Still Corners

Slow Air

2018 (Wrecking Light) | synth-dream-pop, ambient-pop

Se per caso vi fosse venuta in passato la remota curiosità di avere tra le mani un disco strumentale targato Still Corners, “Slow Air” può parzialmente soddisfare la vostra richiesta. Non che per l'occasione il duo dream-pop abbia deciso di rinunciare al lato vocale (da sempre centrale nel suo assetto espressivo), tuttavia è semplice riscontrare come, in occasione del loro quarto album, il comparto strumentale si prenda la fetta del leone, affascinando più e meglio delle costruzioni melodiche. Disco ben più dimesso e umorale rispetto al precedente “Dead Blue”,  innervato da contributi chitarristici come non se ne sentivano dai tempi dell'esordio, l'ultimo prodotto della coppia londinese li vede piegare su un sound ipnotico ed atmosferico, scandito da battiti lenti (al più midtempo) e tessiture sparse, dal forte carattere sintetico ma mai fermo agli stessi parametri stilistici. Se si può pensare ad un più che dignitoso seguito del loro effettivo capolavoro personale, l'ascolto lascia invece un'impressione diametralmente opposta.

Difficile rilevare se sia prima venuta l'elaborazione delle parti strumentali oppure se in fase di scrittura sia emersa la maggiore spazialità delle melodie, fatto sta che è negli assoli chitarristici, nella cooperazione tra sintetico e organico, così come nel forte impatto evocativo delle composizioni (tanto che il termine ambient-pop non appare così fuori luogo) che si individua quanto di coinvolgente è incluso in “Solid Air”, il suo, per quanto esiguo, motivo di fascino. Affidata a fili lirici esili come carta velina, con le interpretazioni di Tessa Murray a sciorinare tutti i cliché possibili da fatalona dream-pop, la penna degli Still Corners procede sonnacchiosa ed insicura, incapace di azzardare una struttura particolare, un giro interessante.
Tra spizzichi e bocconi di melodia, che spesso si estinguono nell'arco della prima metà del brano, e i frequenti mormorii non-verbali del canto, giusto in due brani sembra tornare la vera pasta del duo, a ricordarci quello di cui sono davvero capaci. Il twang gothic-country della chitarra di “The Message”, dal tocco complessivamente più sensuale e ipnotico, e la cadenza dream-jangle di “In The Middle Of The Night”, piena di frenate e ripartenze, danno l'idea di un gruppo che ha in parte voluto deviare dal percorso standard, ma che non ha affatto perso la bussola.

Resta comunque l'impressione di un potenziale del tutto inespresso, di un prodotto che anche nei suoi momenti maggiormente improntati al richiamo atmosferico (i due strumentali del disco) avrebbe avuto tanto da dare alla causa degli Still Corners, se fosse stato calibrato con un minimo di cura in più. L'aria lenta descritta dagli inglesi resta insomma profondamente transitoria, pronta a dissiparsi al richiamo di nuove suadenti ambientazioni oniriche.

(10/01/2019)

  • Tracklist
  1. In The Middle Of Night
  2. The Message
  3. Sad Movies
  4. Welcome To Slow Air
  5. Black Lagoon
  6. Dreamlands
  7. Whisper
  8. Fade Out
  9. The Photograph
  10. Long Goodbyes






Still Corners su OndaRock
Recensioni

STILL CORNERS

Dead Blue

(2016 - Wrecking Light)
La svolta all-synth del fu duo dream-pop, nel suo progetto più ambizioso

STILL CORNERS

Strange Pleasures

(2013 - Sub Pop)
L'atteso ritorno del duo londinese, tra tentazioni sintetiche e languidi onirismi

STILL CORNERS

Creatures Of An Hour

(2011 - Sub Pop)
Dai blog alla Sub Pop, la consacrazione del revival dark-dream-pop nel debutto di una band londinese ..

News
Still Corners on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.