Dream Theater

Distance Over Time

2019 (Inside Out Music) | progressive metal

Provenienti dall’assordante tonfo di “The Astonishing” i Dream Theater avevano un grosso vantaggio. Era quasi impossibile fare di peggio. Il nuovo amletico “Distance Over Time” ritorna al progressive metal e in effetti risale parzialmente la china, mostrando che nel quintetto potrebbero esserci ancora barlumi di vita e forse di speranza. Intanto c’è l’intelligenza di non ripetere gli stessi errori di ridondanza eccessiva, riducendo drasticamente durata e numero di tracce: cinquantasei minuti al posto di centotrenta e dieci brani al posto di trentaquattro.

La grandezza dei Dream Theater è stata sempre quella della tecnica estrema di tutti i musicisti, con virtuosismi maniacali che rappresentano totalmente la loro cifra. Di conseguenza l’accusa frequente di una loro freddezza, oltre a essere tendenzialmente infondata, è anche illogica. Petrucci comunica con i suoi ascoltatori soprattutto tramite la tecnica, è il suo linguaggio, non un artificio freddo da guitar hero distaccato, ma il modo che gli è più congeniale per trasmettere sé stesso al pubblico. Ed è proprio nei brani ipertecnici che riesce a essere davvero autentico e sincero, mentre quando si cimenta nel formato ballad (forse proprio per smentire questa inossidabile accusa) molto spesso tende a ripetersi in modo stucchevole e noioso.
“Distance Over Time” coglie pienamente questa duplicità (da sempre presente in tutta la loro discografia, che alterna Lp più marcatamente metal ad altri più morbidi), dividendosi quasi a metà tra queste due anime; da una parte il loro classico marchio di fabbrica, fatto di strenui inseguimenti tra Petrucci e Rudess, dall'altra ricerche melodiche che avevano già detto tutto negli anni 90 con “Metropolis Pt. 2: Scenes From A Memory” (ad esempio, con “The Spirit Carries On”).

“Distance Over Time” trova quindi nuova vitalità nelle tracce più complesse, in quei vortici di tempi dispari che sono i momenti di maggiore libertà compositiva della band. “Pale Blue Dote” e “At Wit’s End”, con le loro fughe strumentali iper-tecniche, rappresentano probabilmente il meglio che oggi la band di Petrucci possa regalare.
Ma anche quando il riff di “Fall Into The Light” ricorda da vicino i Metallica, siamo a buoni livelli anche emotivi, ma il brano sarebbe stato ottimo se fosse finito al quinto minuto, prima del forzatissimo assolo di Rudess. Per il resto il sound è quello tipico dei Dream Theater post-2000, con buone parti strumentali e la voce di La Brie che non dà l’impressione di aggiungere granché. Ascoltare episodi come “S2N” (finalmente si sente il basso di Myung) fa sorgere il dubbio che se i Dream Theater si dedicassero maggiormente a brani esclusivamente strumentali (come nel vecchio progetto Liquid Tension Experiment) forse non farebbero male. Discorso simile si potrebbe fare per l’iniziale “Untethered Angel”, che si salva dal terzo minuto nella parte centrale strumentale.

In “Room 137” viene tristemente utilizzato il vocoder, “Out Of Reach” è una tipica ballata, mentre “Paralyzed” - il brano scelto come singolo - è simile a ormai troppe canzoni dei Dream Theater degli ultimi 20 venti anni. La bonus track è “Viper King”, che ha il pregio di chiudere con spensieratezza un Lp che si spera possa dare nuova vita alla band di Petrucci.

(24/02/2019)



  • Tracklist
  1. Untethered Angel
  2. Paralyzed
  3. Fall Into The Light
  4. Barstool Warrior
  5. Room 137
  6. S2N
  7. At Wit's End
  8. Out Of Reach
  9. Pale Blue Dot
  10. Viper King




Dream Theater su OndaRock
Recensioni

DREAM THEATER

The Astonishing

(2016 - Roadrunner Records)
I paladini del prog-metal tornano con un'ambiziosa opera-rock

DREAM THEATER

Dream Theater

(2013 - Roadrunner Records)
La band metal-progressive più famosa torna a far parlare di sé

DREAM THEATER

A Dramatic Turn Of Events

(2011 - RoadRunner Records)
Il ritorno dei capostipiti del prog-metal, ormai orfani di Portnoy e alla ricerca di atmosfere meno oscure ..

DREAM THEATER

Octavarium

(2005 - Atlantic)

DREAM THEATER

Images And Words

(1992 - ATCO Records)
L'album che ha dettato il canone del progressive-metal, rendendo i Dream Theater una delle band più ..

News
Dream Theater on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.