20-21/07/2019

Lollapalooza Paris 2019

Hippodrome Paris Longchamp, Parigi


di Pier Paolo Campo
Lollapalooza Paris 2019

Quattro palchi: due “Main Stage”, un “Alternative Stage”, più un quarto che prende il nome dal fondatore del Festival, Perry Farrell. Location: l’ippodromo di Paris Longchamp. Evento: la terza edizione della versione francese del celeberrimo Lollapalooza, il Festival creato negli anni 90 proprio da Farrell, concepito negli Stati Uniti come itinerante, e trasposto nella versione europea come stanziale in alcune grandi città del vecchio continente. Ma partiamo dalla fine: le ore 23,50 di domenica 21 luglio, un po’ prestino per un evento di queste dimensioni, ma come da programma scendono dal “Main Stage 1” gli Strokes, ponendo il sigillo conclusivo alla ricca due giorni parigina.

La band newyorkese si è presentata in gran forma all’appuntamento francese: in poco più di un’ora ha eseguito molti dei propri classici, da “You Only Live Once” alla controversa “New York City Cops”, e dopo una quindicina di canzoni ha terminato l’esibizione con il primo hit della sua carriera, “Last Nite”, dal memorabile debutto “Is This It”. Un set breve, come da abitudine, ma che ha ampiamente soddisfatto gli oltre 90.000 spettatori che hanno gremito l’Hippodrome in questo fine settimana. Ha particolarmente stupito l’atteggiamento positivo di Julian Casablancas, mai tanto loquace e brillante. Il figlio del fondatore dell’agenzia Elite Model ha catalizzato l’attenzione scherzando con la band: “are you ready?”, chiedeva prima di quasi ogni canzone, oppure obbligando l’altro figlio d’arte, Albert Hammond Jr, a improvvisare improbabili musical sulla Ville Lumière. Julian non manca di lanciare messaggi provocatori anche al pubblico, come quando chiede divertito “Ho incrociato Chis Martin per le strade di Parigi oggi, ma non l’ho salutato! Ho fatto bene?”

Prima degli Strokes, la domenica ha visto come protagonisti Ben Harper e i suoi Innocent Criminals, che hanno scaldato un pubblico già bollente per le insolitamente alte temperature. L’esibizione impeccabile del bluesman americano si è conclusa con una straordinaria cover di “Superstition” di Stevie Wonder. In contemporanea sull'“Alternative Stage” si esibivano gli scozzesi Biffy Clyro che avrebbero meritato  - e lo spazio ci sarebbe stato - una collocazione meno conflittuale. La band di Kilmarnock, guidata dal cantante Simon Neil, ha elargito la solita performance piena di sudore e potenza, distinguendosi come uno dei migliori act di questa edizione.
Dopo gli scozzesi, sono saliti sull'“Alternative Stage” i mancuniani The 1975, che non sono riusciti a dissolvere un vago “effetto boy band”, provocato dai suoni abbastanza furbetti e da un pubblico di teenager urlanti. Fra ancheggiamenti e languide espressioni, il cantante Matthew Healy non avrebbe sfigurato tra un Robbie Williams e un Gary Barlow.
Nel pomeriggio a catalizzare l’attenzione avevano provveduto gli Shame, alle 16 in punto, orario che ha un po’ penalizzato l'efficace rock band anglosassone.

Il primo giorno del Festival, sulla carta il più debole a livello di line-up, si è per noi aperto con l’esibizione alle 15 di Ghali, tanto per metterci dentro anche un pizzico d’Italia. Ma nel tratto pomeridiano da segnalare è stata in particolare l’esibizione alle 19.30 di Tash Sultana. La polistrumentista australiana ha catturato l’attenzione dei presenti grazie alla splendida voce e alla capacità di muoversi con naturalezza fra chitarra, tromba e percussioni. Dopo di lei, è toccato al padre del Festival, Perry Farrell. Il cantante di Jane’s Addiction e Porno For Pyros, sempre in gran forma, si è esibito con la sua nuova creatura, la Kind Heaven Orchestra, una superband con un disco prodotto da Tony Visconti e la voce della splendida moglie Etty. Una performance dal taglio teatrale, che ha raggiunto il culmine nel bacio molto appassionato scambiato tra i coniugi Farrell. A chiudere in bellezza la serata del sabato ha poi provveduto il duo americano Twenty One Pilots, seguito da Martin Garrix, che ha fatto ballare tutti fino a mezzanotte e mezza.

Perfetta l’organizzazione del Festival, con orari rispettati al secondo e circa 50 artisti in cartellone che hanno coperto diversi generi musicali, dal rock al pop passando per l’hip-hop e l’elettronica. Interessante l’iniziativa “Lolla Chef”, grazie alla quale alcuni giovani cuochi francesi hanno presentato i loro “signature dishes” a prezzi molto economici. Se proprio dovessimo trovare un difetto, potremmo riscontrarlo nella line-up non completamente all’altezza del blasone di un marchio come quello del Lollapalooza, che si porta dietro un immaginario di ben altro spessore. Ma magari fra qualche anno saremo qui a decantare la bontà di questa edizione, visto che molti dei nomi in cartellone hanno tutte le carte in regola per raggiungere risultati artistici di grande livello.

In alto: Perry Farrell (foto di Pier Paolo Campo)

Setlist
Strokes

Heart In A Cage
You Only Live Once
Ize Of The World
The Modern Age
New York City Cops
Under Control
Hard To Explain
I Can't Win
On The Other Side
Reptilia
Meet Me In The Bathroom
Razorblade
12:51
Someday
Is This It
Last Nite

Ben Harper

Burn One Down
The Will To Live
Fight For Your Mind
Diamonds On The Inside
Please Bleed
Machine Gun
Juan Nelson Solo
Superstition

Biffy Clyro

Balance, Not Symmethry
Living Is A Problem Because Everything Dies
Howl
Mountains
Re-Arrange
Bubbles
Sunrise
Black Chandelier
Wolves Of Winter
Biblical
9/15ths
That Golden Rule
Many Of Horror
Stingin' Belle

The 1975

Give Yourself A Try
TOOTIMETOOTIMETOOTIME
She's American
Sincerity Is Scary
It's Not Living (If It's Not With You)
Paris
I Like America & America Likes Me
Somebody Else
I Always Wanna Die (Sometimes)
Love It If We Made It
Chocolate
The Sound
Sex

Shame

Another
Concrete
The Lick
One Rizla
Cowboy Supreme
Tasteless
Human, For A Minute
March Day
Friction
Lampoon
Gold Hole

Twenty One Pilots

Jumpsuit
Levitate
Heathens
We Don't Believe What's On TV
Lane Boy
Holding On To You
Jump Around
Ride
Stressed Out
My Blood
Cut My Lip
Morph
Car Radio
Chlorine
Trees
Strokes su OndaRock
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.