Crack Cloud

Crack Cloud

2018 (Tin Angel) | post-punk, alt-pop

Invasi da band dal tono revivalista e da un’orda di cloni senza personalità, siamo a volte in difficoltà nel discernere il sacro dal profano, il genuino dall’artefatto.
Per i canadesi Crack Cloud le assonanze stilistiche sono evidenti e palesi già dalle prime note: Gang Of Four, Josef K, Talking Heads e Fela Kuti, riferimenti che tolgono ogni dubbio sulla natura post-punk del gruppo. Quello dei Crack Cloud è un progetto che ha una visione culturale ben radicata, dove fondamentale è la struttura comunitaria e socio-politica della band.

I sette musicisti sono saliti alla ribalta delle cronache nel 2018 grazie all’interesse della Tin Angel, che ha assemblato i primi due Ep, l’omonimo del 2016 e “Anchoring Point” del 2017, mettendo insieme tutte le registrazioni finora pubblicate dai Crack Cloud. I canadesi mettono subito in chiaro è che non è necessario essere nostalgici per far rivivere le emozioni del passato, basta lasciar fluire le proprie influenze, senza tenerle sotto controllo, per catturare quello spirito necessario a reinventare vecchie sonorità.

Al contrario dei Greta Van Fleet, i Crack Cloud non sono succubi delle loro pulsioni indotte, né ostentano tecnicismi da bravi ragazzi “cattivi”, anzi, molte delle scelte tecniche sono frutto di personali idiosincrasie con le regole: il batterista suona invertendo destra con sinistra, le quattro chitarre sono pizzicate e torturate, e le tastiere sono grezze e aride.
Assecondando i richiami stilistici sopracitati, i canadesi offrono un intelligente e poco convenzionale revival punk-funk-pop, con una serie di canzoni caratterizzate da riff tribali (“Empty Cell”), sonorità spigolose (“Cap//Cloak”), ritmi frastagliati e ballabili (“Drab Measure”, “Graph Of Desire”) e armonie anarchiche (“Time Unsubsidized”). Anarchica è anche la struttura del gruppo che ha visto avvicendarsi una moltitudine di amici prima di trovare un assetto momentaneamente stabile, una formazione che peraltro si è consolidata sul campo, con un’attività live che ha varcato i confini patri, investendo l’Europa.

Un esordio vigoroso e corroborante per un gruppo di cui sentiremo ancora parlare in futuro.

(20/01/2019)



  • Tracklist
  1. More Of What
  2. Drab Measure
  3. Time Unsubsidized
  4. Cap//Cloak
  5. Bastard Basket
  6. Lack Of Lack
  7. Graph Of Desire
  8. Empty Cell
  9. Image Craft
  10. Philosopher’s Calling
  11. Swish Swash




Crack Cloud on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.