Parquet Courts

Parquet Courts

Sonic Underground

di Claudio Lancia e Francesco Pandini

Dall’incrocio esplosivo fra punk e americana, nascono i Parquet Courts, diventati uno dei nomi caldi della scena alternativa. La New York proto-punk dei Velvet Underground e quella alt-noise dei Sonic Youth, l'approccio minimale dei Minutemen e quello storto e incantato dei Pavement, magicamente fusi assieme. Ed è solo l’inizio

A Brooklyn le cose sembrano accadere ancora oggi con una velocità e una frequenza sconosciute ad altri posti nel mondo: da lì provengono alcuni dei nomi più interessanti degli ultimi tempi, basti pensare alle affermazioni di progetti quali San Fermin, Big Ups, Hospitality o The Men. I Parquet Courts, texani trapiantati nella Grande Mela, ne sono per certo uno degli esempi più brillanti.
La loro storia prende il via nel 2011, e già entro lo stesso anno i risultati delle prime prove vengono fissati su una cassetta autoprodotta a tiratura limitata, American Specialties, che diventerà un vero oggetto di culto per i fan presenti e futuri. Oltre a suonare una bella mistura di garage-rock e post-punk, i quattro si divertono ad assemblare dei mix-tape che divulgano attraverso il proprio blog. Uno di questi, intitolato “By Who Power?”, aveva l’intento di fissare lo spettro delle influenze del gruppo: un gran caos con dentro Fall e GG Allin, Pavement e Guided By Voices, Neil Young e Beat Happening.

Ma si inizia a parlare in maniera più diffusa del materiale originale della band, quando i Parquet Courts pubblicano Light Up Gold, originariamente edito in sole cinquecento copie (subito esaurite) nell’agosto del 2012 dalla piccola label di casa, la Dull Tools, e successivamente ristampato dall’etichetta newyorkese What’s Your Rupture? nel gennaio dell’anno seguente.
Light Up Gold è legato a doppio filo sia alla New York nervosa e dissonante dei Velvet Underground, sia a quella del primo punk e dei Sonic Youth. Ma molto altro vibra nelle corde dei due singer-songwriter della band, Andrew Savage (voce, chitarra e già metà dei Fergus & Geronimo) e Austin Brown (voce, chitarra), a partire da un riffing geometrico e angoloso di scuola post-punk e reiterazioni di accordi con impresso il marchio Modern Lovers, senza disdegnare rumorismi che rimandano a Neil Young. La solida sezione ritmica composta da Sean Yeaton (basso) e Max Savage (batteria, fratello del leader) suona lineare al confronto del vulcanico incontro/ scontro fra le sei-corde, perfettamente funzionale a tenere la barra dritta in canzoni che sembrano poter collassare da un momento all’altro e invece rivelano incastri precisissimi. Solo un altro dei contrasti dei Parquet Courts, gente che scrive musica in cui la melodia pare arrivare per caso, quasi investita dall’intensità dell’esecuzione, e che, nonostante tutto, non dimentica mai la cantabilità.
Basti pensare agli strepitosi anthem in miniatura firmati da Savage, schegge di massimo due minuti come “Borrowed Time”, “Donuts Only”, “Light Up Gold”, “Disney P.T.” o “Yonder Is Closer To The Heart”, figlie della mirabile concisione dei Wire di "Pink Flag" e del jamming econo di Mike Watt, che qui troviamo riproposto in schemi che sanno ricordare i fIREHOSE depurati del lato jazz-funk della faccenda. Dal canto suo, Austin apre l’album con “Master Of My Craft”, altro highlight della collezione, con ritmi da Feelies, chitarre a precipizio e predicare invasato. Ulteriore pregio di Light Up Gold è la capacità di avventurarsi in territori altri senza perdere in omogeneità e mantenendo anzi forti connotati personali, pur esplicitando i propri riferimenti: “Yr No Stoner”, “Careers In Combat” e “No Ideas” sono puro distillato Pavement circa "Slanted & Enchanted", eppure la filosofia hard-working della band non potrebbe essere più distante da quell’etica slacker. Analogamente, “Caster Of Worthless Spells” e il bruciare lento di “Picture Of Health” sarebbero meritevoli aggiunte all’ampio catalogo Guided By Voices. Nel mezzo di queste rapide fiammate, poi, si erge la cavalcata “Stoned And Starving”, nella quale la ritmica kraut lascia le chitarre libere d’intrecciarsi, sfumando appena oltre il limite dei cinque minuti, con un Savage preso a raccontare, con il gusto dello sberleffo punk, una ricerca di cibo notturna (“swedish fish, roasted peanuts or licorice”).

