Rock in Onda

Supertramp

40 anni di Breakfast in America e altre storie

di Claudio Fabretti
Tutta dedicata ai Supertramp, la nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i mercoledì, dalle 12 alle 14, sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Dagli esordi sotto l'egida del munifico olandese Sam Miesegaes al "Breakfast in America" che li avrebbe sfamati per sempre (e che ha appena compiuto 40 anni), dall'epico "Crime Of The Century" al trionfo live di "Paris", dall'epilogo di "...Famous Last Words" e alla coda "snaturata": storia di quello strano caso di nome Supertramp.
Ascolta o scarica gratuitamente il podcast:


Supertramp

I Supertramp sono uno dei "casi" più strani della storia del rock. Nati in Inghilterra grazie ai fondi di un benefattore olandese, hanno vissuto per dieci anni nel semi-anonimato fino a quella "colazione in America" che li avrebbe sfamati per sempre, proiettandoli nelle classifiche dei dischi più venduti di tutti i tempi. Anche la loro identità nell'immaginario collettivo resta ad oggi piuttosto indefinita: un gruppo para-progressive per i più vecchi, un nostalgico souvenir delle feste delle medie per la generazione di mezzo, una reliquia muffosa per i più giovani. Per tutti, un enigma: una band che quasi per caso è entrata nel museo delle glorie del rock e ne è uscita in punta di piedi. La carriera dei Supertramp potrebbe essere presa e rimossa dalla storia del rock e non cambierebbe alcunché: pochissimi gli anelli di congiunzione con i gruppi che l'hanno preceduta, praticamente nessuno con i successori. Gli appassionati di musica e non di statistica, però, si perderebbero un vagone di melodie e di ritornelli immortali, di quelli che semplicemente fanno bene al cuore, punto e basta.
Sarebbe comunque fuorviante relegare i Supertramp al rango di band easy listening: i loro dischi più ispirati, infatti, hanno svelato la fantasia e la versatilità di un ensemble di musicisti coi fiocchi, in grado di passare con disinvoltura da refrain spensierati a complesse suite strumentali, quasi opere rock in miniatura, degne di band ben più celebrate di loro. Con l'umiltà dei clown di strada, di quei vagabondi cui si ispiravano fin nel nome, questi artigiani inglesi hanno aperto nuove porte al pop-rock degli anni 70, partorendo uno stile inconfondibile e inimitabile. Tanto che nessuno, infatti, ha mai cercato di riprodurlo, contribuendo, forse, a renderlo oggi retrò e indissolubilmente legato a un'epoca. Curiosamente, quindi, la loro "originalità" ha finito con l'avere un effetto-boomerang, venendo spesso (fra)intesa come un difetto
.


Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

rockinonda_puntate_01

Playlist
Scaletta del programma
 
  1. It's A Long Road
  2. Rosie Had Everything Planned
  3. Dreamer
  4. Hide In Your Shell
  5. Crime Of The Century
  6. A Soapbox Opera
  7. Give A Little Bit
  8. From Now On
  9. Breakfast In America
  10. The Logical Song
  11. Take The Long Way Home
  12. Goodbye Stranger
  13. Child Of Vision
  14. School (live)
  15. Fool’s Overture (live)
  16. Two Of Us (live)
  17. It’s Raining Again
  18. My Kind Of Lady
  19. Don’t Leave Me Now
  20. You Make Me Love You (Roger Hodgson)
  21. Not The Moment


Base strumentale: Fool's Overture (excerpt)

Supertramp su OndaRock
Recensioni

SUPERTRAMP

Breakfast In America

(1979 - A&M)
Il prodigio pop e il disco del boom mondiale dei cinque "vagabondi" inglesi

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.