Vincenzo Ramaglia

Atomic City

2019 (Dark Companion Records) | avantgarde, breakcore

Atomic City è una città fantasma nello stato dell'Idaho, abbandonata nella seconda metà degli anni 50 a seguito di un incidente dell'Experimental Breeder Reactor I, la vicina centrale nucleare che le forniva energia elettrica. Oggi la città è allo stesso tempo un luogo reale e un non-luogo, sia un inquietante simulacro di non-vita, sia un luogo dell’orrore immaginario, sorta di preannuncio apocalittico di quello potrebbe diventare ogni regione della Terra, macabro insieme di vestigia di una civiltà defunta. Una città senza tempo, dove il vuoto e l’assenza sono destinati a durare per sempre.

Vincenzo Ramaglia giunge al suo quarto album dopo un percorso di ricerca tra musica elettronica e avant-jazz, in cui sperimenta le vie musicali più schizofreniche, dal breakcore al glitch, con rimandi a Venetian Snares, Autechre e Alva Noto, con la consueta collaborazione del clarinettista Renato Ciunfrini, mago nell’inserirsi in un contesto tanto alieno al suo strumento. Sembrano passati molti più anni dei dodici effettivi da “Formaldeide” (2007), che si muoveva su binari di avanguardia ma con strumentazione acustica.

“Atomic City” è quindi un’evoluzione della discografia di Ramaglia: suoni sintetici con momenti di puro breakcore uniti al clarinetto che suonano come inauditi, proprio come dovremmo immaginarci un luogo senza tempo e senza futuro, come se si potesse (dice Ramaglia) pensare di trasformare le sculture di Arman in musica.
Cinque brani lunghi, ma in effetti un unico flusso sonoro ultra-moderno, ricco di idee e soluzioni sonore alternative alla classica elettronica, con un linguaggio alieno, sostanzialmente post-umano (come gli abitatori di futuri mondi post-atomici), post-moderno (non influenzato da nulla che sia inerente la tradizione classica o moderna), esemplificativo di un'arte vista come puzzle sonoro deframmentato e decostruito.

(16/03/2019)



  • Tracklist
  1. Atomic City 1
  2. Atomic City 2
  3. Atomic City 3
  4. Atomic City 4
  5. Atomic City 5


Vincenzo Ramaglia su OndaRock
Recensioni

VINCENZO RAMAGLIA

Chimera

(2008 - Autoprodotto)
Un compositore romano tra jazz d'avanguardia e musica contemporanea

Vincenzo Ramaglia on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.