Florent Ghys

Florent Ghys

Ritornelli e mosaici in elettroacustico splendore

intervista di Francesco Nunziata

Stuzzicati dalla sua sintesi di elettroacustica, chamber-music e post-minimalismo, che ha raggiunto livelli qualitativamente apprezzabili con la pubblicazione, qualche mese fa, della doppietta "Ritournelles"/"Mosaïques", lavori che insieme costituiscono "un'opera ad ampio raggio in due parti", abbiamo deciso di dare la parola al contrabbassista e compositore francese Florent Ghys, che ha gentilmente ed esaurientemente risposto alle nostre numerose domande.

 

florent_ghys_2Allora, Florent, direi sia opportuno partire dalla tua formazione musicale... Raccontaci un po' come ti sei avvicinato alla musica e perché scegliesti proprio il contrabbasso come tuo strumento principale.
Ho iniziato suonando la chitarra classica all'età di cinque anni. Stanco di suonare musica classica, mentre ascoltavo techno e hard-rock, sono poi passato alla chitarra elettrica quando avevo dodici anni. Al liceo suonavo in un gruppo rock e dovevo mostrare al nostro terribile bassista come suonare le linee di basso. Fu così che iniziai ad amare la sensazione di suonare uno strumento di registro inferiore, tanto che alla fine mi misi a suonare il basso elettrico, godendomi non solo il suo registro grave, ma anche la sua funzione di sottofondo e strumento fondamentale. Solo quando andai a studiare musicologia all’università di Bordeaux (avevo diciotto anni), cominciai a dedicarmi al contrabbasso, studiando al conservatorio con il fantastico Jean-Paul Macé. Da allora, il contrabbasso è il mio strumento principale.

 

C'è stato qualche compositore, sia in ambito rock che classico, che ti ha particolarmente ispirato?
Beh, ce ne sono molti! Sono sempre stato un grande fan del suonatore di sarangi indiano Pandit Ram Narayan e del compositore egiziano Baligh Hamdi. In "campo rock", ho ascoltato e ascolto ancora band come Sonic Youth, Tortoise, Battles e Silver Mount Zion. In termini di musica classica occidentale: Arvo Pärt, Steve Reich, Meredith Monk e i compositori di Bang on a Can, Julia Wolfe, Michael Gordon e David Lang. Ma ascolto anche molto hip-hop, trap, rap, elettronica, ambient, dancehall, dub, techno e grime!

Nella nota biografica presente sul tuo sito ufficiale scrivi che fai "musica con contrabbassi, computer, immagini, bollettini meteorologici e altri manufatti” da cui sei attratto. Molto intrigante. Vuoi illustrare meglio la tua passione per i "bollettini meteorologici e altri manufatti"?
Ho sempre amato l'idea di creare con materiale che non è destinato a essere utilizzato in una creazione. C'è qualcosa di affascinante che accade quando si utilizza qualcosa di funzionale come un bollettino meteorologico e lo si mette al centro di un'opera d'arte. C'è una nuova dicotomia tra ciò che ci aspettiamo di trovare nell'arte e questa manifestazione di mondanità. C'è anche il contrasto tra un pezzo "serio", realizzato con molta cura, e l'assurdità di questi materiali banali di cui mi servo. Adoro quando vedo il pubblico che vuole ridere ma non sa se dovrebbe ridere o meno.

Il tuo obiettivo è quello di "creare opere che mirino a essere sia sperimentali che accessibili". Per caso, la tua è anche una protesta contro una certa avanguardia musicale fredda, distaccata e vagamente incomprensibile?
Non è una reazione contro nessun tipo di arte. Se gli artisti vogliono fare cose super strane, è fantastico. Il mio intento è più quello di rendere la mia musica accessibile alle persone, perché la maggior parte della mia famiglia e dei miei vecchi amici non è costituita da musicisti. Voglio che le persone riescano ad apprezzare la mia musica senza dover leggere libri di istruzioni. Quello che cerco è un commento tipo: "è un po' strano, ma mi piace!”.

florent_ghys_1Trovo molto interessante anche quest'altra tua affermazione: "La mia musica è spesso situata all'incrocio tra umorismo e serietà"...
Sì, ho menzionato quel punto in una domanda precedente. Adoro la contraddizione tra una musica molto triste e video di simpatici gatti che miagolano, o quella che c’è tra uno stupido video di uno youtuber che spiega come migliorare la nostra musica e un intricato contrappunto ritmico. Immagino che tutto questo potrebbe essere interpretato come una reazione contro i compositori che si prendono troppo sul serio.

Ti sei occupato anche di "pezzi audiovisivi". Da dove nasce questa tua passione per il mezzo audiovisivo? Tra l'altro, uno dei tuoi dischi è intitolato "Télévision" (2014)...
Ero un ragazzo di Mtv. Sono cresciuto trascorrendo ore a guardare video musicali su quel canale televisivo. I miei registi preferiti erano Michel Gondry e Chris Cunningham. Non appena il personal computer ha reso accessibile un po’ a tutti l’uso del video digitale, anch’io mi sono divertito a fare le mie cose. Ho sempre amato i video e le immagini super-sincronizzate, quindi è quello che continuo a fare anche adesso!

Parliamo dei tuoi ultimi due lavori, "Ritournelles" e "Mosaïques". Dobbiamo considerarli due dischi separati o un doppio disco? O cos'altro, ancora?
Sono davvero due facce dello stesso album. Queste due parti facevano sicuramente parte dello stesso gesto creativo. È solo che si manifestano in due modi distinti: uno senza parole e senza video, mentre l'altro usa parole, voci e video.

