Tre Allegri Ragazzi Morti

Sindacato dei sogni

2019 (La Tempesta) | alt-rock, psych-rock

Continuando il gioco di rimandi e citazioni esplicitato fin dal titolo, verrebbe da chiedere ai Tre Allegri Ragazzi Morti: come siete finiti qui? Dove il qui è riferito al Paisley Underground reso famoso dai The Dream Syndicate (ma il termine fu coniato da Mike Quercio dei Three O'Clock) a cui la band mascherata attinge per il nuovo "Sindacato dei sogni". Il terzetto ha ancora forza e voglia di innestare elementi inediti al proprio sound: dopo il cumbia-oriented "Inumani", nell'ultima fatica ecco atmosfere sognanti e psych-rock. Sia chiaro: non è una rivoluzione. La sezione ritmica Masseroni & Molteni rimane nitida e marcata, con Toffolo sempre inesauribile fonte melodica e narrativa. Produce e contribuisce ai synth Matt Bordin (Mojomatics e Squadra Omega) nei suoi Outside Inside Studio.

"Sindacato dei sogni" colpisce subito per l'incisività dei riff delle chitarre, palesata nella splendida tripletta iniziale nel segno della C: "Caramella", "Calamita" e "C’era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno", quest'ultima impreziosita dal passaggio di sassofono del jazzista friulano Francesco Bearzatti: appena letta la recensione, andatevi a vedere il videoclip di Sibylle Righetti, montato su un Super 8 "salvato" dei The Superbs.
Il mood fresco e avvolgente prosegue con "AAA Cercasi" - con Adriano Viterbini alla slide guitar - e la successiva "Accovacciata Gigante", un dolce e fantasioso jingle-jangle in cui si delineano i tratti della figura femminile protagonista/destinataria di alcune tracce (“Difendere i mostri dalle persone”). Con quel testo magico e l'intreccio di archi e armonica, "Bengala" è il cuore e gioiello dell'opera: segue la tesa riflessione di “Mi capirai (solo da morto)” e lo scorcio d'amara quotidianità di "Non ci provare".
Arriviamo al gran finale di "Una ceramica italiana persa in California": qui, a prescindere dal minutaggio, esplodono gli ascolti di Neu!Can e Kraftwerk, sfocianti in un crescente e ipnotico viaggio sonoro. La ceramica potete anche ammirarla: è la copertina di "Sindacato dei sogni", dopo esser stata personalizzata dal tratto inconfondibile di Toffolo. 

Giunta all'ottava prova, una delle realtà più importanti della scena alternativa italiana torna ispirata, e senza stravolgere la propria identità sonda nuove vie con buoni esiti.

(02/02/2019)

  • Tracklist
  1. Caramella
  2. Calamita
  3. C’era un ragazzo che come me non assomigliava a nessuno
  4. AAA Cercasi
  5. Accovacciata gigante
  6. Bengala
  7. Mi capirai (solo da morto)
  8. Difendere i mostri dalle persone
  9. Non ci provare
  10. Una ceramica italiana persa in California
  11. Con i bengala in cielo (Bonus Track) 


Tre Allegri Ragazzi Morti su OndaRock
Tre Allegri Ragazzi Morti on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.