Dylan Mondegreen

A Place In The Sun

2018 (SkiPop) | pop

Lo avevamo lasciato due anni e mezzo fa alle prese con un progetto non del tutto a fuoco, “Every Little Step”, ma era chiaro che Borge Sildnes (aka Dylan Mondegreen) non solo non aveva perso il tocco magico, ma stava solo verificando i limiti del suo raffinato idioma pop, tra accelerazioni dei tempi ritmici  e velate corruzioni delle raffinate atmosfere maturate nell’ottimo terzo album. L’arrivo del secondo figlio e un crescente interesse per la musica classica e neo-ambient ha rinnovato nel musicista la volontà di confrontarsi con arrangiamenti più ambiziosi e delicati, ripristinando il più tipico mood primaverile e agrodolce.

Non è un caso che l’album veda il ritorno tra i collaboratori di Ian Catt (Saint Etienne, Stars): “A Place In The Sun” è un disco che affida il suo fascino ai dettagli, alle rifiniture. Un’orchestra di trenta elementi e l’uso discreto e dinamico delle percussioni caratterizzano i nove brani. Ed è proprio nella title track che si manifesta in pieno la ritrovata vena del musicista norvegese, che varca i confini del chamber-pop con una melodia tra le più memorabili del suo repertorio. Il resto è come sempre amabile, soffice (“Don’t Call Me”), a tratti impertinente (il delizioso duetto con Maria Due in “The Best Thing”), leggermente più variegato (“Golden Days”), sempre baciato da un romanticismo sobrio e vellutato (“Pierre”).

“A Place In The Sun” tiene fede al titolo, mettendo insieme una serie di canzoni solari e finemente malinconiche, tra citazioni dei 10cc (“Sunless Summer”) e iniezioni d’ottimismo (“Architect”), sorrette da una scrittura compatta, solida. Per un attimo, il norvegese evoca perfino Paddy McAloon in “In You”, un brano sottolineato da un elaborato corpo strumentale, munito di caldi e avvolgenti arpeggi chitarristici, tastiere fluide, un appassionante interludio orchestrale sottolineato dall’armonica e una melodia che si insinua nella mente con intelligenza e grazia.

Il nuovo album di Dylan Mondegreen non è forse esente da cliché e richiami, ma la purezza cristallina e la genuina ricercatezza degli arrangiamenti offrono ancora una volta più di un motivo di apprezzamento. Un gradito ritorno.

(04/12/2018)



  • Tracklist
  1. A Place In The Sun
  2. Don't Call Me
  3. The Best Thing
  4. Golden Days
  5. My Heart Keeps Open House
  6. In You
  7. Pierre
  8. Architect
  9. Sunless Summer




Dylan Mondegreen su OndaRock
Recensioni

DYLAN MONDEGREEN

Every Little Step

(2016 - Shelflife)
Il ritorno del "papà indie-pop", sulla scia del precedente omonimo

DYLAN MONDEGREEN

Dylan Mondegreen

(2012 - Warner / Shelflife)
Il cantautore norvegese trova finalmente il bandolo della matassa e confeziona il suo capolavoro pop

News
Dylan Mondegreen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.