In questi ultimi due lavori, la tua musica sembra aver virato verso una più accentuata ricerca elettronico-digitale. Mi sbaglio?
No, non ti sbagli. Ho sempre fatto dei pezzi che potrebbero essere etichettati come "musica elettronica". Ma non mi interessa la sintesi, che sia audio o video. Invece, possiedo strumenti dal suono bellissimo – contrabbassi, chitarre, violoncelli e altri strumenti ad arco – e voglio fare musica elettronica con questi suoni acustici. In realtà, uno degli obiettivi principali di questi due nuovi lavori è stato quello di rintracciare un legame sottile tra acustico ed elettronico e confondere l'ascoltatore su ciò che è reale e ciò che non lo è.

Mi è piaciuto molto anche l'uso delle voci. Come ti relazioni a quello che è lo strumento più "intimo" e, in fin dei conti, importante dell'uomo... la voce, per l'appunto? Hai qualche riferimento particolare in questo ambito?
La maggior parte delle voci di questo album è campionata. Ho registrato alcuni amici, nota per nota, e li ho usati come qualsiasi altro materiale. Quindi, per rispondere alla tua domanda: no, non mi relaziono necessariamente alla voce. Sono un cantante terribile, non so scrivere canzoni, mi piace solo il timbro di una voce umana. Alcuni riferimenti qui potrebbero essere “To Cure A Weakling Child” di Aphex Twin e “Mortuos Plango Vivos Voco” di Jonathan Harvey.

florent_ghys_mosaiques_cover_1663595927Quanto ha inciso il periodo di lockdown causato dalla pandemia di Covid-19 sulla tua percezione del mondo e della musica?
Molto. È difficile capire da dove cominciare. Penso ci abbia influenzato tutti in molti modi e sono davvero contento che ne siamo quasi fuori. Francamente, preferirei non parlare di questi tempi bui.

Tra “Ritournelles” e “Mosaïques”, il mio preferito è il secondo, che trovo più compiuto e sperimentale. Naturalmente, tu dirai che li ami entrambi...
Certo, mi piacciono entrambi! È come se avessi due gemelli e dovessi scegliere tra uno di loro: impossibile! Detto questo, “Ritournelles” è più in linea con la musica che ho fatto in passato. È un album facile da ascoltare, uno che i miei genitori si divertono a suonare nel loro soggiorno mentre conversano. “Mosaïques” richiede un diverso livello di attenzione, in cui è necessario guardare i video per capire appieno cosa sta succedendo. Si tratta di un album che prova nuove idee ed è un po' più sperimentale.

Sei essenzialmente un contrabbassista. Quanto, di questo strumento, c'è ancora da esplorare a livello di interazione con la musica elettronica?
C'è ancora molto da esplorare. Ad esempio, ho appena scoperto un pedale che migliora notevolmente il suono del pickup del mio contrabbasso. E ora suono concerti con un contrabbasso a cinque corde che ha una corda di Do basso, aprendo il registro a frequenze molto basse. Inoltre, i computer migliorano ogni anno e ora sta diventando possibile suonare con programmi audio interattivi e piuttosto intensivi, con cui si possono generare video in tempo reale.

Come è evoluta la tua musica nel tempo? Insomma, se guardi ai tuoi primi lavori, cosa è cambiato e cosa, invece, resta sempre lì fisso sullo sfondo?
Pensiamo sempre di cambiare, ma c'è sempre una parte di noi che permane, giusto? Quando ascolto i miei modelli della rock band in cui suonavo al liceo, mi riconosco ancora, anche se da allora mi sono evoluto enormemente.

Nel corso degli anni, ti sei occupato anche di musica per film...
Sì. Di solito, la situazione migliore è quella in cui i registi conoscono e apprezzano già la mia musica. Non sarei un buon compositore di film tipo quelli di John Williams.

florentghys_3Quali caratteristiche dovrebbe avere una composizione musicale per risultare efficace "all'interno" del medium cinematografico?
Non sono uno di quelli che dice cosa gli artisti dovrebbero e non dovrebbero fare. Questo è il bello della creazione: non ci sono regole. Finché suona bene e sembra buono, funziona per me.

Per finire, che progetti hai per il prossimo futuro?
Ho iniziato ad ampliare la libreria di sample dei miei strumenti, aggiungendo molte chitarre, chitarre elettriche, altre tecniche di contrabbasso, basso elettrico e altri strumenti a corde. Sto acquistando un dilruba indiano e voglio imparare a suonarlo. Sto anche ampliando la mia libreria di sample di video con lavatrici e varie macchine rumorose, video che ho girato in aereo, video di un vecchio pianoforte terribilmente stonato, famosi cantanti pop e persone casuali trovate su YouTube. Ho anche registrato abbastanza materiale per pubblicare almeno due nuovi album, quindi probabilmente li pubblicherò nel prossimo futuro.

Discografia
 

Baroque Tardif: Soli (Ep, Cantaloupe Music, 2010)

 

Baroque Tardif (Cantaloupe Music, 2011)

 

Télévision (Cantaloupe Music, 2014)

 

Bonjour (Cantaloupe Music, 2016)

Ritournelles (Cantaloupe Music, 2022)

Mosaïques (Cantaloupe Music, 2022)
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Florent Ghys su OndaRock
Recensioni

FLORENT GHYS

Mosaiques

(2022 - Cantaloupe)
Il delizioso e raffinato equlibrismo sonoro del contrabbassista e compositore francese

FLORENT GHYS

Ritournelles

(2022 - Cantaloupe)
Il secondo pannello, meno convincente, di "un'opera in due parti di ampio respiro"