True Sleeper

Life Happened

2019 (Lady Sometimes/A Modest Proposal) | shoegaze, dream-pop

Dietro il moniker True Sleeper c'è Marco Barzetti, giovane musicista romano già leader del progetto Weird., nonché chitarrista e autore per Sonic Jesus, con i quali ha recentemente calcato i palchi di mezza Europa: adesso è tempo di avventurarsi nella nuova tappa discografica “Life Happened”, co-prodotta da Lady Sometimes e A Modest Proposal. Una genesi lenta e costante, sbocciata nelle nove tracce dell'opera: canzoni che sfumano una dentro l'altra, in un inarrestabile flusso sonoro inciso quasi in presa diretta da Barzetti (che suona tutti gli strumenti), presentatosi al momento della registrazioni senza demo e pronto a traslare tutti i brani dalla testa al nastro in una non-stop di sei giorni.

L'ossatura di “Life Happened” nasce al pianoforte: un po' alla volta il musicista ha aggiunto strati e strati sonori, fino a creare la spessa coltre di note che avvolge fin da subito l'ascoltatore. Facile ma riduttivo cercare di inquadrare l'opera nelle vicine – quanto amate – coordinate musicali di True Sleeper, dallo shoegaze al noise-rock, passando per il dream-pop. L'aspetto innovativo rispetto alla precedente produzione è una significativa apertura melodica, con il cantato più in primo piano rispetto al manto musicale mixato insieme a Filippo Strang e Riccardo Gruppuso, a cui si aggiunge l'inedito uso delle tastiere.

Tematicamente l'opera segna una sorta di rinascita per l'autore dopo il lungo periodo di cecità, come spiega lui stesso in un mini-racconto presente nelle pagine dell'artwork di “Life Happened”:
There was me, like in a coma. I was nobody. In my quest, started without any will, I found this golden, pulsating heart. Suddenly, I was alive.
Oltre ai richiami al passato e all'infanzia, che tornano negli scatti che accompagnano la musica di True Sleeper, l'esordio si afferma soprattutto come un concept sonoro: i brani cambiano ma i suoni rimangono i medesimi. “Blurred Hearts” inaugura bene l'opera, con le chitarre sognanti ben sostenute dalla batteria, a cui segue sullo sfumato un altro dei pezzi forti – nonché primo videoclip – del disco: “Heavy Life”, con quel giro di note lento e inciso, e un ritornello che s'imprime immediatamente.
Il livello è alto per tutti i 40 minuti, intrisi delle ottime trame della fedele Harmony H47 del '59 “leggermente modificata”. Con “Life Happened” True Sleeper incide un “nuovo” esordio intenso (un "Naked Start"), personale e di levatura internazionale.

(29/04/2019)

  • Tracklist
  1. Blurred Hearts
  2. Heavy Life
  3. Lost In Time
  4. (Coda)
  5. L is On C
  6. Naked Start
  7. Feel
  8. Yourizon
  9. Lunacy


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.