Cranberries

In The End

2019 (BMG) | pop-rock

Mike Hogan, Noel Hogan e Feargal Lawler ricevettero le demo delle parti vocali registrate da Dolores O'Riordan per "In The End" il 15 gennaio 2018. Soltanto poche ore dopo, insieme al resto del mondo, avrebbero ricevuto la notizia che Dolores era stata trovata annegata in una stanza del London Hilton. Qualche mese dopo, i tre fecero sapere alla stampa che avevano ultimato il disco e, che una volta uscito, i Cranberries non sarebbero più esistiti.

Con premesse del genere, farsi prendere dalla commozione e scrivere una recensione sull'ala di questa sarebbe fin troppo facile. Specie se hai un po' più di trent'anni e quando ne avevi dodici o tredici le tue prime cotte facevano parte delle varie band del liceo e, cantando, scimmiottavano proprio Dolores. L'indubbia qualità di "In The End" fuga però ogni imbarazzo e rende il compito meno ingrato. L'ottavo disco della band irlandese è infatti, senz'altro, il loro migliore da una ventina d'anni a questa parte.
Certo, tutti i retroscena da ultima volta aiutano la cosiddetta lacrimina a fare capolino, come quando nella voluttuosa "Lost" la voce fatata della O'Riordan si concede i proverbiali svolazzi volteggiando sempre più in alto. O quando il giro di basso della più forzuta "Wake Me When It's Over" ammicca a quello di "Zombie". Nulla che la band non abbia già percorso, insomma, ma proposto sempre con gran efficacia.

"Catch Me If You Can" fornisce invece vesti inedite al suono dei Cranberries. Prima un pianoforte dal guizzante incedere neoclassico, poi un rinforzo di archi drammatici a trainare le strofe, facendone un brano molto elegante e, senza però rinunciare a un pelo di accessibilità, sofisticato.
In un album in cui la maggior parte dei titoli sembrano sinistre profezie di quello che sarebbe accaduto, lo strumming acustico molto solare di "Summer Song" rappresenta un bel break. I toni tornano invece soavemente drammatici nel commiato affidato alla title track, che chiude disco e avventura con un dolce abbraccio di archi melanconici e cantato celtico.

Sono tanti gli argomenti utilizzati tra i critici più spocchiosi per sminuire i Cranberries, alcuni dei quali anche condivisibili. Potremmo senz'altro concordare con chi li definisce una band incapace di reggere un intero disco, ma sarebbe improbo negare la bellezza di così tante splendide pop song declinate in una miscela unica e malinconica di dream-pop, alternative rock 90's e spolverate celtiche. Un blend unico e dolciastro, come quello dei migliori whiskey irlandesi. Non fa eccezione "In The End", che ha i suoi momenti meno incisivi (comunque canticchiabili), ma chiude degnamente e commossamente un'epopea indimenticabile.

(28/04/2019)

  • Tracklist
  1. All Over Now
  2. Lost
  3. Wake Me When It's Over
  4. A Place I Know
  5. Catch Me If You Can
  6. Got It
  7. Illusion
  8. Crazy Heart
  9. Summer Song
  10. The Pressure
  11. In the End


Cranberries su OndaRock
Recensioni

CRANBERRIES

Roses

(2012 - Cooking Vinyl)
Torna la band di Limerick dopo una lunga pausa e, stavolta, senza il fiato sul collo

News
Cranberries on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.