Hand Habits

placeholder

2019 (Saddle Creek) | alt-country, sad-country

Non inaspettatamente accasata alla Saddle Creek, come Adrianne Lenker, Meg Duffy torna con un album di alt-country “a caratteri minuscoli”, dall’accentuata vena malinconica (la title track) e smarrita (il singolo “can’t calm down”). In alcuni frangenti, il disco strizza l’occhio al folk-rock in minore dei Midlake (“pacify”).

Ci sono una generale coerenza e intenzione di fondo, e una sufficiente cura nella costruzione delle canzoni, nonostante la forma spesso dei canonici 4/4 alt-country (“what lovers do”), da dare a “placeholder” un’identità precisa.
Raramente però il disco vi spingerà a consultare la tracklist per sapere quale brano viene riprodotto, se non forse per l’Americana sognante, alla Wilco, di “the book on how to change part II”, con bella coda di sassofono e pianoforte, in stile War On Drugs.

Un bel viaggio, che però non si ha molta voglia di ripetere.

(26/03/2019)



  • Tracklist
  1. placeholder 
  2. can’t calm down
  3. pacify
  4. jessica
  5. yr heart [reprise]
  6. heat
  7. are you serious?
  8. wildfire
  9. what’s the use
  10. guardrail/pwrline
  11. what lovers do
  12. the book on how to change part II
Hand Habits su OndaRock
Recensioni

HAND HABITS

Wildly Idle (Humble Before The Void)

(2017 - Woodsist)
Esordio su Woodsist per una polistrumentista da cameretta

Hand Habits on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.