Esben And The Witch

Nowhere

2018 (Season Of Mist) | gothic rock

La mirabile evoluzione degli Esben And The Witch, un percorso d'espansione e divagazione che dai pur buoni esordi ha condotto a una forma libera di narrazione articolata, nervosa e instabile che si esprime in brani ampi e talvolta sconnessi, febbricitanti, produce adesso "Nowhere". Qui per il combo dark britannico figurano però pezzi di media durata, rassomigliando a versioni rimpicciolite delle ambizioni espresse con gli ultimi due dischi. Alcune di queste però mantengono ancora l'impostazione di piccole suite, pur più prudenti rispetto al loro passato prossimo.

"A Desire For Light", recitativo triste e turbolento per rasoiate di chitarra e batteria tribale, si placa per dare spazio all'aria ferita Tori Amos-iana della cantante; le due dimensioni, quella furibonda e quella leggiadra, infine s'incontrano e i toni si alzano in una torbida drammaturgia elettrificata. "Dull Gret" è dapprima una fragile elegia di tre-accordi-tre, vagamente alla "High Tension House" dei Dadamah, ma poi la struttura richiama quella propulsiva e ribattente della "Paint It, Black" degli Stones, esplode in nuovi vortici e abbozza anche una sorta di anthem. Pur non possedendone il prodigio canoro e il corredo strumentale (e il genio), "Golden Purifier" va vicino alle migliori odi sepolcrali di Nico.
Se tanto le accensioni di hard-rock pantagruelico dei Melvins in "The Unspoiled" quanto lo slowcore forse troppo moribondo di "Seclusion" tendono a sbroccare, "Darkness" va schietta per il puro sfogo strumentale e testuale, a fiume, pur celando segretamente un tempo di salterello medievale.

Il terzetto di Brighton non fa fuoco a ripetizione: dopo il colpo gobbo di "Older Terrors" (2016) accusa il rinculo e si ripete. Tutto però fila bene, un canto aumentato sia in dramma che in rotondità timbrica, belle chitarre distorte, tonanti come non mai, e uno scavo sempre appassionato che scongiura rischi - al quinto disco lungo sono preoccupazioni anche fondate - di banalità. Ne risulta un album talvolta incline all'esclusività della sola Rachel Davies, compatto ma diseguale. La seconda parte non delude ma affatica, la prima ha gioielli galvanizzanti di cupa gloria. Ben salda anche la loro mitologia ancestrale: tra gli altri, "Dull Gret" tributa l'omonima eroina delle leggende fiamminghe.

(23/11/2018)

  • Tracklist
  1. A Desire For Light
  2. Dull Gret
  3. Golden Purifier
  4. The Unspoiled
  5. Seclusion
  6. Darkness (I Too Am Here)
Esben And The Witch su OndaRock
Recensioni

ESBEN AND THE WITCH

Older Terrors

(2016 - Season Of Mist)
Transizione ambiziosa completata per il terzetto dark di Brighton

ESBEN AND THE WITCH

A New Nature

(2014 - Nostromo Records)
La separazione dalla Matador segna una trionfale e inattesa ripartenza per la band di Brighton

ESBEN AND THE WITCH

Wash The Sins Not Only The Face

(2013 - Matador Records)
Una preghiera oscura e irata tra cime tempestose, nel nuovo lavoro di Rachel & C.

ESBEN AND THE WITCH

Violet Cries

(2011 - Matador)
Tra fantasy e noir, il debutto del trio di Brighton, sulle orme di Siouxsie

News
Esben And The Witch on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.