Stick In The Wheel

Follow Them True

2018 (From Here) | folk

Diciamo la verità, la musica folk non ha mai catturato fino in fondo il pubblico rock, tra tutte le matrici popolari è la più invisa anche ai fruitori della world-music. E’ più facile trovare un cultore di afro-music rurale, reggae, blues o altre forme musicali etniche, piuttosto che un fedele seguace del folk britannico ed europeo.
Dileguatosi il fascino della cultura hippie e dopo un breve revival folk legato alla scena indie, per il folk inglese è calato l’oblio, nonostante resti uno degli ambiti stilistici meno contaminati e corrotti dal mainstream. Qualche timido apprezzamento per l’operazione avant-folk dei Gloaming, o per l’acuta ricerca antropologica di Sam Lee ha in parte ridestato l’interesse, ma resta comunque arduo tentare di proporre al pubblico album più strettamente folk. Peccato perché un album come “Follow Them True” avrebbe meritato ben altre attenzioni, che non quelle sparute elargite da temerari fan della musica popolare, e sottolineo popolare, perché è in questa identità che va racchiusa l’ultimo album dei Stick In The Wheel.

Punto d’arrivo di un percorso di ricerca e riscrittura della cultura tradizionale folk, “Follow Them True” vince il confronto con molte altre operazioni simili, grazie a un linguaggio sonoro aspro e crudo, che non lascia spazio a inutili abbellimenti estetici.
L’approccio dei Stick In The Wheel è simile a quello del punk, spesso viscerale e corrosivo, poeticamente struggente e iperrealista; è infatti la difficile quotidianità dell’uomo comune e la frustrazione della working class, il tema centrale delle canzoni scelte dal gruppo per essere rielaborate e reinventate (“Weaving Song”). C’è una costante energia nelle tredici tracce, essa trasuda fin dalle prime note dell’album attraverso accordi di chitarra acustica taglienti e affilati (“Over Again”), si veste di oscure trame gothic e funebri rovistando nel futuro (“Red Carnation”), sfida la tradizione esautorando piccoli classici folk delle loro forme più note: una “As I Roved Out” trasfigurata da loop e beat elettronici.

Spesso irriverenti e poco rispettosi dei canoni, gli Stick In The Wheel non temono nel confrontarsi con una delle più antiche canzoni popolari, “Abbots Bromley Horn Dance”, restituendole tutta la valenza di danza propiziatoria, stessa sorte tocca a “White Copper Alley” (che i più fortunati ricorderanno far parte del repertorio di Nic Jones), abilmente scarnificata da una graffiante interpretazione della vocalist Nicola Kearey.
Ed è anche nella raggiunta maturità espressiva della cantante che è racchiuso parte del fascino dell’album, è infatti grazie alla perfetta padronanza dell’autotune nella title track, alla ruvida coralità di “Poor Old Horse” e all’incedere drammatico di “Witch Bottle“ che “Follow Them True” si guadagna l’appellativo di autentica sorpresa del panorama folk di questi ultimi tempi.

(09/03/2019)



  • Tracklist
  1. Over Again
  2. Weaving Song
  3. Witch Bottle
  4. White Copper Alley
  5. Follow Them True
  6. 100,000 Years
  7. Abbots Bromley Horn Dance
  8. Roving Blade
  9. Unquiet Grave
  10. Blind Beggar Of Bethnal Green
  11. Poor Old Horse
  12. Red Carnation
  13. As I Roved Out




Stick In The Wheel on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.