27-06-2012

Dieci concerti in dieci paesi in 24 ore: il folle tour dei Burning Hell

di Alessandra Reale
Il travolgente indie-pop del canadese Mathias Kom tornerà a breve in Italia nell'ambito di un mini-tour piuttosto originale. Il deus-ex-machina dei Burning Hell, infatti, si è posto l'obiettivo di stabilire un nuovo record mondiale, suonando il maggior numero di concerti nel maggior numero di paesi nell'arco di ventiquattro ore. Partendo dalla Germania il 6 luglio, la band suonerà dieci concerti in giro per l'Europa per concludere questa avventura in Slovenia 24 ore più tardi. Tra i paesi coinvolti ci sarà anche l'Italia, dove la band di Kom suonerà il 7 luglio alle 15.00 presso la Casetta Lou Fai di Verona.

The Burning Hell

Con otto concerti in ventiquattro ore, Vincente Patiz è attualmente il detentore del Guinness dei primati per questa singolare performance. Considerate le regole stringenti della sfida "ufficiale" (utilizzo di soli voli di linea per spostarsi tra i vari paesi, location per i concerti con capacità minima di 500 persone) l'avventura di Kom e soci non avrà tuttavia alcuna pretesa di ufficialità: i Burning Hell tenteranno di battere il record non ufficiale, che è attualmente di nove concerti ed è detenuto dal chitarrista americano Jeff Aug.
L'esperimento sarà testimoniato da un documentario video che seguirà le peripezie della band nelle varie tappe di questa maratona musicale.

Qui di seguito tutti gli appuntamenti dell’imminente avventura dei Burning Hell:

6 luglio - 19:00: Aachen, Germania - Hotel Europa
6 luglio - 20:15: Maastricht, Olanda - JVE
6 luglio - 21:15: Liège, Belgio - L'An Vert (Festival Les Barbantes)
6 luglio - 23:45: Luxembourg-Ville, Lussemburgo - Le Rocas
7 luglio - 1:15: Metz, Francia - L'Astrophone
7 luglio - 7:00: Trogen, Svizzera - Viertel
7 luglio - 8:30: Vaduz, Liechtenstein - Trou Noir
7 luglio - 11:00: Innsbruck, Austria - Down Town Sound
7 luglio - 15:00: Verona, Italia - Casetta Lou Fai
7 luglio - 18:30: Šmartno (Goriška Brda), Slovenia

Ariel Sharratt & Mathias Kom su OndaRock
Recensioni

ARIEL SHARRATT & MATHIAS KOM

Never Work

(2020 - BB*Island)

La rivoluzione della classe disagiata in forma di apologo anti-folk

THE BURNING HELL

Revival Beach

(2017 - BB* Island)
Cartoline pop-rock dall'apocalisse per la band canadese, dispersiva ma sempre godibile

THE BURNING HELL

Public Library

(2016 - BB* Island)
Ritorno al pungente bozzettismo per Mathias Kom e compagni

THE BURNING HELL

Live Animals

(2015 - self released)
Le gesta dal vivo del collettivo canadese capitanato da Mathias Kom

ARIEL SHARRATT & MATHIAS KOM

Don't Believe The Hyperreal

(2015 - Headless Owl)
Digressione romantica per il cantastorie canadese e la sua compagna

THE BURNING HELL

People

(2013 - BB* Island)
Per il vulcanico Mathias Kom è l'ora del capolavoro

THE BURNING HELL

Flux Capacitor

(2011 - (weewerk))
Un viaggio nei "late eighties" sulla DeLorean di Mathias Kom

THE BURNING HELL

This Charmed Life

(2010 - (weewerk))
Il ritorno "silenzioso" del folk a tinte scure di Mathias Kom, alla vigilia del tour italiano ..

THE BURNING HELL

Baby

(2009 - (weewerk))
Ritorna il trascinante folk a tinte scure di Mathias Kom

THE BURNING HELL

Happy Birthday

(2008 - (weewerk))
Dal Canada, un tagliente cabaret-folk in tinte scure

THE BURNING HELL

Tick Tock

(2006 - Weewerk)
Esordio all'insegna del mimetismo per l'eccentrico Mathias Kom

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.