Classifiche e Playlist

Le classifiche degli artisti

Songwriter 2018: la classifica di Keiron Phelan

di KeironPhelan
Papernut Cambridge - Outstairs Instairs (Gare du Nord)
Ian Button's eccentric band delight me. An eclectic fusion of styles with roots in the pop-rock of the early '70s yet, Papernut's musical world is distinctly their own. An irresistible joie de vivre is demonstrated by opener 'Buckminster Fullerene', a sublime slice of recorder laden pop wherein a scientist is berated by his girlfriend for his poor dress sense. 'Tulips In A Top Hat' is a narcotically dreamy tale of self-abandonment in an imaginary French town while the heartfelt 'Crying' resembles a solo-John Lennonesque lament taking an offbeat  swerve into a chaotic children's party. Outstairs Instairs is weird, wonderful and entirely embraceable.
L'eccentrica band di Ian Button mi delizia. Una fusione eclettica di stili con radici nel pop-rock dei primi anni 70 eppure, il mondo musicale di Papernut è chiaramente il loro. Un'irresistibile gioia di vivere è dimostrata dall'iniziale "Buckminster Fullerene", un sublime pezzo di pop forte in cui uno scienziato è rimproverato dalla sua fidanzata per il suo scarso senso dell'abbigliamento. "Tulips In A Top Hat" è il narcoticamente sognante racconto di auto-abbandono in una città francese immaginaria, mentre l'accorata "Crying" assomiglia a un lamento solista alla John Lennon che intraprende uno sbandamento insolito in una caotica festa per bambini. "Outstaiss Instairs", meravigliosa e del tutto adorabile.
 
Sons Of Kemet - Your Queen Is A Reptile (Impulse!)
A series of pieces dedicated to influential black women in history this album is a compelling slice of ultra modern jazz, which is to say a melting pot of funk, folk, reggae and even grime, propelled by multiple drummers, saxophone and featuring the coolest tuba playing you will even encounter. Combining glorious improvisation, hook like chants and with a breathtakingly wide stylistic range Your Queen Is A Reptile establishes Sons Of Kemet as the front runners in their field. 
Una serie di brani dedicati alle più influenti donne di colore della storia: questo album è un boccone irresistibile di jazz ultramoderno, ovvero un melting pot di funk, folk, reggae e persino grime, sostenuto da più batteristi, sassofono e con il suono di tuba più cool che puoi incrociare. Combinando una gloriosa improvvisazione, un gancio come un coro e con una gamma stilistica incredibilmente ampia, "Your Queen Is A Reptile" consacra i Sons Of Kemet come i primi nel loro campo.

Brona McVittie - We Are The Wildlife (Company Of Corkbots)
Few debuts sound as assured as this opening salvo from kosmisch-folk artist, Brona McVittie. Fusing folk with a tinge of electronica, harp led, vocally distinctive and fundamentally Irish at heart, We Are The Wildlife contains a series of songs that secure a direct emotional connection with the listener. Both personal and psychogeographical in nature this album is reminiscent of (but largely out-guns) the best of Tunng and Colleen.
Pochi debutti suonano così intensi come questo esordio dell'artista kosmisch-folk, Brona McVittie. Unendo folk con una sfumatura di elettronica, arpa guidata, distintamente vocalmente e fondamentalmente irlandese nel cuore, "We Are The Wildlife" contiene una serie di canzoni che assicurano una connessione emotiva diretta con l'ascoltatore. Di natura sia personale che psicogeografica, questo album ricorda il meglio di Tunng e Colleen.
 
David Hackbridge Johnson - Orchestral Music Volume 2 (Toccata Classics)
Hackbridge Johnson has emerged almost out of the blue, in the last few years, to figure as a major new talent in orchestral music. This album brings together two mighty symphonies: the dark and tragic No. 10 , cast in a single monumental span, and the three-movement No. 13,  a fierce and fiery affirmation of life, complemented here by an orchestral ‘motet’ which passes plainchant in kaleidoscopic review. A composer of remarkable scope.
Hackbridge Johnson è emerso quasi inaspettatamente negli ultimi anni come uno dei maggiori talenti nella musica orchestrale. Questo album riunisce due potenti sinfonie: l'oscuro e tragico numero 10, proiettato in una singola campata monumentale, e il n.13 a tre movimenti, un'affermazione feroce e infuocata della vita, completata qui da uno stornello orchestrale che diventa a cappella con una mutazione caleidoscopica. Un compositore di notevole portata.
 
John Howard - Kid In A Big World (You Are The Cosmos)
Re-issue of the year is this disgracefully neglected masterpiece of singer-songwriting. First released in 1975, Howard's debut album represents his talent at its freshest and most sublimely melodic. Lyrically both wry and passionate this is a work and an artist long overdue for rediscovery. From intimate opening ballad 'Goodbye Suzy' to the watch-your-step premonition of the title track Kid In A Big World is a complete joy.
La ri-edizione dell'anno è questo capolavoro ignorato del cantautore. Uscito per la prima volta nel 1975, l'album di debutto di Howard rappresenta il suo talento nella sua versione più fresca e sublime. Dal punto di vista sia ironico che appassionato, questo è un lavoro e un artista da tempo in attesa di riscoperta. Dalla ballad di apertura intima "Goodbye Suzy" alla premonizione watch-your-step della title track "Kid In A Big World", è una gioia completa.
 
