Sonic Jesus

Memories

2018 (Sonic Jesus) | psych-rock

Un ritorno all’antico, il soffio del passato che ritorna, un disco nuovo composto da reperti archeologici che si temevano smarriti per sempre, vecchie registrazioni che nessuno avrebbe mai più potuto ascoltare. Scherzi della tecnologia, un hard disk che ha smesso di funzionare, la sofferenza, il disappunto, poi il recupero dei file, ed ecco trasferito ai posteri il risultato di alcune session relative ai primi Sonic Jesus, periodo 2010-2015. Le ascendenze psych dei Brian Jonestown Massacre, le oscure interferenze dei Joy Division, i percorsi kraut di Can e Faust, gli armamentari industrial degli Swans, tutto riunito in quel songwriting, a tratti opprimente, che generò l’esordio “Neither Virtue Nor Anger”.

Al bando la luce emersa in alcune composizioni più recenti, qui si torna ai suoni sotterranei, al buio, alle voci che sembrano giungere dalla stanza accanto. Il fascino dell’imperfezione in un robusto tripudio lo-fi, con spunti che consentono miracolose convivenze fra Doors e Black Angels (“Dance Of The Sun”), assalti post-punk all’arma bianca (“Reich”), bozzetti acustici iper-introspettivi (“Town”), richiami beat (“Whiskey Train”, “Monks”), metamorfosi indiane (“Noah”), proto synth-pop (“The Klas”), mantra a contenuto altamente lisergico (“Cartaxo”, "Love Again") e infinite solitudini (“I’m Here”).

“Memories” documenta i primi passi di una cult-band che non esiste più, negli anni trasmutata in forme diverse: sarebbe stato un peccato non poter concedere un'opportunità a tracce che non soccombono al confronto con quelle pubblicate all'epoca, rivelando una trasversalità finora ignota nel repertorio della formazione laziale. Il tempo non ha ossidato le radici del suono di Tiziano Veronese, recentemente trasferitosi oltremanica, il quale coglie l’occasione per lanciare la nuova etichetta autogestita, che marchia a fuoco questa preziosa tiratura limitata (per il momento) a sole 500 copie in vinile. E intanto sta per partire l’ennesimo tour europeo...

(14/12/2018)

  • Tracklist
  1. Spectrum Visionary
  2. Dance Of The Sun
  3. Reich (original)
  4. Town
  5. Whiskey Train
  6. Noah
  7. I’m Here
  8. The Klas
  9. Heaven
  10. Khullam
  11. Monks
  12. Cartaxo
  13. Love Again
Sonic Jesus su OndaRock
Recensioni

SONIC JESUS

Grace

(2017 - Fuzz Club Records)
Il progetto del multistrumentista Tiziano Veronese esplora territori musicali new wave/post-punk

SONIC JESUS

Dead Man / Transpose

(2017 - Fuzz Club)
A pochi mesi di distanza da "Grace", un nuovo sette pollici firmato dalla band psych-wave laziale

Sonic Jesus on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.