Jonny Greenwood

Phantom Thread (Original Motion Picture Soundtrack)

2018 (Nonesuch) | soundtrack, modern classical

Sull'imminente uscita del nuovo film di Paul Thomas Anderson - senza dubbio tra i più grandi cineasti del nostro tempo - grava il peso di un commosso addio: quello di Daniel Day-Lewis, sessantenne, alla sua lunga e celebrata carriera attoriale. Il numero relativamente contenuto delle sue apparizioni su grande schermo è inversamente proporzionale alle straordinarie doti di immedesimazione nei personaggi, cui molte candidature e meritati premi - tre Oscar, due Golden Globe e quattro BAFTA - rendono solo in parte giustizia. Amore e odio per i riflettori, un dissidio già espresso in passato con parziali abbandoni, e che ora giunge al termine a fianco del regista che ne ha condotto una delle prove più memorabili ne "Il petroliere" (2007).

Proprio da quest'ultimo, peraltro, prese le mosse la collaborazione con Jonny Greenwood che invece, ormai, sembra detenere un'esclusiva per le soundtrack di Anderson. La storica militanza nei Radiohead come chitarra solista non sembra aver sopito la voglia di mettere in pratica gli studi accademici, e l'industria discografica non ha certo perso l'occasione di accaparrarsi un astro nascente della composizione neoclassica: da oltre dieci anni Nonesuch licenzia le soundtrack del talento di Oxford, e dopo "The Master" e "Vizio di forma" dà alle stampe il nuovo "Phantom Thread" ("Il filo nascosto", 2017), la cui uscita italiana è prevista per febbraio.

La macchina da presa e le musiche ruotano attorno alla vicenda professionale e umana di Reynolds Woodcock, maestro della moda inglese negli anni 50, avvolgendola in un manto retrò tanto elegante quanto crepuscolare. E come tutti i rampanti della sua generazione, immancabilmente anche Greenwood attinge al passato cercando di sottrarne all'obsolescenza gli stili più diversi: a darne prova basterebbero le quattro variazioni sul tema principale, presentato in apertura da archi acutissimi e lacrimosi alla Saint-Saëns, poi a guisa di sonata chopiniana per pianoforte e violino, la terza volta con lo stesso incedere solenne della Sarabanda di Händel in "Barry Lyndon", e infine con una profonda riverenza alla Ciaccona per violino solo di Bach.

Greenwood attraversa agiatamente le varie forme della classicità, guardando al "Concerto" d'epoca romantica ("The Tailor Of Fitzrovia") quanto alle enfatiche orchestrazioni hollywoodiane vecchia maniera ("Sandalwood II", la gershwiniana "House Of Woodcock"), mettendone alla testa un pianoforte dal gusto vagamente impressionistico. Ineludibile anche il rimando a Nyman via Greenaway ("Barbara Rose") e a Philip Glass ("The Hem"), sebbene già filtrato dal garbo melodico di Max Richter - ormai una scuola di seconda generazione - che ritorna anche nelle rigogliose fronde d'archi di "Catch Hold". Anomala e prettamente novecentesca, invece, la sommessa fluttuazione cameristica di "Boletus Felleus", animata dallo spirito della New York School.

Se la colonna sonora di "Phantom Thread" fosse soltanto un'abile opera di collage, non staremmo certo a spendervi troppe parole: invece Greenwood apprende e assimila da allievo modello giungendo a una sintesi stilistica non banale e, invero, sobriamente cinematica.
A riconferma di ciò, il 23 gennaio è stata annunciata la candidatura come "Best Original Score", la prima per l'autore inglese: a questo punto una vittoria sarebbe lecita e auspicabile, se non altro per liberarsi dal soffocante impasse dei soliti noti John Williams, Hans Zimmer e Alexandre Desplat.

(24/01/2018)

  • Tracklist
  1. Phantom Thread I
  2. The Hem
  3. Sandalwood I 
  4. The Tailor Of Fitzrovia
  5. Alma
  6. Boletus Felleus
  7. Phantom Thread II
  8. Catch Hold
  9. Never Cursed 
  10. That's As May Be
  11. Phantom Thread III
  12. I'll Follow Tomorrow
  13. House Of Woodcock
  14. Sandalwood II
  15. Barbara Rose
  16. Endless Superstition
  17. Phantom Thread IV
  18. For The Hungry Boy
Jonny Greenwood on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.