Pensées Nocturnes

Grand Guignol Orchestra

2019 (Acteurs de l'ombre) | avant-black-metal, musica circense, dark-cabaret

Tanti sono i paesi che hanno saputo adattare le peculiarità stilistiche del black-metal ai propri contesti nazionali, favorendo la formazione di scene dalle caratteristiche specifiche e dalle attitudini ben distinte. Nessuno come la Francia ha saputo traslare però tali elementi in un prisma espressivo dedito a un elevatissimo tasso medio di sperimentazione e a una straordinaria disinvoltura timbrica, tale da combinare l'apparato di base con le più disparate suggestioni, in un costante gioco al massacro di ogni convenzione. Dagli Alcest ai Deathspell Omega, dai Blut Aus Nord ai Peste Noire, i cugini d'oltralpe non si sono di certo tirati indietro nel profanare il corpo del metallo nero con assoluta dovizia di sofisticatezze; i Pensées Nocturnes, one man-band da quel di Parigi, si inseriscono dunque in un contesto solido, ereditando un testimone che reca con sé il gusto per una dissacrazione senza limiti, un sound distintivo, dai toni avanguardisti, e un'estetica immediatamente riconoscibile, con cui circostanziare in maniera precisa il progetto.

Sesto album in carriera, “Grand Guignol Orchestra” promette senza mezzi termini quanto il titolo lascia intuire, inscenando uno spettacolo in dieci movimenti dal carattere teatrale e oltranzista, in cui i tratti fondanti del black-metal sono il trait d'union per una complicata alchimia sonora, tanto irriverente quanto profondamente tragica. In questo circo nero, violento e provocante allo stesso tempo, l'etichetta dietro cui si nasconde la creatività di Valhôll raggiunge uno dei suoi momenti più intensi, nell'ambito di un'espressività già da tempo pienamente formata. Morbosamente inquietante.

Non si cerchino torrenziali cascate chitarristiche o imponenti muraglie ritmiche, nell'arco dei tre quarti d'ora del progetto, perché si finirà irrimediabilmente a bocca asciutta: ennesima dimostrazione di come i linguaggi black si siano allontanati dall'ortodossia degli esordi, in “Grand Guignol Orchestra” fungono, in maniera ancor più decisa rispetto alle due precedenti prove, a supporto concettuale e umorale di un'impalcatura ben più articolata, in cui Valhôll dà prova di grande rigore e finezza espressiva. Con un'organizzazione della scaletta strutturata a mo' di effettiva piéce teatrale, il musicista parigino adatta i lineamenti propri del metallo nero (meglio se di matrice depressiva) all'ideazione di un suono ibrido, cangiante, capace di passare con assoluta disinvoltura da armonie folk a motivetti jazz d'antan, dall'irriverenza senza freni del dark-cabaret (l'utilizzo luciferino della “Nonsense song” di Charlie Chaplin in apertura di “Poil de lune”) a spiritate modulazioni circensi, talvolta nell'arco di un solo brano.

Un'orchestra grandguignolesca in piena regola, per l'appunto, condotta con la lucida follia di un direttore indemoniato, che non esita a intervenire e modificare il corso degli eventi: è così che la voce dell'autore, esperta nel declinare ogni singola nuance del complicato mélange stilistico, fa prendere sbandate inattese agli eventi narrati, tanto da stravolgerne le premesse di partenza. “Les valseuses”, forse il brano che più reca impresse le stimmate black-metal originarie, si dissolve in una sardonica operetta jazzy, reminiscente dei momenti più sfrontati di Foetus e Pain Teens. “Anis maudit”, situata su iniziali premesse gothic/doom, prende invece la strada di un'efficace sintesi black-circense, strutturandosi a mo' di vivace catalogo di vignette, ciascuna col suo particolare flair.

In una raffinatissima operazione di sincretismo approdata alla sua piena maturità, il progetto Pensées Nocturnes tiene alte le quotazioni del metal d'oltralpe, insediandosi in una nicchia immediatamente apprezzabile nella sua singolarità. Rimane un progetto per pochissimi, ma il godimento, per quanto contorto, è assicurato.

(22/05/2019)

  • Tracklist
  1. Un trop plein d'rouge
  2. Deux bals dans la tête
  3. Poil de lune
  4. L'alpha mal
  5. L'etrangorium
  6. Les valseuses
  7. Gauloises ou gitanes
  8. Comptine à boire
  9. Anis maudit
  10. Triste Sade


Pensées Nocturnes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.