White Lies

Five

2019 (Pias) | alt-rock, synth-pop

Una recente - e trascurabile - social challenge ha proposto l'accostamento tra scatti attuali e altri vecchi di dieci anni: e se facessimo il parallelo a livello musicale? I White Lies si presterebbero benissimo. Nel 2009 con "To Lose My Life..."  il gruppo di Ealing s'inseriva negli ultimi vagiti del revival darkwave/post-punk tanto in voga. Con singoli efficaci, l'esordio e "Ritual" diventano successi commerciali, ma, per quanto si tratti di due lavori ben impacchettati, l'ascolto a distanza è privo di slanci significativi. Nel concept "Big Tv" la piega diventa più interessante, merito del nostalgico abbraccio dei sintetizzatori che sfocerà tre anni dopo nel gradevole synth-pop di "Friends". Ed eccoci arrivati a inizio 2019 e a "Five", il quinto capitolo della discografia.

I synth ci sono ancora, e parecchio. Sono l'avvincente trama su cui si snodano i sette minuti di "Time To Give". Nonostante la scelta - tra l'ambizioso e lo spiazzante - del brano come primo singolo e opening, le successive canzoni mostrano i White Lies concentrati a fornire la più smagliante e luccicante forma pop-rock. Sintetizzatori ben calibrati, il basso galoppante di Charles Cave, la chitarra e il timbro vocale di Harry McVeigh si fondono in un mix da ko, supervisionato dal fidato produttore Ed Buller (Suede). Alle fosche atmosfere goth/dark dei primi passi, il gruppo preferisce una zona di confine tra la new wave più elettro-rock e un melodico synth-pop.

"Kick Me" e "Tokyo" sono tra i momenti più diretti della loro produzione: la prima con quel giro di note ruffiane a sostegno del ritornello ammaliante, la seconda fresca e irresistibile: una hit perfetta. I brani da voler già cantare dal vivo non finiscono qui: "Denial" è l'ennesimo refrain magnetico impreziosito dal bell'assolo centrale. Se cercate altre tracce di qualche cara vecchia chitarra, ecco il giro acustico di "Finish Lane" e il colpo molto più duro nell'inarrestabile "Jo?", versione aggiornata di "There Goes Our Love Again". Solo la conclusiva "Fire And Wings" scricchiola, ricordando i passaggi più grossolani dei Killers di "Battle Born".

Concludendo il gioco, i White Lies non scriveranno le pagine più alte della storia del rock e forse non raggiungeranno mai lo status di culto di chi ha dato senso e vita alla scena dark/nu new wave (ovvero gli Interpol), eppure con "Five" si presentano maggiormente ispirati rispetto a colleghi più famosi (vedi i compagni di etichetta Editors) e una spanna sopra realtà con cui hanno condiviso esordi e accostamento alla corrente (Bloc Party o gli scomparsi - ed è un peccato - Glasvegas), avvicinandosi al rinnovamento apprezzato nell'ultima fatica dei Franz Ferdinand. Se riescono a garantire tale standard di godibilità, il gioco dei dieci anni più che una minaccia appare uno stimolo.

(07/02/2019)

  • Tracklist
  1. Time To Give
  2. Never Alone
  3. Finish Line
  4. Kick Me
  5. Tokyo
  6. Jo?
  7. Denial
  8. Believe It
  9. Fire And Wings


White Lies su OndaRock
Recensioni

WHITE LIES

Friends

(2016 - Bmg)
Il quarto album del trio post-punk londinese

WHITE LIES

Big Tv

(2013 - Fiction)
Una storia di amore e sacrificio dagli inauditi lampi radiosi nel terzo disco della band inglese

WHITE LIES

Ritual

(2011 - Fiction)
La seconda attesa prova discografica della band di Harry McVeigh

WHITE LIES

To Lose My Life

(2009 - Fiction)
La vena darkwave di un giovane terzetto londinese

News
Live Report
White Lies on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.