Max Richter

White Boy Rick (Original Motion Picture Soundtrack)

2018 (Deutsche Grammophon) | soundtrack, modern classical, ambient

Le commissioni si accumulano a ritmo sostenuto per Max Richter, ormai tra i nomi più richiesti in assoluto nel campo delle musiche per il cinema. Dopo il western revisionista “Hostiles” è la volta di un’altra grande produzione hollywoodiana: “White Boy Rick” di Yann Demange, già noto come regista di serie tv e al suo secondo lungometraggio dopo il war drama “‘71” (2014); è la vera storia di Richard Wershe Jr, che da adolescente negli anni 80 divenne informatore in incognito per l’Fbi sui traffici di droga a Detroit, salvo poi cadere a sua volta nel vortice della tossicodipendenza e dell’illegalità, fino a essere condannato all’ergastolo.

Sostenuto dalle interpretazioni del premiato Matthew McConaughey e della giovane promessa Richie Merritt, il crudo biopic è per contrasto racchiuso in una bolla sonora che fa convivere delicati intermezzi melodici per pianoforte e orchestra d’archi (“Nonviolent Offender”, “Baby Keisha”) assieme a pulsazioni ansiogene di sintetizzatori e altre tastiere elettroniche (“Get On The Ground”, “1985”). Già di per sé incline al manierismo, insomma, Richter stavolta sembra addirittura affidarsi alla consolidata formula del duo Reznor/Ross, vero responsabile di una primigenia rivoluzione espressiva nell’arte della soundtrack da “The Social Network” in poi.
Non che il compositore anglo-tedesco sia del tutto estraneo alla scrittura ambient – si pensi alle concilianti distese strumentali del colossale “Sleep” – ma certi chiaroscuri e nervature elettriche sarebbero difficilmente entrati a far parte del suo vocabolario standard senza tali illustri precedenti al servizio di David Fincher (arrivando a sfiorarne il plagio in “What’s My Take”, “Big Man Now” e “Wershe And Son”).

A differenza di progetti come “Taboo” e il sopracitato “Hostiles” – ma pensiamo anche al recente “Hereditary” di Colin Stetson – l’assenza di un’impronta fortemente distintiva nell’organico e di un filo narrativo parallelo escludono la possibilità che lo score possa esistere come sintesi autonoma del film. In parole povere, al giorno d’oggi una partitura come quella di “White Boy Rick” sarebbe indifferentemente applicabile a qualunque dramma o thriller psicologico, molto spesso approcciati in understatement e in seguito “soffocati” da una musica extra-diegetica atta ad accentuarne i risvolti emotivi più profondi. Un cliché nel cliché, e un problema che supera di gran lunga quello di una colonna sonora “risaputa”, in quanto influisce sul modo stesso di fare e percepire il cinema del nostro tempo.

(20/09/2018)

  • Tracklist
  1. Night Drive
  2. Nonviolent Offender
  3. What's My Take
  4. Ride To Marathon Station
  5. Baby Keisha
  6. Big Man Now
  7. I Don't Like Pancakes
  8. Wershe & Son
  9. Trigger
  10. Get On The Ground
  11. 1985
  12. The Jury's Verdict
  13. We're Gonna Take You Home
  14. All Alone
  15. I Got Everything I Need In Life


Max Richter su OndaRock
Recensioni

MAX RICHTER

Hostiles (Original Motion Picture Soundtrack)

(2018 - Deutsche Grammophon)
Una nuova colonna sonora del compositore-star neoclassico per l'atipico western di Scott Cooper

MAX RICHTER

The Blue Notebooks (15 Years Edition)

(2018 - Deutsche Grammophon)
Riedizione arricchita per l'album più "classico" del compositore anglo-tedesco

MAX RICHTER

Three Worlds: Music from Woolf Works

(2017 - Deutsche Grammophon)
La partitura originale per un balletto di Wayne McGregor, tra neoclassicismo e crossover elettronico

MAX RICHTER

Taboo (Music From The Original TV Series)

(2017 - Deutsche Grammophon)
Il capofila della modern classical firma la colonna sonora per il dramma in costume targato FX

MAX RICHTER

Sleep

(2015 - Deutsche Grammophon)
Oltre otto ore di soave neoclassicismo per accompagnare il sonno

MAX RICHTER

Recomposed - Vivaldi: The Four Seasons

(2012 - Deutsche Grammophon)
Una riscrittura in chiave contemporanea dei celebri concerti barocchi

MAX RICHTER

Infra

(2010 - Fat Cat)
Parole, immagini e movimenti ispirano il nuovo lavoro dell'apprezzato compositore anglo-tedesco

MAX RICHTER

24 Postcards In Full Colour

(2008 - Fat Cat)
Uno dei maestri della modern classical si cimenta con le "suonerie"

News
Max Richter on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.