Death In June

Essence!

2018 (New English Recordings) | neofolk

Cosa aspettarsi da un disco dei Death In June nel 2018? Douglas Pearce è evidentemente un personaggio capace di spaccare il pubblico in devoti fan adoranti e accaniti detrattori, i quali non mancheranno neanche questa volta di esprimere la loro opinione al bar o sui social. “Essence!” è un ritorno che in ogni caso non vi lascerà indifferenti, se in passato vi siete imbattuti nei dischi della Morte in giugno.
I confronti con quanto fatto sino ad ora sono legittimi e necessari, specie perché qui siamo dalle parti di sound molto classico e rodato, ma non è detto che ciò sia necessariamente un male. Per intenderci, siamo di fronte a un suono neofolk anni Novanta che guarda essenzialmente a “But, What Ends When The Symbols Shatter?” (1992) e “Rose Clouds Of Holocaust” (1997) con solo il suono di tromba presente in “What Will Become Of Us?” ad omaggiare il lontanissimo periodo wave/post punk dei primi dischi. In ogni caso, dimenticate la dimensione martial industrial dei lavori in collaborazione con Albin Julius dei Der Blutharsch e le divagazioni pianistiche di “Peaceful Snow” con il fido Miro Snejdr.

Pearce fa quello che sa fare quando abbraccia la sua chitarra ma, a differenza di lavori un po’ scarni e meno ispirati come come “The Rule Of Thirds” e “Snow Bunker Tapes”, qui aggiunge anche qualche registrazione, qualche effetto e un po’ di elettronica qui e là, come nell’iniziale “Welcome To Country” e nella finale “My Florida Dawn” o nel caotico finale di “The Humble Brag”, un po’ come aveva già fatto in “Alarm Agents”, quella volta assieme al veterano Boyd Rice. Tornano anche il basso e la chitarra elettrica, ma in sostanza si aggiunge poco al mito. Del resto, stiamo parlando di una lunghissima carriera densa di capolavori che hanno fatto la storia della grey area e di un'intera controcultura, ispirando moltissimi artisti a livello iconografico e ben oltre la dimensione strettamente musicale. Chi cerca l’evoluzione del sound neo/darkfolk di questi ultimi anni forse oggi dovrebbe ascoltare artisti come King Dude o Rome, più che i Death In June di oggi.
Il nuovo album commemora un po’ i fasti passati con brani che probabilmente non verranno ricordati come capolavori ma che comunque non dispiaceranno a molti fan vecchi e nuovi. La voce è sempre quella e molti arrangiamenti strizzano furbescamente l’occhio ai classici (un po' autocitandosi) come ad esempio avviene in “God A Pale Curse” e “The Trigger” o anche nella gradevole “The Dance Of Life/To Shoot A Valkyrie”.

Come suggerisce il titolo, quest’album vorrebbe ritrovare un po’ l’essenza del lavoro di Pearce, un artista che continua nel bene e male un percorso introspettivo e un confronto con i propri fantasmi interiori indossando la sua immancabile maschera sino alla fine.
Rispetto ai suoi ultimi lavori, “Essence!” segna un ritorno più che discreto ma senza aggiungere nulla. In sintesi, i detrattori potranno, a ragione, dire che ormai Douglas Pearce recita (qui abbastanza bene) in pieno la sua parte facendo quello che il suo pubblico si aspetta da lui. A questi ultimi, in fondo, andrà bene così.

(08/12/2018)



  • Tracklist
  1. Welcome To Country
  2. God A Pale Curse
  3. The Trigger
  4. Snipers Of The Maidan
  5. The Humble Brag
  6. Going Dark
  7. The Dance Of Life - To Shoot A Valkyrie 
  8. No Belief
  9. The Pole Star Of Eden
  10. What Will Become Of Us?
  11. My Florida Dawn
Death In June su OndaRock
Recensioni

DEATH IN JUNE

The Snow Bunker Tapes

(2013 - New European Recordings)
Il ritorno di Douglas P. con il folk minimale dei demo di "Peaceful Snow"

DEATH IN JUNE

Peaceful Snow

(2010 - Ner)
Continua il percorso in decadenza dei Death In June, nonostante un nuovo innesto musicale

DEATH IN JUNE

The Rule Of Thirds

(2008 - Ner)
Il nuovo lavoro di Douglas P.: un ritorno alla classicità folk

Live Report
Death In June on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.