Dopo essersi guadagnati recensioni favorevolissime e aver portato a termine il canonico giro di concerti, i quattro rientrano in studio per lavorare ai brani che dovranno proiettare la band ancora più in alto. L’urgenza di dar vita a un nuovo lavoro fa velocemente fissare cinque nuove composizioni nell’Ep Tally All The Things That You Broke. E’ il ponte ideale fra quello che la band era stata sinora e quello che sarà in futuro, all’interno del quale brani brevi e concisi si alternano (e questa è la vera novità) a digressioni più strutturate e free form, che sfociano negli oltre sette minuti di inaspettato noise-funk della conclusiva “He’s Seeing Paths”.
I Parquet Courts confermano di essere maestri nel frullate assieme Fall, Wire e Minutemen, riuscendo a fondere la New York proto punk dei Velvet Underground con quella alt-noise dei primi Sonic Youth, una magistrale sintesi che continua a bruciare inesausta nelle prime due tracce, “You’ve Got Me Wonderin’ Now” e ”Descend (The Way)”, le favorite dei fan della prima ora.

La medesima miscela infiammabile, perfettamente bilanciata tra squarci di bellezza e schizzi biliosi, ritorna nel lavoro successivo, Sunbathing Animal, pubblicato il 3 giugno 2014. Registrato nell’arco di otto mesi in tre session che hanno fruttato anche l’Ep Tally All The Things That You Broke, il nuovo album prende comunque le distanze dall’ottimo predecessore. Laddove tutto sembrava reggersi sulla formidabile energia cinetica sprigionata dalla band in anthem in miniatura dal formato primi Wire, qui la formula si amplia e mostra quanto possano essere estesi gli orizzonti del quartetto. Tanta New York, di nuovo, e di quella storica: le reiterazioni d’accordi dei Velvet Underground, il groove psicotico dei Talking Heads di More Songs About Buildings And Food, il rock‘n’roll retrattile dei Voidoids. E poi influenze decisive di Minutemen, Wire (sempre loro) e Modern Lovers, mentori per forma e sostanza, mentre in alcuni frangenti sembrano prendere corpo persino gli spiritelli stonati dei Kirkwood di “Up On The Sun”.
Molti nomi e influenze, eppure il risultato è solo e soltanto Parquet Courts, a partire dalla mastodontica title track, uno sferragliante proto-hardcore da quattro minuti suonato con la foga paonazza di un D. Boon e giocato su un unico accordo, così come accade nella martellante “Ducking And Dodging”; efficacissime entrambe, poiché, dice il leader, “quando si mantengono le cose così ben definite e ridotte, hai la possibilità di fare un sacco di cose in più con voce e chitarra”.
La distanza da Light Up Gold è marcata sin dalla ritmica indolente dell’opener “Bodies Made Of”, in cui è splendido il contrasto tra l’interpretazione vocale e l’intreccio dissonante delle elettriche, e del caracollare Malkmus di “Dear Ramona”. Altrove, invece, ci si accosta al percorso del recente passato, come accade in “Black And White”, nell’irrefrenabile “Always Back In Town”, nel minuto scarso di “Vienna II” (singolarmente dedicata alla Seconda Scuola di Vienna fondata da Arnold Schoenberg) e nel groove nevrotico di “What Color Is Blood”, qualcosa di cui il giovane Byrne sarebbe andato fiero. Le vere sorprese di Sunbathing Animal, però, risiedono nelle dilatazioni di “She’s Rolling” e “Instant Disassembly”, lente peregrinazioni che da sole coprono quasi quattordici minuti di durata: la prima è una jam in cui pare di sentire i Crazy Horse alle prese con un qualche traditional abbandonato e improvvisamente trafitta dall’armonica impazzita di Lea Cho dei Blues Control; la seconda, altro highlight del disco, è una lenta pseudo-ballad che brucia sotto un sole cocente, costruita sulla ripetizione di un solo irresistibile riff.
Quando si pensa che il disco abbia già offerto abbastanza, ci s’imbatte nel rauco blues “Raw Milk” che sfuma nel finale di “Into The Garden”, due minuti di sfregamenti elettrici e una melodia storta e dolce per voce, chitarra e accordi di pianoforte. Solo un accenno, come a non volersi mostrare troppo vulnerabili, ma intanto il cuore è scoperto. Con le tredici tracce di Sunbathing Animal, i Parquet Courts si confermano definitivamente come realtà di primissimo piano e in costante evoluzione, disposti a perdere l’equilibrio pur di seguire un’ispirazione bruciante, distillata in un disco fra i migliori in assoluto del 2014.

Ma l'anno non termina qui, perchè i ragazzi non mollano la presa, continuando a cavalcare l’onda dell’improvvisa notorietà nel circuito underground mondiale. A fine 2014 esce un lavoro a firma Parkay Quarts, l'ottimo Content Nausea, ma di fatto son sempre loro con soltanto il nome modificato. Nel frattempo disseminano live set serrati e devastanti, transitando anche per la nostra penisola.