Anne Garner - Lost Play (Slowcraft)
Lost Play has the feel of the definitive about it; the sound of a very individual songwriter at the height of her powers. Garner simply and poetically reveals a complicated and damaged part of her existence with no self indulgence or self pity. What is yet more impressive is that she does this in an almost haiku style of expressive, heartfelt. lyrical economy. Lost Play is meditative, melodically sublime and very much a complete entity. Mood pieces and yet ones of genuine compositional substance. I guarantee that you will be touched by this work.
"Lost Play" dà la sensazione dell'opera definitiva; il suono di una cantautrice molto indipendente, all'altezza della sua forza. Garner rivela in modo semplice e poetico una parte complicata e rovinata della sua esistenza senza auto-indulgenza o auto-commiserazione. Ciò che è ancora più impressionante è che lo fa con uno stile poetico haiku espressivo, accorato, liricamente essenziale. "Lost Play" è meditativo, melodicamente sublime, un'entità molto completa. Pezzi ricchi di umore e di genuina sostanza compositiva. Posso garantirvi che questo lavoro vi emozionerà.
 
Laibach -The Sound Of Music (Mute)
Any new Laibach album brings both anticipation and anxiety. Tackling this kitsch classic seems entirely suitable and in true Laibach style it is simultaneously dark and humorous. What is unexpectedly revealed is a genuine admiration for the musical material that the band are re-imagining. Among the very best of their albums The Sound Of Music is worth the listen just for their reworkings of 'My Favourite Things' and especially 'The Lonely Goatherd'. Approach the video for 'Goatherd' with care, as it's Laibach in full shock-mode.
Ogni nuovo album di Laibach porta sia ansia che anticipazione. Affrontare questo classico kitsch sembra del tutto adatto e in vero stile Laibach, ed è allo stesso tempo oscuro e divertente. Ciò che si rivela inaspettatamente è una vera ammirazione per il materiale musicale che la band sta re-immaginando. Tra i loro album migliori, "The Sound Of Music" vale la pena di essere ascoltato anche solo per le loro rielaborazioni di "My Favourite Things" e in particolare "The Lonely Goatherd". Approcciate con cura il video di "Goatherd", perché Laibach è in piena modalità shock.

Angele David-Guillou - Mouvements Organiques (Village Green)
A follow up and development of her essential 2017 minimalist opus En Mouvement, the five pieces on Mouvements Organiques echo the ideas and motifs of its counterpart but pares the original interlocking melodies and shifting rhythms down to their essential luminous qualities. Performed entirely on church organ, hypnotic and frequently transfigurative in tone, this is an excellent example of the quality that modern minimalism can contain.
Seguito ed evoluzione del suo essenziale lavoro minimalista del 2017 "En Mouvement", "Mouvements Organiques" presenta 5 pezzi che riecheggiano le idee e i motivi della sua controparte, ma mettono in ombra le originali melodie a incastro e i ritmi mutevoli fino alle loro qualità luminose essenziali. Eseguito interamente su organo da chiesa, ipnotico e spesso trasfigurativo, è un eccellente esempio della qualità che il minimalismo moderno può racchiudere.
 
Jack Hayter - Abbey Wood (Gare du Nord)
His first full solo album outing in fifteen years is a paragon of modern era folk within which Hayter presents a series of heartfelt city scape vignettes delivered in earthen voice, lyrically charged and embedded in startling arrangements. Hints of Roy Haper and Darren Hayman combine with the offbeatness of Kevin Coyne and a twist of Bert Jansch, especially in the melancholic and erudite flagship song 'The Mulberry Tree'.
Il suo primo album completo da solista in quindici anni è un esempio di folk dell'era moderna in cui Hayter presenta una serie di sentite vignette di paesaggi urbani consegnati con voce terrena, caricati dal punto di vista lirico e incorporati in arrangiamenti sorprendenti. I suggerimenti di Roy Haper e Darren Hayman si combinano con l'unicità di Kevin Coyne e un tocco di Bert Jansch, soprattutto nella malinconica ed erudita canzone di punta "The Mulberry Tree".
 
Paul McCartney - Egypt Station (Capitol)
All Paul McCartney albums are good, in my opinion. Egypt Station is a particularly good one. Cool or uncool, I really don't care. Thumbs up!
Tutti gli album di Paul McCartney sono buoni, secondo me. Ma "Egypt Station" è particolarmente buono. Cool o non cool, davvero non mi interessa. Pollice su!
Keiron Phelan su OndaRock
Recensioni

KEIRON PHELAN

Peace Signs

(2018 - Gare Du Nord)
Lo stimolante folk-pop di un cantautore inglese tra i più originali e imprevedibili della scena ..

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.