Bruce Springsteen

Springsteen On Broadway

2018 (Columbia) | songwriter, storytelling

C’era una volta un ragazzo del New Jersey. Potrebbe venire da qualche pagina di Kent Haruf, la sua storia di provincia. No, non la sua epopea: quella l’abbiamo già vista in giro per gli stadi di tutto il mondo. La sua leggenda minore, quotidiana, ordinaria. Quella fatta di matrimoni e funerali che attraversano le strade del quartiere, degli odori di una fabbrica di caffè che si diffondono nell’aria nelle giornate di pioggia, degli echi di voci che chiamano i bambini a casa per la cena. Quella meno appariscente, e forse proprio per questo quella capace di entrare più nel profondo.

“Springsteen On Broadway” è prima di tutto un racconto. Le parole contendono i riflettori alla musica, e la musica si spoglia per dare respiro alle parole. Quasi un audiolibro con colonna sonora, più che un tradizionale live acustico. Bruce Springsteen ha calcato il palcoscenico del Walter Kerr Theatre per più di un anno, portando in scena una sorta di rappresentazione teatrale della sua autobiografia. Il doppio cd che ne è scaturito, inevitabilmente, non è fatto per un ascolto distratto. Senz’altro aiuta l’accompagnamento del contraltare visivo girato da Thom Zimny, uscito su Netflix in contemporanea al disco. Ma una cosa è certa: l’attenzione che richiede è destinata a essere ampiamente ripagata.

La prima confessione del cantastorie, davanti alla platea del piccolo teatro newyorkese, è che il poeta è un fingitore. “Non ho mai visto l’interno di una fabbrica, ed è l’unica cosa di cui ho sempre scritto”, scherza. L’uomo nato per correre è uno che ha finito per abitare a dieci minuti dalla propria città natale. Uno che è diventato famoso scrivendo di cose di cui ammette di non avere nessuna esperienza personale. Ma è proprio questo il segreto dei cantastorie: farti vivere vite che non sono la tua.
Ed ecco allora partire l’inconfondibile arpeggio di “Growin’ Up”, con quell’esplosione di ardore giovanile a trascolorare in una più pacificata consapevolezza del tempo, inframmezzata da una lunga digressione sull’epifania di Re Elvis nella vita di un bambino di sette anni. Springsteen scandisce nitidamente ogni sillaba, quasi a volerne assaporare tutto il peso. Alterna cantato e recitativo senza soluzione di continuità, dà libero sfogo alla sua vena di affabulatore sempre in bilico tra sorriso e riflessione.

Si parla molto di radici, in “Springsteen On Broadway”. Bruce siede al piano e “My Hometown” perde all’istante ogni ombra di retorica, per tratteggiare quel piccolo angolo di America che sembra a un milione di chilometri dalle luci di New York, separato dalla metropoli da un’ora di strada che è come un viaggio dalla Terra alla Luna.
Su una lenta e solenne “My Father's House” si staglia l’ombra del padre, eroe e nemico al tempo stesso, e la narrazione diventa autoanalisi in pubblico, esame di coscienza, confronto con i propri fantasmi. Al suo fianco, la figura materna si fa icona di un’instancabile positività, con la dedica di una struggente versione pianistica di “The Wish” (unica rarità in una scaletta sin troppo incentrata sui classici).
Essere figli, essere genitori. La fatica di riuscire a immedesimarsi gli uni nelle fatiche degli altri. Una sofferta riconciliazione da cui nasce il momento più intenso del disco, quando Springsteen asciuga le lacrime dagli occhi per intonare una commossa “Long Time Comin’”. E nella sua voce ogni respiro assume uno spessore quasi insostenibile: “If I had one wish in this God forsaken world, kid/ It’d be that your mistakes will be your own/ That your sins will be your own”.

Non c’è quell’inventiva nel riscrivere il vecchio repertorio che aveva contraddistinto i tour solisti di “The Ghost Of Tom Joad” e “Devils & Dust”. Ma nel mettersi a nudo in una maniera così intima, Springsteen riesce a conferire ai brani una nuova schiettezza, qualcosa in grado di arrivare direttamente all’essenza. È il cuore pulsante delle sue canzoni: “Thunder Road” è lo sguardo di un ragazzo immerso nel cielo stellato dell’estate mentre lascia la sua città, “The Promised Land” è il brivido di una strada che si apre davanti allo sguardo come una pagina bianca ancora tutta da scrivere. Più vere e palpitanti qui, di certo, che non nel rito collettivo dei grandi concerti.
I capitoli della biografia di Springsteen scorrono uno dopo l’altro come le carrellate di un film: l’avventura della E Street Band e l’amicizia indissolubile con Clarence Clemons (“Tenth Avenue Freeze-Out”), l’amore che diventa capacità di costruire insieme (“Tougher Than The Rest” e “Brilliant Disguise”, in duetto con Patti Scialfa). L’America e le sue contraddizioni, da una “Born In The U.S.A.” declamata alla maniera di Blind Willie Johnson fino ai ricami che si intrecciano intorno a “The Rising”. E poi una “Dancing In The Dark” che va a sfociare nel gospel scarnificato di “Land Of Hope And Dreams”, prima dell’inevitabile epilogo di “Born To Run”.

