Styrofoam

We Can Never Go Home

2018 (Sound In Silence) | elettronica

Dopo quasi otto anni di esilio dalla produzione musicale, Arne Van Petegem aka Styrofoam torna a pubblicare un album per la piccola Sound In Silence. Nelle ultime due prove pubblicate prima della pausa (“A Thousand Words” e “Disco Synthesizers & Daily Tranquilizers”), l'artista belga ha modificato la natura della sua musica introducendo una spinta uptempo decisamente fuori dai suoi canoni, producendo una sorta di stridore per chi lo aveva amato con dischi quali “The Point_misser” o “I'm What's There To Show That Something's Missing”. Lo stesso musicista ha recentemente dichiarato in un'intervista che tale tentativo di essere ciò che realmente non è ha portato a un totale processo di snaturalizzazione e a un conseguente distacco dalla composizione.

Durante questo lungo periodo che l'ha tenuto lontano dalla sua musica, Arne è stato impegnato in attività di produzione per altri artisti, fino a quando George Mastrokostas dell'etichetta Sound In Silence l'ha contattato per cercare di instaurare un rapporto di collaborazione. Nonostante questa lunga pausa, l'artista belga ha continuato a lavorare su alcune sue idee, trovando solo adesso, anche grazie a questa opportunità, la spinta per riprendere a condividerle con il pubblico. Ed è così che è nato “We Can Never Go Home”, album che fin dall'inizio colpisce per il fatto di essere totalmente strumentale.
Quelle flebili linee vocali che rendevano le sue prime produzioni dei gioielli di pop elettronico minimale vengono totalmente eliminate per ritrovare l'essenza della costruzione di un pezzo senza sovrastrutture. Ascoltando la forte malinconia catartica di “This Terribile And Beatiful World” o le ondate soniche di “Fully Present”, sembra davvero di tornare indietro di circa vent'anni con pezzi quali “Off Is Not The Speed”. Si potrebbe dire che questa è musica già sentita ed un po' nostalgica (in parte è pure vero) tuttavia è innegabile come le composizioni abbiano un certo fascino, basti ascoltare la title track o il bel tiro di “The Crook Of Your Elbow”.

Continuando l'ascolto del disco è sempre più evidente come, con la nuova mutazione artistica, Styrofoam abbia voluto scarnificare la sua musica per un vero ritorno alle origini di quella “urgenza espressiva” che forse era venuta a mancare. Ed è nei virtuosismi sintetici che il disco si perde e si ritrova in un meraviglioso susseguirsi di giochi interstellari (la bella “Did Your Mouth Buy This Scar?”), splendide frustate electro (la più movimentata “Love Restores Almost Everything”) e un finale dal sapore magico (gli incanti quasi shoegaze di “Blind Spot Safety Procedure”). Ci sono tutti gli ingredienti perché questi otto brani possano piacere a un pubblico molto vasto, collocandosi in un mercato di mezzo fra elettronica d'ascolto ed electro-pop.

Non so se mai riusciremo a ritrovare le meraviglie di episodi come “The Long Wait” – da annoverare fra i migliori esempi mai partoriti da quella stagione - ciò che è certo che con questo “We Can Never Go Home” abbiamo ritrovato un talento creativo di cui la musica aveva davvero bisogno.

(09/12/2018)



  • Tracklist
  1. Fully Present
  2. It Isn't Real So It Doesn't Count
  3. The Crook Of Your Elbow
  4. Did Your Mouth Buy You This Scar?
  5. Love Restores Almost Everything
  6. We Can Never Go Home
  7. This Terrible And Beautiful World
  8. Blind Spot Safety Procedure
Styrofoam su OndaRock
Recensioni

STYROFOAM

A Thousand Words

(2008 - Nettwerk)
Arne Van Petegem cambia etichetta, ma non attitudine

Styrofoam on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.