Barrie

Barrie

2019 (Winspear) | dream-pop, elettro-pop

Con un bagaglio culturale multietnico (i membri  provengono da Baltimore, Boston,  New York, Londra e San Paolo) e sotto la guida di Barrie Lindsay, la formazione di stanza a New York giunge all’esordio dopo una serie di piacevoli singoli in stile dream-pop, che hanno stuzzicato non poco la fantasia dei fan del genere.

Jake Aron (Snail Mail, Solange, Grizzly Bear, Beth Orton) resta fedelmente al banco come ingegnere del suono, creando una continuità stilistica con l’Ep del 2018, e contribuendo all’omogeneità del progetto.
Le canzoni di “Happy To Be Here” sono dieci episodi dream-pop in chiave elettronica e lievemente introspettiva, dieci frizzanti melodie tanto semplici quanto innocue, perfette per disintossicarsi dall’ascolto massivo dei progetti delle next big thing o di dischi alternative/experimental.

Due singoli dall’incedere più ballabile, il synth-pop palpitante di “Clovers” e l’elegante funky di “Geology” caratterizzato da un delizioso break chitarristico alla George Benson, e il più recente biglietto da visita in salsa “Baba O’Riley”, l’agrodolce “Darjeeling” sono le esternazioni liriche più potenti di un album pop dal fascino flebile e aleatorio.
Spensierato, mai sgradevole, “Happy To Be Here” è un debutto maturo e per molti versi interessante, ma gran parte dei tentativi della band di dare profondità alla sua proposta, le più tenui e introspettive “Dark Tropical” e “Saturated” e il tentativo poco riuscito di smuovere le pulsioni ritmiche in “Habits” non sono supportati da una scrittura all’altezza.

Qualche timido sorriso lo strappa il pop in salsa videogioco alla Metronomy di “Chinatown” e l’oscillare dei synth in “Teenager”, troppo poco per aggiungere il nome dei Barrie alla lista degli esordi da tenere sott’occhio, sufficiente però per offrire almeno in futuro un’altra possibilità.

(15/05/2019)



  • Tracklist
  1. Darjeeling
  2. Dark Tropical
  3. Clovers
  4. Habits
  5. Saturated
  6. Chinatown
  7. Teenager
  8. Geology
  9. Casino Run
  10. Hutch




Barrie on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.