C’era un grande faggio rosso, nel cortile di casa Springsteen. Adesso tutto quello che ne resta è qualche radice lungo il bordo di un parcheggio. Le cose che abbiamo amato sembrano svanire inghiottite dal tempo. “Ma l’anima, l’anima è qualcosa di testardo. Non si dissipa così velocemente”. E così, alla fine del racconto, Springsteen prende in prestito le parole di una preghiera. La più semplice di tutte, il “Padre nostro”. Lui, il ragazzo del New Jersey cresciuto “circondato da Dio”, tra il campanile della chiesa e il convento delle suore, si trova a ripetere quelle parole biascicate mille volte nell’ora di catechismo o in un’aula di scuola. Ora, però, hanno un significato diverso: l’esperienza della vita ha dato loro carne e sangue. È lì dentro, sembra volerci dire, che si trova tutto il sugo della storia: quella “lunga e rumorosa preghiera” che è il nostro cammino di uomini.

(07/01/2019)

  • Tracklist

Cd 1

  1. Growin' Up (Introduction)
  2. Growin' Up
  3. My Hometown (Introduction Part 1)
  4. My Hometown (Introduction Part 2)
  5. My Hometown
  6. My Father's House (Introduction)
  7. My Father's House
  8. The Wish (Introduction)
  9. The Wish
  10. Thunder Road (Introduction)
  11. Thunder Road
  12. The Promised Land (Introduction Part 1)
  13. The Promised Land (Introduction Part 2)
  14. The Promised Land (Introduction Part 3)
  15. The Promised Land

 

Cd 2

  1. Born In The U.S.A. (Introduction Part 1)
  2. Born In The U.S.A. (Introduction Part 2)
  3. Born In The U.S.A.
  4. Tenth Avenue Freeze-Out (Introduction)
  5. Tenth Avenue Freeze-Out
  6. Tougher Than The Rest (Introduction)
  7. Tougher Than The Rest
  8. Brilliant Disguise (Introduction)
  9. Brilliant Disguise
  10. Long Time Comin' (Introduction)
  11. Long Time Comin'
  12. The Ghost Of Tom Joad (Introduction)
  13. The Ghost Of Tom Joad
  14. The Rising
  15. Dancing In The Dark (Introduction)
  16. Dancing In The Dark
  17. Land Of Hope And Dreams
  18. Born To Run (Introduction Part 1)
  19. Born To Run (Introduction Part 2)
  20. Born To Run
Bruce Springsteen su OndaRock
Recensioni

BRUCE SPRINGSTEEN

The Ties That Bind: The River Collection 1980-2015

(2015 - Columbia)
In coincidenza col Natale, un gradito regalo da parte del Boss

BRUCE SPRINGSTEEN

High Hopes

(2014 - Columbia)
Springsteen si affida alla chitarra di Tom Morello per rivisitare un pugno di brani recuperati dagli ..

BRUCE SPRINGSTEEN

Wrecking Ball

(2012 - Columbia)
Il sogno americano al tempo della crisi, in un disco carico di rabbia e di speranza

BRUCE SPRINGSTEEN

The Promise

(2010 - Columbia)
Dagli archivi springsteeniani, il "disco perduto" delle session di "Darkness On The Edge ..

BRUCE SPRINGSTEEN

Working On A Dream

(2009 - Columbia)

Un juke-box di sogni in chiave pop per l’era Obama

BRUCE SPRINGSTEEN

Magic

(2007 - Sony Bmg)
L’annunciato ritorno del Boss con la consumata E-Street Band

BRUCE SPRINGSTEEN

Live In Dublin

(2007 - Columbia)
A metà tra marketing e live, un'altra uscita per Springsteen

BRUCE SPRINGSTEEN

Devils & Dust

(2005 - Columbia)

BRUCE SPRINGSTEEN

Nebraska

(1982 - Columbia)
Il disco che definisce la grandezza del Boss con un oscuro tour de force acustico

BRUCE SPRINGSTEEN

The River

(1980 - Columbia)
Un doppio album che suggella un periodo memorabile per il songwriter di Freehold, New Jersey

News
Live Report
Speciali

Bruce Springsteen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.