensionale, in molti casi prossimo all’oscuro immaginario post-umano dei Pan Sonic, con gli schiocchi di frusta, le scie ronzanti e i nerissimi fondali propri dei guru finlandesi (“Uni Normal”, “Uni Mic A” e “B”), ma anche al lato più ruvido delle soundtrack di Trent Reznor e Atticus Ross (“Uni Blue”).

Trittico nel trittico – e più esplicito legame col resto – quello in collaborazione con Anne-James Chaton: dopo l’episodio dedicato a sigle e acronimi di noti trademark globali, il robotico performer procede a “recitare” i codoni di aminoacidi che compongono le sequenze del Dna (ossia combinazioni di due o tre lettere fra A-T-G-C) su un pattern ritmico di quasi sei minuti, soggetto a variazioni minime.
Solo nei due brani seguenti si rende più riconoscibile la concitata marca sonora di Alva Noto, ma non sono che eccezioni entro un’opera (la cui regola è confermata in chiusura) che, pur nella relativa varietà di soluzioni, rappresenta senza dubbio il lato più introverso e “conservatore” della serie che porta a compimento. Un finale in understatement, forse per esercitare un contrappeso nell’economia generale della macro-opera, ma non certo un gran finale.

(22/03/2018)

  • Tracklist
  1. Uni Sub
  2. Uni Mia
  3. Uni Version
  4. Uni Clip
  5. Uni Normal
  6. Uni Mic A
  7. Uni Blue
  8. Uni Mic B
  9. Uni DNA
  10. Uni Edit
  11. Uni Tra
  12. Uni Chord
Alva Noto su OndaRock
Recensioni

ALVA NOTO

Univrs

(2011 - Raster - Noton)
Le fotografie della materia in movimento nel nuovo dirompente lavoro di Alva Noto

ALVA NOTO

For 2

(2010 - Line)
Nuovo episodio della serie For per il genio tedesco

ALVA NOTO

Xerrox Vol. 2

(2009 - Raster-Noton)
Carsten Nicolai non delude le aspettative nel secondo volume della serie Xerrox

News
Alva Noto on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.