Verso la fine del 2015, ecco un nuovo disco (chissà per quale motivo presentato in via ufficiale nelle vesti di Ep) quasi interamente strumentale, che mette in rilievo il loro lato più experimental noise. In queste tracce i ragazzi travasano il risultato di session nelle quali si son lasciati prendere la mano dall’urgenza di suonare senza canovacci prefissati, a briglie sciolte, con chitarre ed elettronica che si rincorrono a disegnare inestricabili muri di suoni, ed il piglio di chi da un lato vuole osare, e dall’altro prendere bonariamente per i fondelli l’ascoltatore.
Monastic Living esce per Rough Trade, un esordio che avremmo immaginato diverso nei contenuti, ma i Parquet Courts approfittano della chance per spiazzare tutti, quindi totale assenza di “canzoni”, sostituite da una studiata alternanza fra brevi staffilate noise da un minuto o poco più (“Elegy Of Colonial Suffering” e “Frog Pond Plod” sono figlie dei Sonic Youth primi anni 80) e lunghe digressioni giocate sulla ripetitività (“Vow Of Silence” arriva a coniugare kraut e shoegaze). Feedback innestati su loop senza fine, rumorismi assortiti, libertà espressiva a tutto spiano, e una chicca piazzata in apertura, la sana follia della concisa ed efficace “No, No, No!”, l’unico sprazzo pseudo cantato. Poi ulteriori 33 minuti di intransigenza che hanno giusto il rischio di tediare i fan poco avvezzi alle forme di rock più avanguardistico.
Monastic Living è un lavoro coraggioso, che ci lascia curiosi di percepire le prossime mosse della band newyorchese, di scoprire quali mondi deciderà di esplorare: se concentrarsi sulla scrittura di un nuovo “Sunbathing Animal” o andare a parare altrove, lì dove nessuno si sarebbe aspettato.

La risposta giunge a inizio aprile 2016, con la pubblicazione di Human Performance, il quale mostra una band indirizzata sì verso una maggior fruibilità, forte di un formato canzone che si fa un pochino più furbetto, ma sempre ultra efficace e dissonante, sin dall’iniziale “Dust”. I Parquet Courts confermano di possedere rare doti di rilettura e fusione delle diverse epoche musicali che caratterizzarono la propria città, New York. Centrifugano la psichedelia sixties dei Velvet Undergound (“Steady On My Mind”, la lunga coda di “Ona Man, No City”) e l’attitudine nineties noise dei Sonic Youth (“I Was Just Here”), aggiungendo sprazzi di indie Strokes style (“Outside”) contaminato dal post-hardcore dei Fugazi (“Paraphrased”), dal college-rock obliquo dei Pavement (la geniale “Keep It Even”, dove la chitarra dell'ospite Jeff Tweedy si scorge inequivocabile) e persino da un divertente e ritmato tex-mex (“Berlin Got Blurry”). Tutto è sintetizzato per mezzo di una personalità che al momento non ha uguali nel circuito alternativo mondiale, racchiuso in una scrittura che disco dopo disco mantiene intatte le proprie peculiarità pur spingendosi verso i lidi di una lieve maggiore conformità.

La musica rock continua ad essere centrale nelle nostre vite, ma Andrew Savage e Austin Brown hanno ben capito quanto oggi le novità passino attraverso un’accurata rilettura del passato. Forse tutto oramai è stato inventato e soltanto così è possibile generare inediti crossover per costruire la storia musicale degli anni 10. Ed i Parquet Courts ci stanno riuscendo.

Parquet Courts

Sonic Underground

di Claudio Lancia e Francesco Pandini

Dall’incrocio esplosivo fra punk e americana, nascono i Parquet Courts, diventati uno dei nomi caldi della scena alternativa. La New York proto-punk dei Velvet Underground e quella alt-noise dei Sonic Youth, l'approccio minimale dei Minutemen e quello storto e incantato dei Pavement, magicamente fusi assieme. Ed è solo l’inizio
Parquet Courts
Discografia
 American Specialties (self-produced, 2011) 6
 Light Up Gold (What's Your Rupture?, 2012) 7,5
 Tally All The Things That You Broke (Ep, What's Your Rupture?, 2013) 6,5
Sunbathing Animal (What's Your Rupture?, 2014) 8
 Content Nausea (pubblicato come Parkay Quarts, What's Your Rupture?, 2014)7,5
 Monastic Living (Rough Trade, 2015)6
 Human Performance (Rough Trade, 2016)7
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Parquet Courts su OndaRock
Recensioni

PARQUET COURTS

Human Performance

(2016 - Rough Trade)
Il quartetto newyorkese mescola la psichedelia velvettiana con i rumorismi dei Sonic Youth

PARQUET COURTS

Monastic Living

(2015 - Rough Trade)
Un Ep experimental noise segna l'esordio per Rough Trade della band newyorkese

PARQUET COURTS

Sunbathing Animal

(2014 - Rough Trade, What's Your Rupture?)
Il nuovo incendiario lavoro del quartetto di Brooklyn, tra i migliori dischi dell'anno

PARQUET COURTS

Tally All The Things That You Broke

(2013 - What's Your Rupture?)
Riscopriamo il bruciante Ep del quartetto americano, dalle session di "Sunbathing Animal"

PARQUET COURTS

Light Up Gold

(2013 - What's Your Rupture?)
Anthem punk in miniatura e influenze Pavement/Modern Lovers nel notevole esordio dei Parquet Courts

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.