Six Organs of Admittance

Companion Rises

2020 (Drag City) | cosmic indie folk-rock, songwriter

Un incipit elettronico introduce al nuovo album di Ben Chasny col moniker Six Organs of Admittance, a tre anni di distanza da “Burning The Threshold” (Drag City, 2017). Il brano è lanciato nello spazio sonoro come una meteora che porta lontano il passato, e soprattutto le sperimentazioni più eccentriche e oblique dei dischi precedenti, per farlo brillare nella volta celeste come una stella indie folk-rock quanto mai dolce e orecchiabile. Così campeggia sulla copertina una fotografia con Orione scattata da Chasny, tornato nella sua terra natia nel nord della California a esplorare nuovamente il cosmo.

La dose di sperimentalismo viene mantenuta nelle buone pratiche, dal momento che alcuni software per ritmiche ed elettronica con cui il cantautore californiano lavora sono programmati da lui stesso e che la produzione del disco è interamente a suo carico. Chasny compie questo viaggio nella solitudine da one-man-band, tra l’indie folk brioso venato di elettricità di “Two Forms Moving”, “Two Scout Is Here” e “The 101”, con un sound che ammicca alla combo Apostle Of Hustle/Broken Social Scene, e lo stile Americana dei deliziosi fraseggi di chitarra di “Companion Rises”, in cui si accosta nuovamente a cantautori come Ryley Walker – suo collaboratore nel disco precedente – e William Tyler.

Tra gli episodi più accattivanti troviamo l’atmosfera mediorientale à-la Xylouris White, ma in salsa dream-pop, di “Black Tea” e la vocalità eterea à-la Grouper di “Haunted And Known”, con un finale rarefatto in cui i drones inghiottono letteralmente le note acustiche della chitarra, che si sente naufragare a distanza. I contorni si sfaldano, sia nella forma dei brani sia nella sostanza dei suoni degli strumenti: elegante e delicato il pre-finale di “Make Yourself”, dove tra i fraseggi sghembi di chitarra elettrica aleggia lo spirito di Mark Linkous con Sparklehorse; emozionante il finale drone-ambient di “Worn Down By The Light”.

Un ascolto più leggero rispetto a quelli ai quali ci aveva abituati Six Organs of Admittance, ma che richiede diversi passaggi per entrare nelle trame di tutti gli strati sonori che compongono i brani e nei rimandi tra loro. Probabilmente a questo punto della sua carriera Chasny si trova in quiete con tutte le anime che si agitano dentro di lui, pienamente in controllo di tutti i mezzi a disposizione e nella totale libertà di generare autonomamente ogni suono.

(11/03/2020)

  • Tracklist
  1. Pacific
  2. Two Forms Moving
  3. The Scout is Here
  4. Black Tea
  5. Companion Rises
  6. The 101
  7. Haunted and Known
  8. Mark Yourself
  9. Worn Down to the Light
Six Organs of Admittance su OndaRock
Recensioni

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Burning The Threshold

(2017 - Drag City)
Ritorna con una splendida prova il progetto solista psych-folk del chitarrista americano Ben Chasny

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Hexadic

(2015 - Drag City)
Messo a punto un nuovo metodo di scrittura, Chasny realizza un disco enigmatico

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Ascent

(2012 - Drag City)
Ben Chasny chiama a raccolta i Comets On Fire e fa un tuffo nel passato

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Asleep On The Floodplain

(2011 - Drag City)
Il nuovo lavoro di Ben Chasny segna il suo ritorno all'intimitÓ acustica

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

RTZ

(2009 - Drag City)
Un'interessante compilation di vecchio materiale per Ben Chasny

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Luminous Night

(2009 - Drag City)
L'album Ŕ morto? Non per Ben Chasney e la sua inossidabile band

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

Shelter From The Ash

(2007 - Drag City)
Ben Chasny torna con un nuovo capitolo della sua saga psych-folk

SIX ORGANS OF ADMITTANCE

The Sun Awakens

(2006 - Drag City)
Ottavo disco della saga di Ben Chasny

News
Six Organs of Admittance on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.