Emma Tricca

St Peter

2018 (Dell'orso) | alt-folk

Già dagli esordi era evidente che nella musica di Emma Tricca si nascondesse molto di più che un semplice cifrario stilistico folk, non tanto perché scarseggiassero chiari riferimenti al glorioso passato di artisti come Joni Mitchell, Bridget St. John o Bob Dylan, quanto per quella ardimentosa veste sonora che spostava l’asse dal blues al jazz alla psichedelia, passando indenne tra citazioni cinematografiche che includevano sia Dario Argento che Ennio Morricone. E’ difficile racchiudere in una definizione come folksinger il profilo della cantautrice italiana, l’imprevedibilità di alcuni arrangiamenti è un chiaro segnale della volontà di voler oltrepassare i confini di genere.

Con “Relic” l'autrice ha piantato i semi di un potenziale giardino dell’Eden contemporaneo, cercando nuova linfa nel malinconico pathos della scena folk nota come Laurel Canyon, o nel fascino del fingerpicking intriso di delicati barocchismi di John Renbourn, e infine in quel delizioso sottobosco del folk pscihedelico dei Mellow Candle, dei Trees o dei Forest. Per realizzare fino in fondo questo sogno, Emma Tricca compie un'ulteriore piccola rivoluzione copernicana, ampliando gli orizzonti etno-culturali e mettendo a dura prova l’innato romanticismo, coinvolgendo le corrosive provocazioni strumentali di Steve Shelley (Sonic Youth) e Jason Victor (Dream Syndicate).

In poco più di due minuti le note di piano e chitarra dell’iniziale “Winter My Dear” tratteggiano un familiare scenario folk, ma è solo una bozza sulla quale pian piano si avvicendano tocchi di colore e improvvise scarnificazioni, in un continuo reinventarsi che trascina l’ascoltatore da lande più confortevoli e confidenziali verso il lato oscuro. Ed è la luce l’elemento che Emma Tricca utilizza come fonte battesimale di questa ambiziosa rinascita spirituale, che in pochi attimi passa dai vortici psichedelici in chiave Velvet-vs-PinkFloyd di “Fire Ghost” (con Howe Gelb maestro cerimoniere) ai più moderni surrealismi di “Julian’s Wings”, un brano che non sfigurerebbe in un album di Jane Weaver.

E’ come se l’autrice prendesse per mano tutte le infiorescenze disseminate sul percorso comune della musica folk ed etnica, facendole decantare verso un ecumenismo spirituale, così annullando quegli inutili abbellimenti estetici e formali. Ed è questa la ragione che rende a volte difficile individuare le fonti d’approvvigionamento culturale di “St Peter”, al punto che non di rado anche le connotazioni geografiche diventano poco nette, passando dall’Africa all’Asia, dal sud al nord, dall’Europa all’America, con incantevole naturalezza. Non è un caso che l’artista romana utilizzi in questo viaggio la figura simbolica di San Pietro - l’apostolo della solidità del messaggio cristiano -, c’è infatti una costante liturgia del dolore tra le increspature drammatiche e agrodolci delle dieci tracce dell’album. 

A volte ruvida e ambigua nelle sue complesse elaborazioni country-rock alla Mazzy Star (“Salt”), perfino arrendevole quando il romanticismo prende piede (“Mars Is Asleep”), la musica non perde mai un certo fascino crepuscolare e amabilmente esistenziale. La tensione emotiva è sempre costante, anzi in continuo crescendo, quasi a voler raggiungere una calma surreale eppur ricca di tormento, in questo percorso si stagliano con fierezza piccoli gioiellini come “Building In Millions”, la cui evoluzione da idillio a dramma diventa simbolo dell’intero progetto. Altra estatica delizia si cela tra le note di “Green Box”, ennesima trasfigurazione di una ballata western (con tanto di fischio alla Ennio Morricone), in un granitico country-rock alla Neil Young.

Ma è nella inquieta e minimale “Solomon Said” che la musicista Tricca si svela completamente, attraverso un accordo ripetuto all’infinito che cerca di contrapporsi all’estenuante duello con la voce recitante di una superba Judy Collins (il testo è quello di una sua vecchia canzone “Albatross”), fino a raggiungere un climax poetico di rara forza e bellezza. Naturale e logico a questo punto che il finale (“So Here It Goes”) sia un inatteso e quasi disturbante folk-noise dai toni quasi cacofonici, ennesima prova dell’autenticità artistica di una delle più interessanti realtà dello scenario musicale contemporaneo.

Emma Tricca alla maniera di Julia Holter sta reinventando la spiritualità della musica folk, e “St Peter” è la sua personale liturgia.

(25/05/2018)



  • Tracklist
  1. Winter, My Dear
  2. Fire Ghost
  3. Julian's Wings
  4. Buildings In Millions
  5. Salt
  6. Green Box
  7. Mars Is Asleep
  8. The Servant's Room
  9. Solomon Said
  10. So Here It Goes




Emma Tricca, Jason McNiff su OndaRock
Recensioni

EMMA TRICCA, JASON MCNIFF

Souhern Star

(2016 - Dell'Orso)
Un mini-album che mette insieme due delle migliori risorse del folk contemporaneo

EMMA TRICCA

Relic

(2014 - Finders keepers)
L'ascesa di Emma Tricca da rivelazione ad autentica primattrice della scena folk

EMMA TRICCA

Minor White

(2009 - Bird)
Dall'Italia a Londra, una voce d'altri tempi tra Joni Mitchell e Vashti Bunyan

Emma Tricca on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.