Half Japanese

Why Not?

2018 (Fire) | noise-pop, garage, rock'n'roll

Incomincia con una scarica di adrenalina questo 2018. Dopo l’ottima prova degli Shame, tocca ora ai veterani Half Japanese svegliarci dal torpore post-natalizio con un disco che conferma lo stato di salute della band di Jad Fair, da sempre autrice di un noise-pop effervescente come il miglior power-pop, nonché lievemente ispido come il più brioso garage-pop.

“Why Not?” è l’elogio della felicità, scandito al canto di “The Future Is Ours”, un delizioso ska-pop con tanto di organetto e spavalderia punk, la stessa che in “The Face” rimette in gioco garage-rock e tentazioni barrettiane, elementi primari di un disco frenetico e istintivo come solo il rock’n’roll può essere.
Sempre diretta e naif, la musica degli Half Japanese si avvicina sempre di più alla purezza del miglior pop, onesta e stravagante quanto basta da suonare come una perfetta colonna sonora per un immaginario e fumettistico viaggio nello spazio siderale (“Spaceship To Mars”,“Amazing”,”Why Not?”), a tratti romantica come un'infatuazione adolescenziale (“Falling”), eppur ancora insolente e lunatica (“Zombie Island Massacre”).

“Why Not?”, in definitiva, suona come un potenziale ibrido stilistico tra Jonathan Richman, Daniel Johnston e i Fall. Il tutto condito da una grazia psichedelica alla Feelies (“Better Days”), che con leggiadria sbarazzina stempera i toni finto-apocalittici. Il fatto che un brano come “Bring On The Night” suoni come se gli Half Japanese strimpellassero su strumenti raccolti in strada e assemblati con scotch e corde, o che “Magic” assomigli a un potenziale hit-single di cui si è deciso di pubblicare il primo demo, dimostra che per Jad Fair e compagni (Mick Hobbs, John Sluggett, Gilles-Vincent Rieder e Jason Willett) la musica è ancora fonte di divertimento e meraviglia.

Appare chiaro che le intenzioni di “Why Not?” sono quelle di restituire il sorriso dopo la triste e funesta elezione di Donald Trump, argomento che in parte aveva caratterizzato il tono più cupo di “Hear The Lions Roar”. La musica diventa così una via di fuga intelligente e anticonformista, attraverso la quale ricaricarsi prima di affrontare la banalità del quotidiano. Ed è forse per questo motivo che l’album scivola via con maggior scioltezza su canoni rock’n’roll, spesso tinteggiati da curiose incursioni strumentali psichedeliche che raggiungono la loro apoteosi nella surreale e magica “Why’d They Do It?”, un valzer grottesco e teatrale che si è già impossessato dei vertici della mia personale playlist. 

(22/01/2018)



  • Tracklist
  1. The Future Is Ours
  2. The Face
  3. Why Not?
  4. Amazing
  5. Demons Of Doom
  6. A Word To The Wise
  7. Bring On The Night
  8. Zombie Island Massacre
  9. Better Days
  10. Spaceship To Mars
  11. Why'd They Do It?
  12. Magic
  13. Falling  




Half Japanese su OndaRock
Recensioni

HALF JAPANESE

Hear The Lions Roar

(2017 - Fire Records)
Un'ulteriore conferma per la storica band americana

HALF JAPANESE

Overjoyed

(2014 - Joyful Noise Recordings)
Jad Fair rimette in pista il combo musicale che sconvolse le regole della musica rock americana

HALF JAPANESE

1/2 Gentlemen/Not Beast

(1980 - Armageddon)
Istantanea in technicolor deteriorato di una generazione in frantumi

Half Japanese on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.