Cherry Glazerr

Stuffed & Ready

2019 (Secretly Canadian) | pop-rock

A quasi due anni di distanza dalla prova di maturità, “Apocalipstick”, la creatura di Clementine Creevy compie l’ennesima mutazione, causata non solo dall’allontanamento dalla formazione del tastierista Sasami Ashworth e dall'ingresso di un nuovo bassista (Devin O’Brien al posto di Sean Redman). Con "Stuffed & Ready" la band compie un’evidente virata stilistica, con le strutture alt-rock che prendono possesso delle precedenti inclinazioni garage. A farne le spese sono l’intensità emotiva e la mobilità lirica delle dieci tracce, soffocate da arrangiamenti vigorosi che esaltano le melodie e i riff più rimarchevoli, con timbriche in bilico tra i Garbage (“Ohio”) e alcune cose dei Cure.

La nuova formula alchemica dei Cherry Glazzer in verità funziona perfettamente quando la band osa sfuggire ai cliché - ritmo, riff di chitarra, uptempo, break, altro riff - che modellano gran parte delle dieci canzoni. E’ il caso del singolo “Daddi”, un dream-pop dai confini oscuri e dal penetrante refrain che offre anche il testo più forte dell’album: "Cosa dovrei cucinare papà? Cosa dovrei dire? Cosa dovrei fare? Va bene con te? Chi dovrei scopare? Non stringere la mia mano, non essere il mio uomo".
Anche per “Self Explained” la band sceglie un diverso registro sonoro, affidando all’elettronica la struttura portante di un brano pop interessante e sbarazzino, che attenua il mood ossessivo e a volte monocorde dell’album, che altrove imperversa infettando, ad esempio, le estenuanti melodie di “Isolation” e “That’s Not My Real Life”.
Non va meglio quando i Cherry Glazerr si rifugiano dietro accordi rubati ai Cure, mescolandoli con un po’ di grunge (“Juicy Socks”) o lasciandoli a mollo in sonorità elettroniche da saldi di fine stagione (“Pieces”). A riequilibrare le sorti ci pensa prima un’accattivante pop-grunge (“Wasted Nun”), che ritorna efficacemente sul tema del difficile rapporto di forza tra uomini e donne, e poi l’altrettanto energica ma ben calibrata miscela di riff e slanci armonici di “Stupid Fish”.

Con “Stuffed & Ready” i Cherry Glazerr compiono un passo avanti e due indietro, sacrificando parte della loro genuinità per un probabile riscontro di classifica non del tutto immeritato, ma dietro lo sfavillante insieme di queste piacevoli dieci variazione su tema, si nasconde un vuoto d’ispirazione che lascia dolcemente interdetti.

(13/03/2019)



  • Tracklist
  1. Ohio
  2. Daddi 
  3. Wasted Nun
  4. That's Not My Real Life
  5. Self Explained
  6. Isolation
  7. Juicy Socks
  8. Pieces
  9. Stupid Fish
  10. Distressor




Cherry Glazerr su OndaRock
Recensioni

CHERRY GLAZERR

Apocalipstick

(2017 - Secretly Canadian)
Nuova formazione e nuove emozioni per la band di Clementine Creevy

CHERRY GLAZERR

Haxel Princess

(2014 - Burger)
L'acerba spensieratezza dei giovani losangelini

News
Cherry Glazerr on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.