Approfondimenti

David Bowie

Addio all'uomo delle stelle

di Marco Bercella
L'uomo che cadde sulla terra è tornato, infine, da dov'era venuto: "Look up here, I'm in heaven, I've got scars that can't be seen, I've got drama, can't be stolen, everybody knows me now". Un incipit, quello del nuovo singolo "Lazarus", che diventa l'epitaffio di una vita vissuta come un'opera d’arte, l'uscita di scena di un musicista preveggente, che ha saputo come nessun altro giocare con i cliché del rock, abbattendone le barriere, creando un'estetica.
Lo ha fatto forgiando personaggi memorabili, che si sono instillati nell'immaginario in modo se possibile ancora più prepotente delle sue canzoni (e che canzoni!). "There's old wave, there's new wave, and there's David Bowie", recitava la locandina dell'etichetta RCA nell'anno del lancio di "Heroes", e mai slogan pubblicitario fu più azzeccato, giacché Bowie era un'antenna capace di captare segnali, di riprogrammarli restituendoli al mondo in nuove, abbaglianti fattezze. Bowie era, ed è, la sempiterna terza via con cui, volenti o nolenti, si doveva e si dovrà fare i conti.
Con lui il folk diventa teatro, il glam bisessuale e cosmico, il soul androgino e plastico, il crooning gelido ed emaciato, l'ambient e il kraut-rock improvvisamente fruibili, il new-pop romantico e truccato, il funky cotonato e bianco, il drum 'n' bass non più materia per danze impasticcate, ma per copertine di riviste patinate, e si potrebbe continuare.

In cinquant'anni di carriera abbiamo fatto i conti col menestrello psych-folk, con Ziggy (non ci sono personaggi equiparabili... Ziggy è Ziggy, e nessun altro...), poi è stata la volta del sottile e drogatissimo Duca Bianco, dell'esistenzialista teutonico, del pierrot new romantic, del frontman che più stiloso non si può, del rocker ben vestito, dell'eroe post-industriale e infine, nell'ultimo decennio e forse più, con l'artista che si leva la maschera mostrandosi uomo con un pudore sempre più impercettibile, sempre meno trasfigurato.
E infatti, piano piano, progressivamente negli ultimi vent'anni, nella sua musica ha iniziato a prendere piede un'inquietudine diversa, l'ossessione per il tempo che passa, la crescente consapevolezza che il mondo non fosse più il palco per cui imbastire delle geniali e sgargianti messinscene.
Ma anche se lo specchio non restituiva più personaggi da inventare, né tendenze da veicolare, David Bowie è persino riuscito a farci credere che anche il grave malore che lo ha colto nel 2004 facesse parte del suo spettacolo: quel rimanere dietro le quinte per quasi dieci anni, e ritornare dopo essersi nascosto dietro a un silenzio assoluto, prima dimesso con "Where Are We Now?" e poi brioso con l'album che ne è seguito, aveva per certi versi stemperato la tensione.

"Hai visto? Bowie è tornato, anche questa volta...!". Ecco, ce lo siamo ripetuti anche all'annuncio dell'uscita di "Blackstar", e ormai rinfrancati siamo tornati ad attribuire tutte le ombre che contiene all'ennesimo dei suoi travestimenti. E invece no, questa volta ci stava dicendo che era finita per davvero, che questo era un addio ma che, anche questa volta, sarebbe stato lui a decidere il come e il quando.
David Robert Jones lo ha davvero deciso alla sua maniera, due giorni dopo il suo compleanno, due giorni dopo l'uscita del suo testamento artistico: l'eroe per un giorno è anche riuscito a scegliere il modo con cui consegnarsi all'eternità.
Maggiore Tom, comincia il conto alla rovescia, accendi i motori, controlla l'accensione, e che Dio ti assista.

David Bowie su OndaRock
Recensioni

DAVID BOWIE

No Plan

(2017 - Rca)
A un anno di distanza dalla sua scomparsa, un Ep raccoglie gli ultimi tre inediti registrati ..

DAVID BOWIE

Blackstar

(2016 - Rca)
L'ultima prova del Duca Bianco, fra canzoni d'atmosfera, jazz e sperimentazione elettronica

DAVID BOWIE

The Next Day

(2013 - Columbia)
Il ritorno del Duca Bianco dopo dieci anni si trasforma in un evento, che suggella una carriera stellare ..

DAVID BOWIE

Reality

(2003 - Sony / Columbia)
Il Duca Bianco si rimette in corsa, con qualche affanno

DAVID BOWIE

Heathen

(2002 - Columbia)

DAVID BOWIE

Low

(1977 - Rca)
L'apoteosi del White Duke berlinese in un disco che ha aperto innumerevoli strade al rock

DAVID BOWIE

Heroes

(1977 - Rca)
Il talento visionario di Bowie in una sintesi tra glaciale avanguardia e struggenti "canzoni"

DAVID BOWIE

The Rise And Fall Of Ziggy Stardust And The Spiders From Mars

(1972 - Rca)
L'alieno Ziggy incontra i Ragni di Marte per uno space-show memorabile

DAVID BOWIE

Hunky Dory

(1971 - Rca)
Tra folk e glam, ambiguità e trasformismo, il primo grande capolavoro firmato David Bowie

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.