Beak>

>>>

2018 (Invada) | neo-kraut, psych-rock

Era lì, nell’ombra, la nuova creatura di Geoff Barrow, in attesa che i riflettori fossero rivolti altrove. Sembrava quasi che il musicista avesse deciso di relegare i Beak> a potenziale valvola di sfogo dalle frustrazioni del dopo-Portishead, evitando accuratamente citazioni del passato, al fine di allontanare dalla band quel pubblico nostalgico del trip-hop in salsa romantic-noir di “Dummy”.
Billy Fuller (ex-membro dei Fuzz Against Junk e collaboratore di Robert Plant) e il nuovo arrivato Will Young (che dal 2016 ha sostituito Matt Williams) hanno aiutato Barrow nell’impresa alquanto difficile di creare una nuova prospettiva stilistica altrettanto intensa e originale.

Per Il progetto Beak> i musicisti hanno inizialmente utilizzato un approccio grezzo, ricco di errori e impurità, fatto di registrazioni live appena rifinite in sede di produzione. In un alternarsi di Ep e sperimentazioni, con il secondo album “Beak >>” il gruppo ha rimarcato il processo di mutazione genetica di certe strutture kraut-rock, contaminandole con psichedelia e flussi elettronici astratti, atonali.
Con il nuovo album “>>>” la band non rinuncia alla logica della jam-session live in studio per la creazione delle composizioni, solo che questa volta i tre musicisti hanno impiegato molto più tempo nella rifinitura delle tracce, senza intaccarne la spigolosità e il torbido fascino. Raffinatezza e compiutezza sono ora parte integrante di una musicalità evoluta e a suo modo complessa ed equilibrata.

Non si preoccupino i fautori delle modalità naif dei primi due album: quello che è avvenuto in “>>>”non è una normalizzazione esangue, ma un’esaltazione di quegli elementi creativi che il gruppo ha coltivato in questi anni. E’ un gioco di equilibri strumentali, quello che rende il nuovo album dei Beak> un progetto di emancipazione dallo status sperimentale a quello compiuto. La band ha finalmente raggiunto un’identità sonora non solo ben definita ma autonoma.
Nelle note di “The Brazilian” per un attimo riecheggia il mood possente dei Portishead, con sonorità orchestrali dai tratti urban-blues e cinematici che quasi fanno da titoli di testa di un album che sembra fluire come un film noir. Sono comunque le matrici kraut-rock le vere protagoniste di “>>>”, tra incisive e ossessive soluzioni ritmiche che rimandano ai Can (“Brean Down”), pulsanti minimalismi alla Neu! (“RSI”) e contaminazioni psichedeliche che profumano di Tangerine Dream e Broadcast (“Birthday Suit”).

I tre musicisti giocano con le sfumature kraute e pop già esplorate in passato da altre formazioni come i Radiohead (“Harvester”), i Boards Of Canada (“When We Fall”), gli Stereolab (“Teisco”) e certe produzioni pop-prog anni 80 (“King Of The Castle”), senza mai abbandonare quel suono ciclico e tremante dove synth e batteria modellano un groove cangiante e sfaccettato.
Non è un caso che l’etichetta di Geoff Barrow, l’Invada, negli ultimi tempi abbia incrementato l’interesse per le colonne sonore, pubblicando tra l’altro una serie di edizioni in vinile della musiche della serie Netflix “Stranger Things”: tra le pieghe di “>>>” c'è più di un riferimento al mondo della musica da film, tra una forse involontaria citazione di “Blade Runner” in “Allé Sauvage” e un’ambiziosa e terrificante “Abbots Leigh” che non sfigurerebbe in un horror dai tratti gothic.

Resta l’imprevedibilità il punto di forza del suono dei Beak>, un’attitudine alla stravaganza che il gruppo ha finalmente tradotto in un pattern lirico memorabile. Non è un album facile, il nuovo lavoro disco del trio inglese, ma la sensazione che questo sia il potenziale urban-folk del futuro è sempre più forte.

(30/11/2018)



  • Tracklist
  1. The Brazilian
  2. Brean Down
  3. Birthday Suit
  4. Harvester
  5. Allé Sauvage
  6. Teisco
  7. King Of The Castle
  8. RSI
  9. Abbots Leigh
  10. When We Fall
      




BEAK> su OndaRock
Recensioni

BEAK>

>>

(2012 - Invada)
Il ritorno del supergruppo capitanato da Geoff Barrow a tre anni dall'omonimo debutto

BEAK>

Beak>

(2009 - Invada)
La strana creatura di Geoff Barrow concepita in dodici giorni di puro e sano orgasmo kraut

Beak> on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.