Pinkshinyultrablast

Miserable Miracles

2018 (Club AC30) | alt-pop, electro-pop

L’ennesima incursione nel revival shoegaze da parte dei giovani russi Pinkshinyultrablast si giustificava, per “Everything Else Matters” (2015) e il già meno sentito “Grandfeathered” (2016), nella passione, la grinta esecutiva, e un’innegabile originalità (sentire, nell’ordine, “Wish We Were”, “Marigold”, “Umi” e “Glow Vastly”). Molto meno accettabile, anche se capibile col senno del marketing, è il voltafaccia del terzo “Miserable Miracles”.

Album anzitutto bislacco. Il meglio viene alla fine, con “Looming”, un discreto estratto dei dischi predecessori (forse uno scarto). Il brano è anche un modello d’influenza negativa per quanto lo precede: il combo disattiva la distorsione dinamitarda fin qui maneggiata, la muta in carezza elettronica per caricarla, confusamente, o di muzak dream-pop (timbri eterei, battito ballabile) o di pretenzioso ambient isolazionista (gli strumentali “Blue Hour” e “Earth And Elsewhere”, fuori contesto).
Le influenze sono rimpiazzate bruscamente: A-ha (“Triangles” somiglia davvero troppo a “Take On Me”) e altri della cricca synth-pop vecchio stile. L’unica davvero ispirata, “Find Your Saint”, è anche tediosa. Della loro autodefinizione thunder-pop non è rimasto più molto “thunder”. “Eray” e “In The Hanging Gardens” sono le più emblematiche del problema, l’indecisione tra discoteca e cantautorato elettronico.

Ridotti a trio, cantante (Lyubov), chitarrista (Roman) e producer (Rustam), in stile Xx, e il colpo s’accusa in termini d’autoindulgenza. Giostrato con sicuro e anonimo mestiere d’arredatori, rimane sciatto e piatto, privo di refrain convincenti e ritmi acchiappanti, con un sound certamente pulito ma pure innaturale, come sotto psicofarmaci. Qualche buon effetto di tastiera non lo riscatta. Ultimo ma non ultimo: si tenga alla larga chi detesta le vocine femminili gnaulanti più tipiche dell’indie.

(08/06/2018)

  • Tracklist
  1. Dance AM
  2. Triangles
  3. Find Your Saint
  4. Eray
  5. Blue Hour
  6. Earth And Elsewhere
  7. Taleidoscope
  8. In The Hanging Gardens
  9. Looming
Pinkshinyultrablast su OndaRock
Recensioni

PINKSHINYULTRABLAST

Grandfeathered

(2016 - Club AC30)
Fulmineo seguito del debutto per i giovani shoegazer russi

PINKSHINYULTRABLAST

Everything Else Matters

(2015 - Shelflife)
Debutto lungo per un giovanissimo combo shoegaze di San Pietroburgo

Pinkshinyultrablast on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.