Libri

Death In June: il canto solitario d'Europa

di Sandro Zinani

Autore: Aldo Chimenti
Titolo: Death In June - Nascosto tra le rune
Editore: Tsunami Edizioni
Pagine: 413
Prezzo: 35 euro

aldo_chimenti__death_in_june_nascosto_tra_le_rune_01Esce per Tsunami Edizioni l'attesissimo "Nascostro tra le rune", monumentale biografia di Death In June curata dal critico musicale Aldo Chimenti, che viene offerta ai lettori supportata da un sontuoso apparato iconografico - in gran parte inedito - e corredata da un cd in cui tracce del classico repertorio della band albionica si alternano a interviste al leader Douglas Pearce.


Parafrasando un celebre aforisma di Flaubert – Madame Bovary, c'est moi - potremmo tranquillamente affermare, senza tema di smentita, che Death In June è Douglas Pearce. La Morte in Giugno è, difatti, sempre stata il veicolo d'elezione utilizzato dal compositore britannico per dare fondo alle personali lacerazioni esistenziali originate da un macerante amore/odio nei confronti della storia europea compresa nella prima metà del 900.

Ne Il Male Oscuro Giuseppe Berto - scrittore che per diverse ragioni potrebbe essere avvertito affine alla sensibilità pearceana - concepisce l'atto creativo come sublimazione catartica dall'insieme di ossessioni e nevrosi che affliggono l'io narrante, ossessione che, nel caso dello scrittore veneto, assume la forma dell'ingombrante figura paterna. Nel caso di Pearce/Death In June questa catarsi si esplica attraverso la costante e minuziosa celebrazione del mito incapacitante di un Europa non più culla di identità condivise, culturalmente colonizzata, fenice incapace di risorgere dalle gloriose ceneri di un passato non più invitto e i cui fasti sopravvivono unicamente nel ricordo dei convitati che solennemente ne perpetuano il ricordo. Death In June è, difatti, da sempre tutto questo: celebrazione di un’occasione mancata,  rinnovo costante di un sacrificio all’Europa.

Attraverso le illuminanti parole di Chimenti - e sulla scorta dei ricordi che emergono dalla viva voce di Pearce - si ricostruisce, dunque, l'epopea del gruppo britannico, a partire dai prodromi a nome Crisis: ovvero il progetto condiviso in piena rivolta punk da Pearce in coppia con il futuro Sol Invictus Tony Wakeford. Progetto, questo, che se per suoni e immaginario appare distante da quello che sarà Death In June, tuttavia ne custodisce in nuce i tratti caratteristici (si consideri a questo proposito l'episodio "Kanada Kommando" a firma Crisis che per le derive sonore e per l'immaginario novecentesco evocato non sfigurerebbe affatto all'interno del primo lavoro della Morte in Giugno ovvero "The Guily Have No Pride").
La saga dell'ensemble britannico è dunque minuziosamente raccontata, dagli albori di “The Guilty Have No Pride” fino alle soglie dell'ultimo lavoro del 2010 "The Peaceful Snow", mettendo in luce, di volta in volta, sia i motivi ispiratori che caratterizzano ciascun lavoro pearceano - meravigliose a questo proposito le parole spese da Chimenti su quanto le figure di Genet e Mishima abbiano contribuito a definire e a formare la sensibilità estetica e lirica di Pearce - sia quelle individualità che aiuteranno Douglas stesso a definire e ripensare la fisionomia sonora di Death In June anno dopo anno. Ed ecco quindi evocati gli incontri/scontri con Tony Wakeford, David Tibet, Patrick Leagas, Boyd Rice, Michael Moynihan: ovvero il gotha espresso dal panorama industriale internazionale a cavallo tra anni 80 e 90, che affiancherà nel corso dei decenni il cantore britannico nella ridefinizione della prosa sonora apocalittica.

Non si diano pensiero della lettura quei novelli Torquemada che sperano di trovare all'interno di queste pagine conferma ai propri peregrini teoremi riguardanti un - supposto - legame di fedeltà politica che avrebbe da sempre connaturato e ispirato l'opera pearceana: ci si riferisce ai soliti inquisitori che, inutilmente, hanno più volte cercato di boicottare e travisare l'opera di Death In June adducendo come motivazione di fondo inverosimili affiliazioni politiche destrorse dell'autore britannico. Rimarrebbero delusi, i nostri, nello scoprire una volta di più l'assoluta predominanza del dato creativo connaturato all'opera di Pearce, che mai presta il fianco a qualsivoglia travisazione metartistica: Death In June non ha, e non hai mai avuto, alcuna pretesa di ricostruzione o lettura storica. Death In June è, ed è sempre stato, il canto drammatico e apocalittico di un'Europa morente. 
Straordinaria opera d’obbligo, dunque, per tutti coloro che hanno amato, amano e continueranno ad amare incondizionatamente la marcia, silenziosa e solenne, di Douglas Pearce.

Playlist

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.