Ian William Craig

Thresholder

2018 (FatCat) | ambient, sperimentale

Sperimentare significa eliminare il margine di errore e poter trasformare lo scarto in opera nuova, ridargli vita e magari un inatteso splendore. Per il canadese Ian William Craig questo sembra essere quasi un approccio standard, a giudicare dalla natura fragile e frammentaria della sua composizione atmosferica: eppure “Thresholder” raggiunge quasi un nuovo estremo, originando da materiali incisi e poi accantonati dalle sessioni di “A Turn Of Breath” e “Centres” – quest’ultima probabilmente la sua opera chiave, spunto per il successivo Ep acustico “Slow Vessels” e l’immersivo live “Durbē”, registrato in una chiesa medievale in Lettonia.

A ben vedere i titoli stessi delle undici tracce hanno spesso un’accezione negativa o “sottrattiva”: elisione, contraddizione e sbaglio fanno pensare a un foglio di appunti cancellato e riscritto cento volte, dal quale è impossibile nascondere del tutto i segni tracciati a penna o a matita in fase di lavorazione. Così la voce dell’artista e cantante di Vancouver appare dilaniata, dispersa in tanti frammenti che si manifestano in maniera caotica (eppure sempre armonica) nello spazio acustico, principalmente in forma di singole vocali sostenute.
In “Thresholder” più che mai la grana lo-fi degli estratti è parte integrante del tessuto sonoro, tra fruscii di nastri basinskiani il cui logorarsi caratterizza la poesia effimera e commovente dei momenti più melodici (“Some Absolute Means”, “And Therefore The Moonlight”) come di quelli tendenti all’astrazione (“Mass Noun”, “Discovered In Flat”).

Craig si riconferma tra i più sensibili e originali interpreti dell’ambient contemporanea, grazie alla capacità di stratificare sapientemente gli output di vari mangianastri, loop station, sintetizzatori e chitarre acustiche, inglobandone i diversi tratti in una visione onnicomprensiva sostenuta dal loro intermittente affievolirsi. Un sacrificio votato alla bellezza più pura, intrinseca e profonda, che non teme di sfiorire e per mezzo dell’arte sopravvive con sembianze umilmente maestose.

(13/11/2018)

  • Tracklist
  1. Elided
  2. Some Absolute Means
  3. TC-377 Poem
  4. Mass Noun
  5. Idea For Contradiction 1
  6. And Therefore The Moonlight
  7. The Last Wesbrook Lament
  8. Discovered In Flat
  9. Sfumato
  10. Idea For Contradiction 2
  11. More Words For Mistake
Ian William Craig su OndaRock
Recensioni

IAN WILLIAM CRAIG

Slow Vessels

(2017 - 130701)
Ritorno alla radice acustica delle canzoni “nascoste” nelle fragili ambientazioni di “Centres” ..

IAN WILLIAM CRAIG

Durbe

(2017 - Recital)
Live in edizione limitata per il "cantautore ambient" canadese

IAN WILLIAM CRAIG

Centres

(2016 - 130701)
Songwriting effimero in uno dei dischi ambient più singolari dell'anno

IAN WILLIAM CRAIG

A Turn of Breath

(2014 - Recital)
Il cantante lirico canadese in un disco magico e sfuggente

Ian William Craig on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.