Parquet Courts

Wide Awake!

2018 (Rough Trade) | alt-rock

Non saranno prolifici quanto i King Gizzard o Ty Segall, ma anche i Parquet Courts, from New York City, si difendono bene in quanto a svizzera puntualità. Fra album in proprio, progetti diffusi sotto false spoglie (il “Content Nausea” pubblicato con la ragione sociale immaginaria Parkay Quarts), collaborazioni trasversali (recente quella con Daniele Luppi e Karen O per “Milano”) e il timido inizio di promettenti percorsi solisti (“Thawing Dawn”, firmato lo scorso anno da Andrew Savage, dal taglio decisamente cantautorale), i ragazzi hanno quasi sempre un disco nuovo in circolazione, e la qualità (eccezion fatta per qualche vezzo trascurabile, come il più sperimentale “Monastic Living”) si attesta sempre su livelli medio-alti.

“Wide Awake!” li conferma in gran salute e sempre più trasversalmente onnivori: se l’iniziale “Total Football” si esprime in un linguaggio tendenzialmente punk oriented, ricollegandosi ai precedenti lavori della band, più avanti le sorprese e i cambi di registro non mancano. In particolare, i Parquet Courts confermano di saper coniugare il ritmo del funk metropolitano (la cattiveria impressa in “Violence”) con l’urgenza espressiva del garage rock, vedi la mirabile “Almost Had To Start A Fight/ In And Out Of Patience”, in pratica due brani in uno, ripresi parzialmente live.

Resistono sia l’Americana obliqua di matrice Pavement - in “Mardi Gras Beads” e “Freebird II” - che i guizzi post-hardcore in grado di fondere Fugazi e Husker Du – ma filtrati attraverso la capacità di sintesi che fu dei Minutemen – arditamente concretizzati prima in “Normalization” e poco oltre nella doppietta “NYC Observation”/“Extinction”, che conferisce una bella scossa alla parte finale del lavoro. Ma in aggiunta questa volta troviamo anche le festaiole derive disco-funk introdotte dal singolo anticipatore, il quale non a caso dà il titolo all’intero album.

Apprezzati nel circuito alternativo per l’innata capacità di fondere assieme due importanti New York del passato, quella proto-punk dei Velvet Underground con quella alt-noise dei Sonic Youth, i Parquet Courts sono giunti, disco dopo disco, a sviluppare una propria distinta personalità, spingendosi con “Wide Awake!” verso nuovi territori - anche grazie alla presenza in cabina di regia di Danger Mouse – senza mai dimenticare l’importanza di essere accessibili. Rinnovando il proprio posizionamento, con merito, nella ristretta cerchia delle band di riferimento del circuito alt-rock americano degli anni 10.

(21/05/2018)

  • Tracklist
  1. Total Football
  2. Violence
  3. Before The Water Gets Too High
  4. Mardi Gras Beads
  5. Almost Had To Start A Fight / In And Out Of Patience
  6. Freebird II
  7. Normalization
  8. Back To Earth
  9. Wide Awake
  10. NYC Observation
  11. Extinction
  12. Death Will Bring Change
  13. Tenderness




Daniele Luppi & Parquet Courts su OndaRock
Recensioni

DANIELE LUPPI & PARQUET COURTS

Milano

(2017 - 30th Century)
Storie della Milano anni 80 rivestite da suoni newyorchesi, con Karen O ospite in quattro tracce ..

PARQUET COURTS

Human Performance

(2016 - Rough Trade)
Il quartetto newyorkese mescola la psichedelia velvettiana con i rumorismi dei Sonic Youth

PARQUET COURTS

Monastic Living

(2015 - Rough Trade)
Un Ep experimental noise segna l'esordio per Rough Trade della band newyorkese

PARQUET COURTS

Sunbathing Animal

(2014 - Rough Trade, What's Your Rupture?)
Il nuovo incendiario lavoro del quartetto di Brooklyn, tra i migliori dischi dell'anno

PARQUET COURTS

Tally All The Things That You Broke

(2013 - What's Your Rupture?)
Riscopriamo il bruciante Ep del quartetto americano, dalle session di "Sunbathing Animal"

PARQUET COURTS

Light Up Gold

(2013 - What's Your Rupture?)
Anthem punk in miniatura e influenze Pavement/Modern Lovers nel notevole esordio dei Parquet Courts

News
Parquet Courts on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.