William Tyler

Goes West

2019 (Merge) | alt-folk

Dopo diversi progetti da solista, anche per l’ex-chitarrista dei Lambchop e dei Silver Jews è arrivato il momento di mettere nero su bianco, ovvero di riannodare i fili di una carriera ormai decennale, caratterizzata da una costante e autentica passione per la tradizione folk. Avevano fatto ben sperare le prime prove discografiche di William Tyler, ma per il musicista di Nashville lo scoglio più arduo è stato quello di potersi liberare del pesante fardello di erede di John Fahey.

Dopo le tentazioni avantgarde del progetto in tandem con i Six Organs Of Admittance, e la non del tutto riuscita contaminazione tra elettronica e acustica di “Modern Country”, Tyler riscopre il fascino del fingerpicking.
La rivoluzione è avvenuta dopo la recente migrazione del musicista americano dal Tennessee verso la California: una scelta nata in seguito al cambio di clima sociale e politico susseguente all’elezione di Donald Trump.
“Goes West” è un album ricco di energia e calore, quel calore che Tyler ha assorbito quando è arrivato nel sud, riscoprendo così anche la passione per il tocco brillante di Jerry Garcia, al quale si è molto ispirato durante la lavorazione dell’album.
Si deve invece al collega e amico Brad Cook l’interesse del chitarrista per la musica di Bill Frisell, che offre un prezioso cameo in una delle dieci tracce.

Non è solo l’aver preferito la chitarra acustica a quella elettrica la vera novità dell’ultimo album di Tyler, una scelta peraltro scaturita anche dalla volontà del musicista di avere un repertorio più idoneo a future esibizioni live, ma l’aver messo al centro del progetto la scrittura. Per “Goes West” il musicista ha assemblato una delle migliori formazioni possibili, lasciando nelle mani di Meg Duffy le meno invasive tessiture di chitarra elettrica e, nello stesso tempo, ampliando l’assetto degli strumenti acustici, mentre per la sezione ritmica a Glenn Kotche subentra Griffin Goldsmith dei Dawes, un musicista più idoneo per la svolta acustic-roots.

Non è un album di musica strumentale "Goes West", ma un disco di canzoni per chitarra e altri strumenti. La chitarra è dunque un'altra voce, le linee armoniche sono articolate e complesse, ricche ed elaborate, ben sintetizzate nelle sfolgoranti trame acustiche di “Alpine Star”.
Non crei sgomento il fatto che il musicista ami definire il suo stile romantic-folk: nonostante titoli come “Rebecca” e “Our Lady Of The Desert”, in queste dieci tracce alberga quel senso di bellezza e romanticismo che da sempre ispira poeti, scrittori, musicisti e pittori.

A volte gli accordi di chitarra sfiorano la purezza dei vecchi vinili della Takoma (“Venus In Aquarius”, “Call Me When I’m Breathing Again”), le atmosfere restano fedeli alla vitalità armonica di musicisti come Robbie Basho, Jack Rose e John Fahey, anche quando piccoli inserti elettronici (“Virginia Is For Loners”) o arrangiamenti più corali vengono in soccorso delle delicate trame liriche di alcune tracce (“Fail Safe”).
Episodi come “Not In Our Stars” e “Man In A Hurry” (con uno splendido tocco di chitarra elettrica di Meg Duffy) proseguono nel solco tracciato da “Modern Country”, ed è proprio in queste tracce che è evidente il perfetto equilibrio raggiunto da Tyler. 

Con “Goes West” il chitarrista ha trovato finalmente quell’identità stilistica necessaria per evolversi dallo stato di outsider a protagonista della nuova generazione di musicisti country-folk, una promozione sul campo che viene sigillata dalla presenza di Bill Frisell nell’elegante e suggestiva pagina finale ,“Our Lady Of The Desert”.

(14/01/2019)



  • Tracklist
  1. Alpine Star
  2. Fail Safe
  3. Not In Our Stars
  4. Call Me When I’m Breathing Again
  5. Eventual Surrender
  6. Rebecca
  7. Venus In Aquarius
  8. Virginia Is For Loners
  9. Man In A Hurry
  10. Our Lady Of The Desert




William Tyler su OndaRock
Recensioni

WILLIAM TYLER

Modern Country

(2016 - Merge)
L'Americana strumentale del chitarrista di Nashville, accompagnato da una band

WILLIAM TYLER

Impossible Truth

(2013 - Merge)
Sulle orme di Fahey, l'esordio con la Merge del chitarrista di Nashville

News
William Tyler on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.