J Fernandez

Occasional Din

2018 (Joyful Noise) | pop, folk-psych

Destino: la predeterminazione fatale dell’accadere; il succedersi degli eventi ritenuto come preordinato e necessario, al di sopra dell’umana capacità di volere e di potere.

Chissà se Justin Fernandez crede nel destino?
Senza dubbio quando ha lasciato la natìa Arkansas per Chicago per motivi di lavoro, non immaginava quali e quante conseguenze avrebbe provocato quell’evento fortuito.
La possibilità di condividere con nuove amicizie la passione per la musica e l’opportunità di mettersi in gioco con una band hanno risvegliato quegli ardori giovanili che erano rimasti fino ad allora inespressi.
L’incontro con Tom Owens non solo ha sancito la nascita dei Distractions (band di Chicago con all’attivo due album oggetto di culto), ma ha aperto nuove frontiere al musicista americano, grazie al riscontro critico ottenuto non soltanto in America ma anche in Inghilterra.

Sciolto il sodalizio con Tom Owens e ripristinato l’originario cognome Fernandez (nei Distraction appare come Justin Fernando), il giovane musicista ha intrapreso una carriera solista che sembra baciata dalla medesima creatività.
Pur se in passato la stampa ha messo in campo paragoni con Arthur Russell, Bill Callahan e perfino Scott Walker, la vera cifra stilistica è quella di artisti come Burt Bacharach e Brian Wilson, con un briciolo di perfezionismo alla Phil Spector e una lieve stravaganza stile Van Dyke Parks.

Dopo tre Ep, per Fernandez è arrivato l’esordio ricco di sonorità naif e amabilmente profane (“Many Levels Of Laughter”), dove organi, chitarre distorte, sax e strumenti assortiti si dilettavano a mescolare Doors, Beach Boys e Robyn Hichcock  con tanto di citazione jazzy alla Tim Buckley
Il nuovo album “Occasional Din” si presenta come l’ennesima proposta retrò, in bilico tra il pop e la psichedelia, lo stesso campo d’azione di personaggi come Mac De Marco o Ariel Pink, anche se tutto appare più godibile  e meno cerebrale. Le coordinate sono quelle del sunshine pop alla High Llamas (“Volcanic Winter”) o quelle dei Beach Boys riletti in chiave Stereolab (“Don't Need Anything”), il lo-fi degli arrangiamenti è asservito a una serie di canzoni mai pretenziose, eppur ricche di trovate armoniche (“Wildfire”) e di soluzioni strumentali avventurose, che tradiscono una leggera ammirazione per la library music made in Italy (“Rewards”).

Le dieci tracce sono tutte divagazioni ben orchestrate del pop psichedelico anni 60 e 70, tra fuzz guitar, ritmiche vellutate, coretti beat, riverberi strumentali-vocali e qualche lieve tocco onirico, ma nonostante la prevedibilità degli elementi, quello che ne viene fuori è uno dei più divertenti e lucidi album vintage del momento.
Si tratta di un album pop ricco di dettagli (“Wildfire”) e citazioni (il suono dei Casio e le voci catturate da un film italiano nella breve “Assorted Balloons”), i testi non sono mai banali, anzi ricchi di quel simbolismo leggero, ma non per questo meno efficace, che era in uso negli anni Sessanta (la già citata “Rewards”).
“Occasional Din” è dopotutto un album di canzoni, e un trittico come quello iniziale (“Common Sense”, “Unwind”, “Volcanic Winter”) non può passare inosservato. Le melodie sono carezzevoli e incisive, nello stesso tempo pronte a svelare nuove delizie e dettagli ad ogni ascolto, evitando la noia che spesso affligge molti autori stilisticamente affini.

Chissà se Justin Fernandez crede nel destino?
Una domanda che forse resterà senza risposta, una domanda che mi sono posto anch’io dopo aver incrociato per puro caso questo nuovo album del musicista americano: un segno del destino?

(08/01/2019)



  • Tracklist
  1. Common Sense
  2. Unwind
  3. Volcanic Winter
  4. Don't Need Anything
  5. Wildfire
  6. Expressive Machine
  7. Rewards
  8. Assorted Balloons
  9. Method Acting
  10. Light Years




J Fernandez on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.