Tiny Ruins

Olympic Girls

2019 (Milk! / Ba Da Bing / Ursa Minor / Marathon) | chamber-folk, dream-folk

Nonostante la sua prima carriera non le abbia garantito la visibilità che meriterebbe, mentre tante sue colleghe diventavano le capofila di un movimento "al femminile" dai contorni parecchio controversi e a doppio taglio, Hollie Fulbrook ha seguito un suo percorso di evoluzione artistica che, pur portandola ora quasi su un altro pianeta rispetto alle ballate assai più ingessate e tradizionali dell'esordio, non cede mai neanche vagamente alle sirene di uno stile più affine alle più tormentate contemporanee. E al tempo stesso non rinuncia del tutto, come può aver fatto un'Alela Diane, a suonare moderna e personale.

"Olympic Girls", dopo il pur interessante ma transitorio "Brightly Painted One", è sicuramente l'album più completo della neozelandese: un florilegio di arrangiamenti che richiama in generale le ambientazioni del "nuovo" Laurel Canyon d'oltreoceano ("My Love Leda"), insieme a più sognanti ambientazioni alla Linda Perhacs ("Holograms"), dona il giusto spazio d'espressione all'ispirazione melodica sempre smagliante di Hollie (la title track).
Anche uno dei pochi brani più nineties ("How Much") si inserisce in un contesto di maturità artistica che si può dire, per "Olympic Girls", al suo massimo apice. Come resa dei brani, era dai tempi di "Fleet Foxes" (richiamate qua e là, naturalmente, ad esempio nelle infiorescenze di "One Million Flowers") che non usciva un disco di tale longevità.

Non dispiacerà probabilmente ai cultori dello stile l'associazione della Holbrook con David Lynch (che ha prodotto in passato un suo singolo), che ispira vagamente anche questo lavoro dolceamaro (la Miyazaki-ana "Kore Waits In The Underworld"), in cui l'emozione è da scoprire, più che essere esplicitamente gettata in faccia all'ascoltatore ("Cold Enough To Climb").
Nel complesso, si tratta di un album che difficilmente verrà superato in termini di profondità e completezza espressiva in quest'anno, che si tratti di maschietti o femminucce.

(10/02/2019)



  • Tracklist
  1. Olympic Girls
  2. School of Design
  3. How Much
  4. Sparklers
  5. Holograms
  6. Kore Waits in the Underworld
  7. Bounty
  8. One Million Flowers
  9. My Love Leda
  10. Stars, False, Fading
  11. Cold Enough to Climb
Tiny Ruins su OndaRock
Recensioni

TINY RUINS

Brightly Painted One

(2014 - Bella Union)
La cantautrice neozelandese approda alla Bella Union e registra con una band, senza snaturarsi

TINY RUINS

Some Were Meant For Sea

(2011 - Spunk)
La seducente malinconia della neozelandese Hollie Fullbrook, al secondo album

Tiny Ruins on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.