Francesca Michielin

2640

2018 (RCA) | pop

Per questa terza uscita di Francesca Michielin si è scomodato tutto il gotha della cosiddetta nuova scena pop "alternativa" italiana: Calcutta, l'onnipresente Tommaso Paradiso, Cosmo, e Mattia Barro aka L'orso; il tutto con la presenza quasi fissa del pianista/autore Dario Faini nelle vesti dell'ospite navigato e la produzione impeccabile dell'attento e fidatissimo Michele Canova Iorfida.
Ed è proprio con un arrangiamento ben congeniato del buon Barro che prende quota l'introduttiva "Comunicare", brano dal refrain riuscitissimo e dalla base r'n'b opportunamente curata. Le parole segnalano il consueto carico di citazioni ammiccanti e furbette, come quelle scritte con Calcutta nel super-singolo lanciatissimo in tutte le radio della penisola, "Io non abito più al mare": "Queste cose vorrei dirtele sopra la techno/ Accartocciarle dentro un foglio e poi centrare un secchio/ Stasera non mi trucco che sto anche meglio".

Regnano una compostezza e una semplicità contornate da melodie squisitamente pop, tremendamente immediate e pronte per essere cantate già al secondo ascolto. Parole decisamente prevedibili e scontate per i più grandicelli, ma pensate e tirate fuori per fare breccia quasi istantaneamente nel cuore dei giovanissimi. Guarda caso lo streaming dell'album è stato scaricato da un milione di persone già nei primi tre giorni dalla sua uscita. Un successo annunciato, studiato a tavolino. E non è affatto un caso che la Michielin sia divenuta, a dire il vero fin troppo in fretta, la nuova reginetta del pop, con tanto di ospitate da insegnante (!) negli studi televisivi di X-Factor - dopo aver vinto l'edizione del 2011 - e lodi assortite su tutti i canali mainstream. Innalzamenti spesso esagerati, soprattutto se si considera il "raffronto" con le nuove star del pop internazionale, Lorde su tutte.

Un album quindi leggerissimo, all'occorenza frizzante e febbrile, altrove laccatissimo e sanremese fino al midollo, vedi le varie "E se c'era..." e "La serie B". Musica pop da consumare anche in spiaggia e senza troppe pretese, come nel caso della discreta ed esotica "Tapioca", con il buon Cosmo a fungere da sarto del beat, o della prima hit di lancio al disco "Vulcano". Spuntano anche stranissime malinconie fuori dal tempo vissuto dalla stessa Michielin (ventitré anni a febbraio!) come quella della trascinante "Noleggiami ancora un film": "La casa diventa più grande/ Si svuota dei blur e dei cani", "Ho ancora la PlayStation 1 ma non mi dispiace, no/ Non mi vergogno/ Vorrei avere un po' più di tempo/ Come per una polaroid/ Scattare e vedere che esci". Ma anche passaggi a vuoto e ripetitivi come quelli evidenziati in "Due galassie", o nell'insipida "Lava", per giunta cantata in inglese con la pretesa di dare vita, senza alcuna considerevole riuscita, a qualcosa a metà strada tra Rihanna e M.I.A.

La tanto decantata passione della Michielin per la Formula Uno è sublimata nella traccia conclusiva, l'omaggiante "Alonso", dedicata al famoso pilota spagnolo. Un brano intenso e che chiude con una lacrima un disco nel complesso riuscito, al netto di qualche passaggio a vuoto e una serie di momenti fin troppo stucchevoli. Un lavoro che di certo nulla aggiunge al mainstream nostrano, ma che in alcuni punti risulta abbastanza gradevole. Un prodotto pop in fin dei conti apprezzabile, soprattutto se proviamo a confrontarlo con tanta spazzatura proveniente dai talent tanto cari alla stessa Michielin e dallo stagno radiofonico degli ultimi anni.

(20/01/2018)

  • Tracklist
  1. Comunicare
  2. Bolivia
  3. Noleggiami ancora un film
  4. Io non abito al mare
  5. Tropicale
  6. E se c'era...
  7. Scusa se non ho gli occhi azzurri
  8. Vulcano
  9. Due galassie
  10. La Serie B
  11. Tapioca
  12. Lava
  13. Alonso
Francesca Michielin su OndaRock
Recensioni

FRANCESCA MICHIELIN

di20are

(2016 - Sony Music)
Piccole popstar italiane crescono

Francesca Michielin on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.