Rock in Onda

West side stories

C'era una volta il West Coast Sound

di Claudio Fabretti
Un viaggio tra i suoni della West Coast nella nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i martedì dalle 23 alle 01 (e in replica il venerdì dalle 13 alle 15) sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Dagli albori del pop (Mamas & Papas, Beach Boys, Love) alla nascita della scena acid-blues (Jefferson Airplane, Grateful Dead, Quicksilver Messenger Service), dalle istituzioni folk-rock (Byrds, Buffalo Springfield, CSN&Y) a una generazione di songwriter stregati dal sole della California (Carole King, Joni Mitchell, Jackson Browne, James Taylor etc.), dall'epopea di band che hanno fatto la fortuna delle radio Fm, come EaglesAmerica e Fleetwood Mac, fino alle ibridazioni con il pop e il soul (Chicago, Steely Dan, Doobie Brothers, Daryl Hall & John Oates, Gino Vannelli, Toto, Steve Miller).
Una selezione di 30 brani per un viaggio on the road nella West Coast, con l'aiuto delle recensioni di OndaRock e del libro di Mauro Ronconi "Hotel California".

Ascolta o scarica gratuitamente i podcast:


West side stories - parte 1


West side stories - parte 2

Mauro Ronconi - Hotel CaliforniaC’era una volta un suono. C’era una volta un’attitudine. C’era una volta un modo di costruire una pop song e poi di condirla in maniera particolare, unica, iconica. Era il West Coast Sound. E spopolava. Oggi non c’è più. Svanito dalle coordinate non solo musicali ma anche socio-culturali. Dai Beach Boys a Crosby, Stills, Nash & Young, dagli Eagles a Jackson Browne, passando per Joni Mitchell, Steely Dan e Toto.
Dagli anni 60 ai giorni odierni, oltre mezzo secolo di artigianato, di visioni, di illusioni, di eleganza, di virtuosismi, che non significa spingere il metronomo oltre i limiti del codice stradale, ma sapersi calare con sapienza dentro i tragitti della canzone popolare. Cinque decenni di fantasie imparentate con il genio e l’arguzia, il mix perfetto per rendere semplici, e quindi vendibili, spartiti spesso stravaganti. Dalle stanze del Brill Building, dove Burt Bacharach entrò nel 1957 e cominciò a confabulare con futuri pesi massimi come Phil Spector e Carole King, alla scena acid-blues di San Francisco (Jefferson Airplane, Grateful Dead, Quicksilver Messenger Service) passando tra le tavole da surf narrate da Brian Wilson, che delle onde aveva paura, su fino alla fondazione del folk-rock, tra ambizioni, suggestioni, dubbi e quindi evoluzioni, dai Byrds a CS&N, dai Love al sognatore problematico Gram Parsons. E poi, tra intrecci apparentemente incompatibili e operazioni mai comprese fino in fondo, la creazione di un mondo che da rustico si fa progressivamente patinato, eppure quasi mai scontato: dal
blue-eyed soul di Daryl Hall & John Oates all’edificazione di una delle partnership più risolutive della musica del 900, Donald Fagen e Walter Baker, come dire Steely Dan.
E ancora: timidi scrittori che diventano icone, Jackson Browne, tra confidenze e impegno combattivo, il forbito e morbido James Taylor, country-rocker smaniosi che si trasformano in macchine milionarie, Eagles, facce già baciate da consolidata popolarità che si reinventano respirando gli aromi salini della California (vedi anche gli inglesi America), da Joni Mitchell a Neil Young, da Carly Simon ai Chicago. E poi l’ascesa elettrizzante, e ogni volta cangiante, di geni compositivi come Gino Vannelli, Boz Scaggs, Lindsey Buckingham, Kenny Loggins e Stephen Bishop, musica bianca che si fa nera, Doobie Brothers, e viceversa, sessionman con un cuore grande così che decidono di interpretare le proprie emozioni, la dinastia Porcaro che si cela dietro il marchio Toto. Scenari antichi eppure sempre gustosi, come un piatto di pasta al sugo che non scuoce mai. La tavola è già apparecchiata, basta solo sedersi e gustare un mondo (in)finito.
(Dalla recensione di Davide Sechi del libro "Hotel California" di Mauro Ronconi).

Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

Rock in Onda



Playlist
Scaletta del programma
 

1. Mamas And Papas - California Dreamin' (sigla)
2. Beach Boys – God Only Knows
3. Love – Alone Again Or
4. Byrds – Eight Miles High
5. Jefferson Airplane – White Rabbit
6. Grateful Dead – Mountains Of The Moon
7. Quicksilver Messenger Service - Who Do You Love?
8. Buffalo Springfield – Expecting To Fly
9. Crosby Stills Nash & Young – Almost Cut My Hair
10. David Crosby – Laughing
11. Graham Nash – Chicago
12. Neil Young – Southern Man
13. Joni Mitchell – California
14. Eagles – Hotel California
15. America – Horse With No Name
16. Gram Parsons – She

17. Jackson Browne – Running On Empty
18. Carole King – It's Too Late
19. James Taylor – Fire And Rain
20. Carly Simon – You’re So Vain
21. Nicolette Larson – Lotta Love
22. Bob Seger & The Silver Bullet Band – Against The Wind
23. Fleetwood Mac – The Chain
24. Chicago - Saturday In The Park
25. Doobie Brothers – Long Train Runnin'
26. Steely Dan – Do It Again
27. Gino Vannelli – People Gotta Move
28. Daryl Hall & John Oates – Sara Smile
29. Toto – Hold The Line
30. Steve Miller Band – Abracadabra

Base strumentale: David Crosby - Tamalpais High (At About 3)


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.