Steve Gunn

The Unseen In Between

2019 (Matador) | psych-country, americana

Se la musica di Steve Gunn aveva da sempre avuto un carattere prettamente inquieto, ribollente, questo “The Unseen In Between”, forse perché segue la morte del padre a cui era molto legato, è invece il tentativo del chitarrista di Brooklyn di dare forma più stabile, meno caotica, alla sua musica.
Rimane certamente la qualità nelle tessiture del guitarwriting puro e degli arrangiamenti di complemento, che costituiscono sempre una delle maggiori attrattive degli album di Gunn, ma il tutto è calato in canzoni e ambientazioni meno dispersive – più Ryley Walker e meno Kurt Vile, verrebbe da dire (“New Moon”).

Senza scomodare altri artisti che giocano nella stessa lega, “The Unseen In Between” è sicuramente un disco di Steve Gunn, prima di tutto: in “Paranoid” e “Lightning Field” (questa rappresentazione musicale della classica tempesta delle Grandi Pianure) si avverte il respiro esploratore ma sicuro di sé degli ampi spazi creati dal suo stile chitarristico, anche se mancano probabilmente i devastanti riff acustici della sua precedente carriera.
Il ruolo di “prua” dell’album è affidato invece all’insolita “Vagabond” (con Meg Baird alla seconda voce), che ricorda una versione più adulta e country dei Real Estate, coi suoi cambi d’accordo e di ritmo repentini e lo stile contemplativo, pensieroso. Le qualità, prima di tutto, di interprete sublime di Gunn gli rendono semplice presentare un brano tormentato, alla Jackson C. Frank, come “Stonehurst Cowboy”.

Grande interprete, ma purtroppo mai grande cantautore, Steve Gunn pubblica un nuovo disco che lo colloca ancora nello “stato dell’arte” dell’Americana contemporaneo, delineando sempre di più i contorni del suo stile e differenziandolo perlomeno dal vecchio compagno di band, Kurt Vile, verso l’Americana “da auditorium” degli Wilco di “A Ghost Is Born” o “Sky Blue Sky” ("New Familiar"), ma ormai sembra difficile che trovi nel suo bagaglio l’ispirazione per il vero disco definitivo.

(23/01/2019)



  • Tracklist
  1. New Moon
  2. Vagabond
  3. Chance
  4. Stonehurst Cowboy
  5. Luciano
  6. New Familiar
  7. Lightning Field
  8. Morning Is Mended
  9. Paranoid
Steve Gunn su OndaRock
Recensioni

STEVE GUNN

Eyes On The Lines

(2016 - Matador)
Il ritorno dell'ex-Violators col suo disco più potente

STEVE GUNN

Way Out Weather

(2014 - Paradise Of Bachelors)
Nuova uscita ravvicinata per il cantautore e chitarrista americano

STEVE GUNN

Time Off

(2013 - Paradise Of Bachelors)
Il prezioso lavoro solista del chitarrista di Kurt Vile

News
Steve Gunn on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.