Rock in Onda

Neil Young

Come un uragano

di Claudio Fabretti
Neil Young, il leggendario Loner canadese, è il protagonista della nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i martedì dalle 23 alle 01 sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Ha marchiato a fuoco la storia del rock con le sue ballate dolenti e le sue cavalcate elettriche. E per alcune sue intuizioni è stato adottato come "padrino" dal punk prima e dal grunge poi. La storia, la musica, le nevrosi e i tormenti di Neil Young, il canadese solitario.

Ascolta o scarica gratuitamente i podcast:


Neil Young - parte 1


Neil Young - parte 2

"Rock'n'roll can never die": il rock'n'roll non può morire. Lo cantava nel 1979, Neil Young, e continua a gridarlo oggi. Una banalità? Forse, ma non in bocca a lui. Nessuno come questo allampanato canadese, infatti, ha incarnato il rock in tutte le sue anime; lo ha vissuto dentro: nei nervi, nella pancia, nel cuore. Al punto che oggi ne porta addosso i segni: il viso solcato dalle rughe, la schiena ingobbita, l'aspetto terribilmente imbolsito. Tutto, in lui, mostra le tracce di una lunga battaglia: quella contro l'alcol e le droghe, contro i fantasmi degli amici scomparsi, contro le nevrosi e i dolori d'una vita.
Fin qui, si direbbe, il ritratto di una delle gloriose cariatidi che affollano l'arena del rock. Ma non è così. Young, infatti, ha da sempre in sé il germe della modernità. Non esiste altro musicista che sia riuscito ad attraversare quattro decenni di rock restando sempre un faro per i contemporanei. Uno dei suoi capolavori, "Tonight's The Night" (1975), è stato giudicato un album punk ante-litteram; "Out of the blue/ Into the black" (1979) era dedicata a Johnny Rotten dei Sex Pistols; e "Sleeps With Angels" (1994) era un omaggio a Kurt Cobain, mito bruciato del grunge, che nel suo messaggio di addio scrisse proprio la frase di una canzone di Young ("My My, Hey Hey"): "Meglio bruciarsi che svanire". Ma la febbre younghiana ha contagiato anche altri numi del rock degli anni 90, dai Sonic Youth a Nick Cave, dai Dinosaur Jr. ai Pearl Jam.
Forse, la grandezza di Young sta nella sua schizofrenia, il quel suo costante dibattersi tra smania di rinnovamento e nostalgia del passato, tra esplosioni di rabbia e pause di purificazione. Dal country degli esordi al garage-punk di "Rust Never Sleeps", dal rock'n'roll al synth-pop, dal soul al blues, dall'hard-rock al metallo pesante di "Re.ac.tor", non c'è genere musicale che questo atipico rocker non abbia esplorato.Ma forse la sua grandezza sta anche nell'aver saputo rappresentare le nevrosi e le contraddizioni di un'epoca intera, sospesa tra l'utopia hippie e la restaurazione post-'68. Profeta del sogno di "cambiare il mondo", ma anche cantore degli abissi della disperazione individuale, Young ha costruito un canzoniere universale, che unisce al fervore allucinato dei rocker il messaggio "morale" dei folksinger più nobili, da Woody Guthrie a Bob Dylan.


Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

Rock in Onda

Playlist
Scaletta del programma
 

1. The Loner
2. Cinnamon Girl
3. Down By The River
4. Only Love Can Break Your Heart
5. Southern Man
6. Heart Of Gold
7. Alabama
8. Words (Between The Lines Of Age)
9. Revolution Blues
10. Tonight's The Night
11. Tired Eyes
12. Cortez The Killer

13. Like A Hurricane
14. Lotta Love
15. My My, Hey Hey (Out Of The Blue)
16. Powderfinger
17. Motor City
18. Computer Age
19. Prisoners of Rock 'N' Roll
20. Rockin' In The Free World
21. Harvest Moon
22. Sleeps With Angels
23. Act Of Love
24. Guitar Solo 2 (dalla colonna sonora di Dead Man)
25. Families
26. Walk Like A Giant

Base strumentale: Guitar Solo 4

Neil Young su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Earth

(2016 - Reprise)
Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Monsanto Years

(2015 - Reprise)
Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco pił "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Fork In The Road

(2009 - Reprise)
L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso ..

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.