Rock in Onda

Tuxedomoon

Sinfonie per fantasmi

Claudio Fabretti
La storia dei Tuxedomoon è al centro della nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i martedì dalle 23 alle 01 e il venerdì in replica, dalle 13 alle 15, sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Capaci di combinare irruenza post-punk e orchestrazioni d'avanguardia, ambientazioni spettrali e melodie sintetiche, i Tuxedomoon sono uno dei progetti più originali scaturiti dal calderone wave. Un'esperienza misteriosa e affascinante, iniziata a San Francisco e proseguita in Europa.

Ascolta o scarica gratuitamente i podcast:


Tuxedomoon - parte 1


Tuxedomoon - parte 2

Tra tutti i gruppi venuti fuori dalla scena di San Francisco intorno alla metà degli anni 70, i Tuxedomoon sono senza dubbio quelli che sono riusciti a ottenere un riscontro di pubblico superiore. E non perché fossero portavoce di una ricetta musicale "popolare", quanto, piuttosto, perché contrassegnati da una maggiore "visibilità", dovuta soprattutto ai loro famosi spettacoli, in cui mescolavano cabaret espressionista, romanticismo di chiara ascendenza mitteleuropea e brandelli di futurismo umanoide. Con loro, le forme della musica classica venivano piegate a raccogliere gli scempi psicologici dell'evo industriale, coniando un genere fortemente caratterizzato ed innovativo. I Tuxedomoon viaggiano coi pensieri, spaziano tra le tonalità e restano sempre originali, mossi dalla corda dell'arrangiamento improvvisato. Niente da fare, tutto ciò che pare rifarsi ad altro, lo sconfessa l'istante successivo.
Reininger e compagni bucano l'elettronica con le pinzette di funk e strumenti a fiato, mantenendone i cardini con l'uso di tastiere (strimpellate un po' da tutti) che fanno da pianole: accendono così una lampadina in un ripostiglio pieno di storia e pensano a come riciclarla, inventando, nel frattempo, un nuovo modo di indossare l'aureola degli iniziatori. Tutto è riconducibile a un modello d'avanguardia che punta su sax e violini stridenti, tristissimi, gotici, feroci. E' la new wave creata su una panca abbandonata, utilizzando strumenti e concetti di fortuna che danno vigore all'accettazione obbligata della realtà dei fatti.


Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

rockinonda_puntate_01

Playlist
Scaletta del programma
 

1. No Tears
2. Nervous Guy
3. Nazca
4. Fifth Column
5. Tritone
6. What Use?
7. East/Jinx
8. Victims Of The Dance
9. Incubus (Blue Suit)
10. In the Name of Talent (Italian Western Two)
11. Ninotchka
12. L'Etranger

13. In A Manner Of Speaking
14. Some Guys
15. Break The Rules
16. Roman P
17. An Affair At The Soiree
18. Music #2
19. Baron Brown
20. Soup Du Jour
21. Still Small Voice
22. Toreador Del Amor
23. Dorothy (con i Cult With No Name)

Base strumentale: Courante Marocaine

Tuxedomoon su OndaRock
Recensioni

TUXEDOMOON

Pink Narcissus

(2014 - Crammed Discs)
Gli alfieri della sperimentazione new wave tornano con un nuovo omaggio al cinema d'autore underground ..

TUXEDOMOON

Cabin In The Sky

(2004 - Crammed Disc)

TUXEDOMOON

Half-Mute

(1980 - Ralph)
Il diabolico teatro avant-wave della formazione americana

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.