Steve Mason

About The Light

2019 (Double Six / Domino) | pop-rock

Che quello di rincorrere all'infinito la formula un tempo propugnata con la Beta Band fosse ormai un gioco al ribasso, Steve Mason doveva averlo capito con “Meet the Humans”, un disco piuttosto stanco, sostanzialmente privo di guizzi, incapace di tenere testa a uno standard di cui il musicista scozzese si sentiva – non a torto – il più titolato portacolori. Mason ha perciò messo in discussione il proprio songwriting, e per non correre il rischio di incappare negli esiti stilistici di sempre, ha deciso di farsi accompagnare nel processo creativo dalla backing band, abbattendo in questo modo anche l'ultimo baluardo al quale aggrapparsi: lo scrivere musica nella più totale solitudine.
Il risultato è “About The Light”, un album effettivamente corale, magari un tantino pomposo in certi frangenti, percorso da un rinnovato sentimento positivo e permeato da soluzioni più classic rock che farebbero presagire un passo indietro rispetto a un artista da sempre all'avanguardia, ma che in questo caso particolare hanno tutta l'aria di un passo in avanti.

Addentrandosi nella scaletta di questo quarto lavoro solista, appare anzi evidente come Mason abbia infine trovato la sua America, in senso quasi letterale. “About The Light” è, diciamo così, il suo “Joshua Tree”, e lo si intuisce fin dalle prime note di una opening track invero scolastica e pure un poco tronfia nel voler mostrare le nuove potenzialità orchestrali, e più avanti in una “Walking Away from Love” che si posiziona a mezza strada tra il soul a stelle e strisce e l'omaggio al vecchio musical di Broadway. In tutt'altra direzione va la ciondolante “Fox On The Rooftop”, una ballata elettrica che guarda a Neil Young (la seconda ballad in scaletta, “Don't Know Where”, non raggiunge gli stessi apici). Ogni residuo dubbio viene spazzato dalla notevole “Spanish Brigade”, un giro di chitarra che più Tom Petty non si può e che va a confluire in un ritornello perfettamente riuscito.

Ai nostalgici dello Steve Mason versione-Beta non restano che gli scampoli, ma di valore. “Rocket” parte nel segno della consueta indolenza, ma si gonfia man mano in un chamber-pop dai risvolti psichedelici. L'altra perla riconducibile alla prima ora è rappresentata da “About The Light”, cullata da quella sorta di baggy sound ormai appena accennato ma dall'inequivocabile timbro scozzese, in una specie di sintesi tra i retaggi della Beta Band (appunto) e la lezione dei Primal Scream.
In altre parole, laddove “Meet The Humans” falliva, “Meet The Light” riesce: il viaggio lontano da casa ci riconsegna un Mason ispirato e di nuovo nel pieno controllo dei propri - non indifferenti - mezzi.

(28/01/2019)

  • Tracklist
  1. America Is Your Boyfriend
  2. Rocket
  3. No Clue
  4. About the Light
  5. Fox on the Rooftop
  6. Stars Around My Heart
  7. Spanish Brigade
  8. Don't Know Where
  9. Walking Away From Love
  10. The End


Steve Mason su OndaRock
Recensioni

STEVE MASON

Meet The Humans

(2016 - Double Six)
Il ritorno dell'ex-leader della Beta Band, dalle invettive politiche all'umanesimo

STEVE MASON

Monkey Minds In The Devilís Time

(2013 - Double Six)
L'ex-leader della Beta Band in una pop opera di protesta

STEVE MASON

Boys Outside

(2010 - Domino Recording)
Folk-pop tinto di soul-elettronico per l'ex-leader dei Beta Band

Steve Mason on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.