Barre Phillips

End To End

2018 (ECM) | contemporanea

Impresa non facile – o addirittura utopica – sigillare una vita in musica, da un capo all’altro della matassa. “End To End” per l’appunto: le due estremità di una linea, l’inizio come la fine, e oltre di esse il silenzio. Al traguardo degli 83 anni, per il contrabbassista d’avanguardia Barre Phillips c’era tempo e spazio soltanto per altri tre encore, suddivisi in movimenti e compilati nel disco finale per la ECM, a lungo una seconda casa per la sua peculiare arte sonora.

Tutto finisce, per l’appunto, come ebbe inizio: cinquant’anni fa, similmente al coevo “For Alto” di Anthony Braxton, “Journal Violone” fu il primo album d’improvvisazioni per basso solo, andando a rivendicare un’autonomia che risale alle sei suite per violoncello di Bach. E a differenza di quella pietra fondante dell’avant-jazz, definita da Phillips come “soltanto suoni per basso”, in effetti non è sbagliato riconoscere una certa eleganza barocca in queste ultime meditazioni, ove non si presentano mai dissonanze marcate, e anzi si respira il lirismo tipico delle produzioni di Manfred Eicher – il quale ha pur spesso accolto l’indole più selvaggia di Phillips, espressa al fianco di fuoriclasse come Dave Holland, Paul Bley e Evan Parker.

Per me questo album non è diverso rispetto a qualsiasi altro precedente. Faccio ciò che mi è pertinente, e il mondo esterno fa la sua danza del pollice in su o in giù. [*]

È un de profundis solitario ma fiero, del tutto noncurante della misura in cui possa accontentare l’una o l’altra fazione – puristi o avanguardisti, nel jazz come nella classica – dando pienamente voce a un canto dell’anima anziché al potenziale nascosto dello strumento-oggetto. In questo caso, anzi, Phillips non intende far mostra di tecniche estese delle quali ha ormai pieno controllo: piuttosto si abbandona spontaneamente a echi klezmer, convoluti arabeschi e fughe sciarriniane in armonici naturali (“Inner Door”), inseguendo l’intuizione melodica del momento con piglio quasi impressionista.
In contrasto con il mood arioso predominante e l’accurata cesellatura delle singole note, nel quarto movimento di “Quest” e di “Inner Door” la mano oscilla ossessivamente tra due accordi minori, di modo che sia il rimbalzo costante dell’archetto sulle corde a dettare il ritmo della scura digressione, mentre la seconda parte di “Outer Window” è ancor più nervosa ed ermetica, laddove le percussioni sulla superficie in legno lasciano trasparire soltanto un’ombra di tonalità.

Il sentiero tracciato nel corso dell’album non giunge a una conclusione commossa o grandiosa, ma d’un tratto ritorna nel silenzio come se ogni gesto fosse stato sostanzialmente effimero, provvisorio. La “fine” di Barre Phillips, insomma, non fa che rimarcarne la sostanziale impossibilità: un testamento filosofico e spirituale, ancor più che musicale.

[*] Dichiarazione rilasciata a The Wire, agosto 2018

(14/09/2018)

  • Tracklist
  1. Quest - Pt. 1
  2. Quest - Pt. 2
  3. Quest - Pt. 3
  4. Quest - Pt. 4
  5. Quest - Pt. 5
  6. Inner Door - Pt. 1
  7. Inner Door - Pt. 2
  8. Inner Door - Pt. 3
  9. Inner Door - Pt. 4
  10. Outer Window - Pt. 1
  11. Outer Window - Pt. 2
  12. Outer Window - Pt. 3
  13. Outer Window - Pt. 4
Barre Phillips on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.