Arbeit & Spaccamonti

CLN

2018 (Boring Machines, Escape From Today) | drone-ambient, soundtrack, post-rock

In “appena” dieci anni di attività compositiva, perlomeno quella coronata dalla pubblicazione di un supporto fisico, il chitarrista Paolo Spaccamonti ha collezionato una quantità di esperienze collaborative che un artista metterebbe forse a segno in un’intera carriera. Talmente variegate da rendere superflua perfino l’allusione all’arricchimento di cui ha giovato sia il Nostro sia chi lo ha affiancato. In ordine sparso: Damo SuzukiStefano Pilia, Ben Chasny, Ramon Moro, Mombu, Paul Beauchamp, Julia Kent e Riccardo Sinigallia sono solo alcuni dei nomi incrociati lungo il percorso. E Jochen Arbeit, chitarrista nei Die Haut, prima, negli Einstürzende Neubauten e negli Automat, poi, è semplicemente l’ultimo ma non ultimo.

Presenza non occasionale, invece, nelle uscite firmate da Spaccamonti, è il cinema: la settima arte ne pervade le strutture come una musa dispotica, che tanto dà e tanto prende anche a chi col chitarrista condivide una tranche del viaggio. E Arbeit e “CLN”, prodotto da Boring Machines e Escape From Today, non escono dal novero. La storia vuole che il Neubauten si trovasse in un bar a Torino proprio mentre nel locale risuonavano le note del brumoso “Rumors”. Jochen avrebbe talmente apprezzato da decidere di incontrare Paolo in studio qualche mese dopo. Così, “senza schemi”, come recita la press-release, i due chitarristi hanno dato vita a “CLN”, album che mutua il titolo dalla centrale piazza Comitato di Liberazione nazionale di Torino, nella finzione sinistro affaccio dal teatro del primo omicidio in “Profondo rosso” di Dario Argento, nella realtà avamposto della Gestapo durante l’occupazione nazista.

Così, dall’inquietante simmetria con cui si stagliano in piazza CLN le due fontane alle spalle delle chiese gemelle di San Carlo e Santa Cristina, sgorgano non solo le acque che simboleggiano i fiumi Po e Dora Riparia, ma anche i flussi magmatici e gli arpeggi di “I”, prologo in salsa western-metafisico del dialogo a dodici corde tra Spaccamonti e Arbeit. In una dualità sonora che insieme inebria e tramortisce, si aggrovigliano e respingono in “II” le distorsioni droniche reiterate dal Neubauten e le scenografie shoegaze dipinte dal musicista torinese, scalzate dall'arrivo di "III" e delle sue oscure pulsazioni industrial, che accompagnano un crescendo di stridori metallici soffocato da una coda di morbidi accordi in tremolo.

La tensione aumenta percettibilmente in “IV”, lunga esecuzione dalle fosche tinte post-rock in cui a dettare legge è la linea di chitarra-travestita-da-basso perpetuata da Spaccamonti. Echeggianti bordoni elettrici avvolgono il blues mortifero di “V”, che schiude lentamente i cancelli alla psichedelia magnetizzante, in odor di Charalambides, di “VI”. Ruvide e telegrafiche disarmonie popolano, infine, la radura ambient-noise di “VII” e fanno calare il sipario su questo impressionante confronto tra due insaziabili vessatori di corde in acciaio.

(18/05/2018)



  • Tracklist
  1. I
  2. II
  3. III
  4. IV
  5. V
  6. VI
  7. VII
Paolo Spaccamonti & Ramon Moro su OndaRock
Recensioni

PAOLO SPACCAMONTI & RAMON MORO

I cormorani OST

(2016 - Dunque, Superbudda)
Il chitarrista torinese e il trombettista dei 3Quietmen firmano la colonna sonora del nuovo film di Fabio ..

PAOLO SPACCAMONTI

Rumors

(2015 - Santeria, Escape From Today)
Terzo capitolo nella discografia dalle tinte cinematografiche del chitarrista torinese

SPACCAMONTI/ PILIA

Frammenti/ Stand Behind The Men Behind The Wire Split Lp

(2013 - Escape From Today, Brigadisco)
I due chitarristi italiani tra post-rock cinematografico e poliedriche sperimentazioni

PAOLO SPACCAMONTI

Undici Pezzi Facili

(2009 - Bosco Rec.)
Dodici strumentali post-rock di matrice cameristica per il musicista torinese

Arbeit & Spaccamonti on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.